Roma, Assotutela: “Tare strutturali e perdite della Fiera cadente”

Roma, Assotutela: “Tare strutturali e perdite della Fiera cadente”

28/09/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 922 volte!

Roma, Asso­tutela: “Tare strut­turali e perdite del­la Fiera cadente”

“Vogliamo rac­con­tare la triste sorte di una delle tante cat­te­drali nel deser­to dei nos­tri tem­pi: la Fiera di Roma nell’estrema per­ife­ria, costru­i­ta su ter­reni palu­dosi, inau­gu­ra­ta nell’aprile del 2006, inadegua­ta per la man­can­za di col­lega­men­ti, rap­p­re­sen­ta un polo espos­i­ti­vo tra i più crit­i­ci d’Europa, al con­trario di quan­to decanta­to sul sito uffi­ciale”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Emi Mar­i­ta­to che spie­ga: “Mag­a­ri le crit­ic­ità fos­sero solo queste. Lo sta­to di abban­dono in cui si tro­va è des­olante. Si scende alla fer­ma­ta del treno e ci si tro­va di fronte al delirio: ascen­sori rot­ti, degra­do, rifiu­ti abban­do­nati ovunque, erbac­ce incolte che coprono i mar­ci­apie­di e la pista cicla­bile. E le crit­ic­ità non si esauriscono qui. Almeno quat­tro padiglioni sono chiusi per­ché, causa fenom­e­no del­la sub­si­den­za stan­no spro­fon­dan­do e la soci­età è in costante perdi­ta. L’investimento di 355 mil­ioni per la strut­tura non ha prodot­to utili ma perdite mil­ionar­ie che alla fine, come sem­pre, ricad­ran­no sui cit­ta­di­ni. Ci chiedi­amo – insiste il pres­i­dente – per­ché si è deciso di abban­donare la stor­i­ca strut­tura su via Cristo­foro Colom­bo, quan­do sarebbe bas­ta­to un sapi­ente restyling per ripor­tar­la a nuo­va vita, sen­za altro con­sumo di suo­lo? I nos­tri gov­er­nan­ti rispon­dano al più presto per­ché non è toller­a­bile aver abban­do­na­to e las­ci­a­to al degra­do una strut­tura men­tre l’altra non ce la fa a decol­lare, pro­ducen­do solo oneri per la col­let­tiv­ità”, chiosa Maritato.