Parma: Fondazione Anna Mattioli e pet-therapy: un successo il progetto “Amici a 4 Zampe”

Parma: Fondazione Anna Mattioli e pet-therapy: un successo il progetto “Amici a 4 Zampe”

13/05/2024 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 507 volte!

La Fon­dazione Anna Mat­ti­oli di Par­ma e la pet-ther­a­py, un binomio fon­da­men­tale per raf­forzare il benessere dei bam­bi­ni attra­ver­so gli ani­mali. Tra entu­si­as­mo e parte­ci­pazione si sta svol­gen­do l’annualità 2023/24 del prog­et­to Ami­ci a 4 Zampe, forte­mente volu­to dal­la Fon­dazione pre­siedu­ta da Rober­to Pagli­u­ca e real­iz­za­to in col­lab­o­razione con l’As­so­ci­azione Jiva, che ha pre­vis­to nelle scuole di Par­ma attiv­ità assis­ti­ta con ani­mali ed incon­tri di grup­po, final­iz­za­ti ad un aumen­to del benessere gen­erale attra­ver­so attiv­ità di tipo ludi­co-ricre­ati­vo. Numerosi i pic­coli stu­den­ti coin­volti (9 clas­si di 6 scuole), per la grande sod­dis­fazione di famiglie e inseg­nan­ti: “Siamo molto sod­dis­fat­ti del­la risul­tan­za del prog­et­to — ha esor­di­to il Pres­i­dente Pagli­u­ca -. L’obiettivo del­la Fon­dazione è pro­muo­vere la conoscen­za del­la dog-ther­a­py, vol­ta a miglio­rare il benessere psi­co-fisi­co delle per­sone per ottenere ben­efi­ci sul piano fisi­co, relazionale, di empa­tia, di espres­siv­ità cre­ati­va, di comu­ni­cazione e con­di­vi­sione”. Un obi­et­ti­vo che riguar­da molte cat­e­gorie frag­ili, come appun­to i bam­bi­ni, alla cui cura la Fon­dazione spec­i­fi­cata­mente si riv­olge. “Un rap­por­to sim­bi­oti­co quel­lo tra esseri umani, nat­u­ral­ità ed ani­mali, per cui Anna Mat­ti­oli ave­va una grande pas­sione”, ricor­da lo stes­so Pagli­u­ca.

“L’animale non giu­di­ca, non rifi­u­ta – ha aggiun­to la Diret­trice Gen­erale del­la Fon­dazione Anna Mat­ti­oli Bar­bara Galan­ti -, aiu­ta la social­iz­zazione, aumen­ta l’autostima e non ha pregiudizi. Su queste idee e questi val­ori, dunque, abbi­amo deciso di dare vita ad Ami­ci a 4 zampe, con l’obiettivo fon­da­men­tale di aiutare bam­bi­ni e per­sone frag­ili ad entrare mag­gior­mente in relazione con sé stes­si e con gli altri”. Sul­la fal­sari­ga anche i respon­s­abili dell’Associazione Jiva: “La pet-ther­a­py, inoltre, detiene una fun­zione preziosa anche dal pun­to di vista cul­tur­ale poiché per­me­tte di super­are quei luoghi comu­ni che vor­rem­mo andare a scar­dinare anche attra­ver­so un’e­d­u­cazione di tipo emozionale e relazionale, cosa che ci viene per­me­s­sa gra­zie alla pre­sen­za dei nos­tri ami­ci ani­mali. Ringrazi­amo la fon­dazione Anna Mat­ti­oli per aver­ci dato la pos­si­bil­ità di portare la nos­tra azione a sosteg­no dei bam­bi­ni con fragilità”

Sod­dis­fat­to anche Antoni­no Can­dela, diri­gente sco­las­ti­co dell’Istituto Com­pren­si­vo Parmi­gian­i­no: “L’esperienza del­la pet-ther­a­py rap­p­re­sen­ta cer­ta­mente un approc­cio inno­v­a­ti­vo all’interno del­la didat­ti­ca sco­las­ti­ca e dell’attività educa­ti­va, diven­tan­do anche un fan­tas­ti­co stru­men­to di inte­grazione sociale”. Alla luce del­la parte­ci­pazione e del suc­ces­so riscos­si, il prog­et­to Ami­ci a 4 Zampe, dunque, non si fer­ma qui, anzi andrà avan­ti con rin­no­va­to slan­cio e impeg­no nelle Scuole di Par­ma anche in occa­sione del prossi­mo anno sco­las­ti­co. “In tal sen­so gli Isti­tu­ti inter­es­san­ti potran­no inviar­ci le loro can­di­da­ture già nelle prossime set­ti­mane”, con­cludono dal­la Fon­dazione Anna Mat­ti­oli.

Related Images: