Marino, Raparelli (Il Centro): il Sindaco ci ascolti per il Liceo Mercuri

Marino, Raparelli (Il Centro): il Sindaco ci ascolti per il Liceo Mercuri

28/09/2022 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 571 volte!

A SCUOLA DI… ENERGIA
Il con­sigliere de Il Cen­tro per Mari­no, Rober­to Rapar­el­li lan­cia una pro­pos­ta per gli studenti
e per tut­ti i cit­ta­di­ni all’inizio del nuo­vo anno scolastico.
“Il sin­da­co ci ascolti. Se avesse attua­to il nos­tro piano, il liceo Mercuri
avrebbe di nuo­vo una sede. Invece non si vedono anco­ra nep­pure i container”

Stu­den­ti di ogni ordine e gra­do, dalle pri­marie al liceo artis­ti­co, a Mari­no, anco­ra sen­za una sede sco­las­ti­ca. La nos­tra pro­pos­ta di ricol­lo­care il Mer­curi nell’ex mer­ca­to cop­er­to cadu­ta nel vuo­to. Nep­pure dei con­tain­er annun­ciati in piaz­za Ungaret­ti si vede anco­ra trac­cia. Han­no davvero un bel cor­ag­gio il sin­da­co Cec­chi e la sua Ammin­is­trazione, in pri­mo luo­go la vicesin­da­ca Sab­ri­na Min­uc­ci e l’assessore alla Pub­bli­ca Istruzione Pamela Muc­ci­ni, ad augu­rare buon anno sco­las­ti­co agli stu­den­ti marinesi!”

Così in una nota i mem­bri del diret­ti­vo Otel­lo Bocci, Umber­to Minot­ti, Mar­co Otta­viani e il con­sigliere comu­nale del grup­po civi­co Il Cen­tro per Mari­no inter­ven­gono sull’apertura dell’anno sco­las­ti­co e su altre ques­tioni di stret­ta attual­ità sulle quali l’Amministrazione comu­nale con­tin­ua a latitare.

All’inizio di ques­ta com­pli­ca­ta sta­gione autunnale/invernale — aggiunge il con­sigliere Rober­to Rapar­el­li — cre­do come ammin­is­tra­tori comu­nali dovrem­mo pre­oc­cu­par­ci anche dell’emergenza ener­get­i­ca. I plessi sco­las­ti­ci potreb­bero essere usati anche come piattaforme per il foto­voltaico sulle quali instal­lare un numero cospic­uo di pan­nel­li solari utili per dare ener­gia alle scuole e anche agli altri edi­fi­ci e infra­strut­ture comu­nali. Si ten­ga con­to infat­ti — spie­ga Rapar­el­li — che da qui a un anno scadrà anche l’appalto per la pub­bli­ca illu­mi­nazione con il Comune e i cit­ta­di­ni che saran­no sot­to­posti alle nuove tar­iffe anche per l’illuminazione pub­bli­ca, com­por­tan­do un nec­es­sario aumen­to delle tasse. Per questo pen­sare a una mag­giore auto­pro­duzione di ener­gia potrebbe essere l’inizio di una soluzione” chiosa il con­sigliere centrista.

Il sin­da­co Cec­chi anziché perdere tem­po a fare da spon­sor ai can­di­dati alle elezioni politi­ci nazion­ali — con­cludono dal diret­ti­vo de Il Cen­tro — ascolti le pro­poste che le forze politiche del ter­ri­to­rio fan­no a tut­to van­tag­gio dei cit­ta­di­ni. Esca dal forti­no fat­to di self­ie, auto­com­piaci­men­to e yes-men nel quale si è rinchiu­so e tro­vi le soluzioni per le quali la mag­gio­ran­za dei cit­ta­di­ni lo ha votato”.