MARINO. Denuncia feroce del PCI: Sindaco e Giunta M5S hanno totalmente fallito sul reddito di cittadinanza. Lo dicono i loro numeri!

MARINO. Denuncia feroce del PCI: Sindaco e Giunta M5S hanno totalmente fallito sul reddito di cittadinanza. Lo dicono i loro numeri!

23/09/2018 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 282 volte!

MARINO. Red­di­to Cit­tad­i­nan­za. PCI : PERCHE’ “STI PAGLIACCIATE”? Per­ché c’è inca­pac­ità politica/amministrativa e per­ché si nega con­fron­to!.
“Ormai, guardan­do a ritroso, è diven­ta­ta una telen­ov­ela che se non fos­se dram­mat­i­ca, sul­la pelle delle per­sone, potrem­mo incas­tonarla nelle farse all’italiana! Par­liamo del­lo sbandier­a­to red­di­to di cit­tad­i­nan­za che il capoc­lown ha avu­to anche l’ardire di pro­por­lo come “mod­el­lo nazionale” andan­do a met­ter­lo come per­no del­la cam­pagna elet­torale in Molise!
Par­liamo di ques­ta sequen­za:
1. Pres­so il set­tore dei servizi sociali del comune di Mari­no sono attive da anni mis­ure di sosteg­no sociale. Queste, con una spe­sa di cir­ca 300mila euro annui, inter­viene a sod­dis­fare i bisog­ni di centi­na­ia e centi­na­ia di per­sone, di gio­vani, indi­ret­ta­mente di famiglie. Per poco tem­po ma in modo dif­fu­so.
2. Elezioni ammin­is­tra­tive. Vince il M5S, pro­pone il red­di­to di cit­tad­i­nan­za. Il PCI chiede di essere ascolta­to per­ché ha pro­poste real­iz­za­tive di mer­i­to. Ci viene det­to si, poi si nega con­fron­to reale e veni­amo las­ciati fuori dal­la por­ta.
3. Viene reso noto, dopo un anno per­so e sen­za che i cit­ta­di­ni, quin­di, abbiano potu­to usufruire delle mis­ure prece­den­ti, che ci sarà il red­di­to di cit­tad­i­nan­za. Denun­ci­amo che i sol­di sono pochi. Anche molti altri, in con­siglio e pub­bli­ca­mente esp­ri­mono dub­bi. Nul­la.
4. Il Sin­da­co e il M5S con­tin­u­ano e con soli 300mila euro annun­ciano che daran­no soluzione a centi­na­ia di cit­ta­di­ni.
5. Fac­ciamo i con­ti, con le pro­poste eco­nomiche dette da chi sta gov­er­nan­do Mari­no, dimos­tri­amo che al mas­si­mo pos­sono rispon­dere a 100 per­sone. Silen­zio.
6. Si appro­va rego­la­men­to, si apre ban­do, si ricevono risposte: a fronte dei dram­mi che eco­nomi­ca­mente le famiglie stan­no suben­do, tan­to è con­tor­to il ban­do che solo 81 pre­sen­tano richi­es­ta!
7. Dal­la trage­dia, alla farsa: tan­to è da labir­in­to ed enig­ma irri­solvi­bile il per­cor­so dei req­ui­si­ti, che tra le 81 domande, solo 31 sono gli ammes­si a rice­vere il sosteg­no!
Che genio del­la polit­i­ca e del­la ammin­is­trazione occorre per rispon­dere a ques­ta sem­plice doman­da: A Mari­no non è vero che c’è il dram­ma del lavoro, non è vero che c’è una dif­fusa soglia di povertà tra i ceti popo­lari e medi, oppure ques­ta buf­fona­ta impos­ta e real­iz­za­ta da Sin­da­co e Giun­ta M5S è un totale fal­li­men­to?
Un tema cen­trale, per la loro polit­i­ca di Cinquestelle, non meriterebbe come rispos­ta coer­ente e non truf­fal­d­ina, le scuse per non aver­ci capi­to nul­la, e le dimis­sioni in bloc­co?”
(Dichiarazione del­la Seg­rete­ria del PCI di Mari­no, pre­sente anche sul Blog del PCI locale, https://pcimarino.blogspot.com/).