Con Dino Rapo, Marino perde un pezzo importante della sua storia politica

Con Dino Rapo, Marino perde un pezzo importante della sua storia politica

24/09/2018 2 Di Francesca Marrucci

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3566 volte!

L’editoriale

Con Dino Rapo, Marino perde un pezzo importante della sua storia politica

di Francesca Marrucci

Ho saputo ieri che Dino Rapo ci ha lasciato. 
Dino non era cer­to una per­sona che sarebbe potu­ta pas­sare inosser­va­ta in un con­testo come quel­lo marinese. 
Una per­son­al­ità uni­ca, appas­sion­a­ta, coer­ente ed estrema­mente sveg­lia che ho avu­to il priv­i­le­gio di conoscere già da ragazzina.
Ave­vo un’idea all’e­poca di Dino. 
Era l’idea dei social­isti che ave­vano un po’ tut­ti quel­li che fre­quen­ta­vo, ma soprat­tut­to era l’idea che in molti ave­vano su quan­ti si avvi­cen­da­vano sul­la poltrona di Pri­mo Cit­tadi­no diret­ti dal­l’al­lo­ra capo indis­cus­so del PSI e del­l’in­tero paese, Giulio Santarelli.
Non era un’idea pos­i­ti­va, ovviamente.
I miei pezzi era­no sem­pre molto for­ti, crit­i­ci, insom­ma non con­cede­vo niente alle giunte santarelliane.
Quan­do Dino divenne Sin­da­co, mi mandò a chia­mare, vol­e­va rilas­cia­re un’in­ter­vista esclusiva.
Incon­trai una per­sona molto diver­sa dal­l’im­mag­ine che cir­cola­va negli ambi­en­ti politici. 
Dino era uno che se si pren­de­va una respon­s­abil­ità, la por­ta­va a ter­mine, non impor­ta­va se questo gli costasse a liv­el­lo personale.
Ave­va le sue idee su come fare il Sin­da­co, non vol­e­va essere diret­to da altri, nem­meno dal Partito. 
E le sue idee non era­no male.
Fu lui a spie­gar­mi quan­to un Sin­da­co pos­sa essere impo­tente se i dipen­den­ti comu­nali e di con­seguen­za la macchi­na comu­nale lo boicot­tano. Un par­ti­co­lare di estrema impor­tan­za che chi non è avvez­zo alle stanze di Palaz­zo Colon­na dif­fi­cil­mente coglie.
Mi illus­trò vari prog­et­ti in quel­la sede.
‘Roba pic­co­la, ma che serve alla gente,’ mi disse. ‘Qui par­liamo sem­pre di gran­di numeri, di roba che alla gente non fre­ga niente. Alla gente serve di vivere bene sto paese tut­ti i giorni!’ 
E nonos­tante tutte le dif­fi­coltà, in pochi mesi mise a seg­no delle miglior­ie che anda­vano ad incidere sul­la quo­tid­i­an­ità, come quel­la del mar­ci­apiede davan­ti alla SS Trinità, che anco­ra oggi rimane fondamentale.
Mi colpì la sua sin­cer­ità, irrituale per le polit­i­ca del peri­o­do, inop­por­tu­na per quel­la suc­ces­si­va, la sua veemen­za, la sua con­vinzione e il cor­ag­gio di met­ter­si con­tro mec­ca­n­is­mi oliati in cui ave­va comunque avu­to una parte impor­tante fino a quel momen­to e anche dopo. 
Mi spiegò lui tan­ti mec­ca­n­is­mi del­la polit­i­ca mari­nese, in quel frangente e anche suc­ces­si­va­mente, che si ripetono ancor oggi come sche­mi fissi. 
Mi spiegò lui che la sper­an­za e la voglia di fare meglio, sì che van­no bene, ma bisogna anche stare con i pie­di per ter­ra e stu­di­are strate­gie adat­te al mate­ri­ale umano che si ha a disposizione. 
Il rap­por­to da allo­ra non fu mai con­flit­tuale, anzi, nonos­tante mi abbia fat­to cre­do 3 o 4 querele (poi tutte riti­rate), c’è sem­pre sta­to un rap­por­to cor­diale tra noi e spes­so mi han­no det­to che parla­va molto bene di me e questo mi com­muove­va sempre.
Ricor­do una mat­ti­na (avrò avu­to 20 anni) che mi tele­fonò a casa per dir­mi che mi ave­va dovu­to quere­lare per forza per­ché la moglie, leggen­do un mio edi­to­ri­ale che lo attac­ca­va, era svenu­ta. Era un po’ una parte che in quel peri­o­do face­va parte del rap­por­to polit­i­ca-gior­nali e che Dino incar­na­va in modo davvero pecu­liare, il suo modo.
‘A Francè, lo dove­vo a mi’ moje, capis­ci no? Quel­la è svenu­ta, sta­mat­ti­na. Tan­to poi nun me pre­sen­to, tranquilla.”
Era un grande Dino, aut­en­ti­co, sim­pati­co, ver­ace e uni­co in una polit­i­ca d’al­tri tem­pi, con altre regole, con altri sche­mi, con altre storie.
Ho fat­to tesoro del suo piglio diret­to e dis­in­can­ta­to, del­la sua prag­matic­ità e del modo di con­sid­er­are le situ­azioni, cer­can­do sem­pre il lato meno negativo. 
A tan­ti par­rà stra­no, ma Dino Rapo è sta­to uno dei politi­ci mari­ne­si che mi ha inseg­na­to di più, pur venen­do da un ambito più mod­er­a­to di quel­lo che mi ha poi carat­ter­iz­za­to, anche per­ché tra i social­isti ci sono cresci­u­ta, vis­to che la loro sezione ospi­ta­va la redazione del pri­mo gior­nale con cui ho col­lab­o­ra­to, a 15–16 anni.
Devo tan­to a Dino e gli vole­vo davvero bene. 
È brut­to perdere un’al­tra pietra mil­iare di questo paese e l’u­ni­ca con­so­lazione sono pro­prio i tan­ti inseg­na­men­ti che ha las­ci­a­to a me e a noi tutti.
Sono vic­i­na alla famiglia e man­do un gran­dis­si­mo abbrac­cio ai figli che san­no di aver avu­to un grande padre.