Intervista a Carola: “Con il canto tiro fuori tutta me stessa”

Intervista a Carola: “Con il canto tiro fuori tutta me stessa”

31/01/2021 0 Di Carola Piluso

Hits: 149

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 277 volte!

La gio­vanis­si­ma Car­o­la, classe 2002, ha lan­ci­a­to sul mer­ca­to il suo sin­go­lo d’e­sor­dio “Maionese”. Il bra­no è già un suc­ces­so su spo­ti­fy e come men­tore la can­tante tori­nese ha il can­tau­tore Raige. Car­o­la ci ha rac­con­ta­to i suoi sog­ni, le sue pas­sioni e il suo prog­et­to musicale.

Ciao Car­o­la, par­ti­amo da Maionese, il tuo sin­go­lo d’e­sor­dio. Rac­con­taci la nasci­ta di questo bra­no e i pro­ces­si di lavorazione. 

Questo bra­no nasce da una col­lab­o­razione. Io ho dato gli spun­ti, la sto­ria su cui basare il pez­zo e poi è sta­to scrit­to da altri. Ho rac­con­ta­to una sto­ria che ho vis­su­to a Emanuele Los­i­to e lui ha scrit­to il testo ispi­ran­dosi al mio rac­con­to. Per ren­dere il bra­no più orec­chi­a­bile ha inser­i­to nel ritor­nel­lo la paro­la Maionese che poi è diven­ta­ta il tito­lo del pezzo.

Per­ché tra tan­ti ali­men­ti è sta­ta scelta pro­prio la maionese?

Non c’è un vero moti­vo dietro.. è nata così, d’istin­to. Quel giorno ave­va­mo voglia di maionese e ci siamo las­ciati ispi­rare da questo alimento.

Maionese par­la anche di cor­ag­gio, per te quan­to è impor­tante avere cor­ag­gio nel­la vita e nel­la musica?

Una bel­la doman­da… Dici­amo che nel­la vita sono molto razionale. Cer­co sem­pre di essere cor­ag­giosa ma spes­so mi fac­cio frenare dalle ansie e para­noie. Ansie che ognuno di noi vive sia nel lavoro che nel­la vita di tut­ti i giorni in generale.

Il tuo diret­tore artis­ti­co è Raige, come vi siete incon­trati e come è nata la vos­tra collaborazione?

Raige è una bel­lis­si­ma per­sona, al quale voglio molto bene. Gli sono gra­ta per quel­lo che ha fat­to per me, per aver­mi fat­to crescere sia a liv­el­lo musi­cale vocal­mente, sia a liv­el­lo per­son­ale. Ci siamo conosciu­ti casual­mente tramite per­sone che conos­ci­amo entram­bi. Poi ha ascolta­to la mia voce e ha vis­to qual­cosa in me e ha deciso di credere in me. Mi ha dato l’op­por­tu­nità di cantare, di far uscire quel­lo che mi ten­go den­tro da tan­to tem­po e per questo gli sarò sem­pre riconoscente. Si è accor­to di quel­lo che ave­vo dentro.

Raige si è accor­to di quel­lo che ave­vi den­tro. Come ti sei accor­ta di avere la neces­sità di esprimer­ti artis­ti­ca­mente? Pen­so che se ne sia accor­to  per­ché abbi­amo un carat­tere molto sim­i­le. Ho vis­su­to delle espe­rien­ze anche abbas­tan­za pesan­ti che mi han­no seg­na­to quan­do ero pic­co­la.  Non mi piace par­lare e per comu­ni­care il mio sta­to d’an­i­mo lo face­vo attra­ver­so i dis­eg­ni o can­tan­do. Cantare fa esprimere me stes­sa al meglio. I miei gen­i­tori da pic­co­la mi por­ta­vano al karaoke e da lì non ho mai smes­so. Attra­ver­so il can­to tiro fuori le ansie, i sentimenti.

Quali sono le prime can­zoni che hai can­ta­to e che ti han­no sbloc­ca­to emotivamente?

Ce ne sono state tante, in par­ti­co­lare Gli uomi­ni non cam­biano di Mia Mar­ti­ni. Can­zone abbas­tan­za impor­tante che forse una bam­bi­na di sette anni non dovrebbe cantare. Mi sono por­ta­ta avan­ti Mia Mar­ti­ni come esem­pio per la mia carriera.

La scelta di Mia Mar­ti­ni per una ragaz­za così gio­vane è abbas­tan­za par­ti­co­lare… soprat­tut­to al giorno d’og­gi dove gli ado­les­cen­ti ascoltano la trap o indie.

Parec­chio par­ti­co­lare! Mi ren­do con­to che con i miei coetanei fac­cio fat­i­ca a relazion­ar­mi, vado più d’ac­cor­do con gente più grande di me. Ho tutte ami­cizie più gran­di. Nel­la mia vita è sem­pre sta­to così, non solo per la musi­ca ma anche per la visione del mondo.

Car­o­la la pas­sione per la musi­ca ti è sta­ta trasmes­sa da qualcuno?

Mio papà can­ta­va sem­pre in casa, mia madre can­ta­va liri­co e quin­di la pas­sione l’ho ered­i­ta­ta da loro.

Pen­si di far uscire anche un album?

Spero di far­lo uscire presto, ci sti­amo lavo­ran­do. Non pos­so riv­e­lare trop­po altri­men­ti rovi­no la sorpresa.

Hai mai pen­sato di parte­ci­pare a San­re­mo Gio­vani o a un talent?

Ci ho pen­sato però ho prefer­i­to pri­ma provare da sola. Preferisco pri­ma fare da sola.

Un sog­no nel cas­set­to di Car­o­la che vor­resti si avverasse?

Il mio sog­no è che il mio prog­et­to musi­cale pos­sa appas­sion­are il pub­bli­co. Spero che ques­ta pos­sa diventare la mia pro­fes­sione a tut­ti gli effetti.