Idee “Gluten Free” per un Natale di condivisione e solidarietà al tempo del Covid

Idee “Gluten Free” per un Natale di condivisione e solidarietà al tempo del Covid

14/12/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 690 volte!

Anche se con meno com­men­sali, non rin­un­ci­amo al piacere del­la con­vivi­al­ità. Da New Food Gluten Free, idee di por­tate adat­te a tut­ti, anche ai celiaci, tra gus­to, tradizione e innovazione 

Natale si avvic­i­na ed è tem­po di orga­niz­zarsi per le feste! Quest’anno, in tem­pi di Covid, tut­to sarà un po’ diver­so, tra divi­eti e per­sone care lon­tane che potremo vedere solo attra­ver­so uno scher­mo, ma non vuol dire che dovre­mo rin­un­cia­re al piacere del­la con­vivi­al­ità tipi­ca­mente ital­iana di cenoni e pranzi, anche se con meno com­men­sali. Per vivere al meglio questi giorni di fes­ta, la soluzione migliore è quel­la di cucinare in casa alcune por­tate, poiché quan­do si prepara un pas­to con amore, si mette den­tro anche una pic­co­la parte di sé, ren­den­do ogni piat­to più buono, ma anche ordinare le restanti pres­so ris­toran­ti, ros­tic­cerie o  sot­to casa. Questo per­me­t­terà non solo di sostenere una cat­e­go­ria di lavo­ra­tori, quel­la dei negozi di vic­i­na­to, che vive un peri­o­do di pro­fon­da dif­fi­coltà, ma anche di alleg­gerire il lavoro e lo stress di chi si met­terà ai fornelli.

Del resto, mai come in questo 2020, a Natale le parole d’ordine potreb­bero essere sol­i­da­ri­età e con­di­vi­sione, per questo, il sug­ger­i­men­to è di preparare piat­ti che pos­sano essere man­giati da tut­ti i com­men­sali e, ad esem­pio, anche da chi sof­fre di celi­achia. In questo caso è indis­pens­abile che i cibi non vengano con­t­a­m­i­nati dal glu­tine, per questo abbi­amo chiesto a una realtà conosci­u­ta e apprez­za­ta come la New Food Gluten Freewww.newfoodglutenfree.it azien­da leader del gluten free romano, che ha lab­o­ra­tori cer­ti­fi­cati ed uti­liz­za materie prime gen­uine e di alta qual­ità — qualche con­siglio e qualche sug­ger­i­men­to per un piat­to gus­toso, nutri­ente e alla por­ta­ta di tut­ti i palati.

“Chi è celi­a­co quan­do è a tavola con per­sone non celi­ache deve sem­pre chiedere con­fer­ma di pot­er man­gia­re una deter­mi­na­ta cosa, fare atten­zione che i cibi con glu­tine non si tro­vi­no trop­po vici­ni a quel­li sen­za, e si tro­va a guardare piat­ti che sem­bra­no molto invi­tan­ti, ma che lui/lei non pos­sono assag­gia­re — spie­gano Ste­fano Pacia­roni e Loren­zo Mel­oni, fonda­tori di New Food Gluten Free -. Natale, però, è con­di­vi­sione, spen­sier­atez­za ed alle­gria, per questo, se anche un solo com­men­sale è celi­a­co, met­ti­amo a tavola tut­ti cibi sen­za glu­tine, che non vuol dire sen­za o con meno gus­to, ma, sem­plice­mente, acces­si­bili a tut­ti e altret­tan­to buoni!”.

Ecco, dunque, alcune idee di menù per i prossi­mi giorni di fes­ta. “Scegli­ete ricette e piat­ti sem­pli­ci e deliziosi ma con abbina­men­ti culi­nari orig­i­nali e sfiziosi. Piat­ti dagli ingre­di­en­ti fres­chi e fra­granti con prodot­ti di ele­va­ta qual­ità nutrizionale, che regaler­an­no ai vostri com­men­sali salute, gus­to e benessere per una tavola “gluten free” che cer­ta­mente non dimen­ticher­an­no”, sot­to­lin­eano anco­ra Loren­zo e Stefano.

Antipasti, pri­mi, sec­on­di e dol­ci: su cosa puntare, dunque? Per quan­to riguar­da gli antipasti, i fonda­tori del­la New Food Gluten Free sug­geriscono bot­tonci­ni farci­ti, pizzette sfoglia, rus­ti­ci, o bloc­chet­ti di parmi­giane di melan­zane o di zuc­chine. Men­tre per quan­to riguar­da i pri­mi piat­ti, in occa­sione del­la fatidi­ca sera del­la Vig­ilia di Natale, si potrebbe optare per gnoc­chet­ti alle von­gole o ravi­o­li di fari­na di ceci, sen­za dimen­ti­care un buon frit­to di cala­mari e gam­beri in cros­ta di mais. E per il pran­zo di Natale, invece? “Anche qui, piat­ti di qual­ità, con un paio di assag­gi che pos­sono andare dal burg­er di ceci e zuc­ca, agli spie­di­ni di ver­dure fino alle polpette di zuc­ca. Insom­ma, si può spaziare, gio­can­dosela bene con i con­torni e le crem­ine di accom­pa­g­na­men­to”, aggiun­gono dal­la New Food Gluten Free.

Che, poi, tiene a sot­to­lin­eare: “La pas­ta all’uovo sen­za glu­tine può diventare la vera regi­na oppure un buon risot­to, un regale tortelli­no in bro­do, o anco­ra una lasagna veg­ana. Lin­guine al ragù di castagne, risot­to fichi e bur­ra­ta, pas­ta con pesto di pis­tac­chi. E anco­ra risot­to zuc­ca e taleg­gio dec­o­ra­to con pol­vere di caf­fè. Queste le nos­tre pro­poste”. Infine spazio ai dol­ci, tra una gio­ca­ta a carte e l’altra.

Imman­ca­bile, in questo sen­so, un buon panet­tone arti­gianale, così sof­fice e lievi­ta­to da far cedere anche i palati più dif­fi­cili, o una buona crosta­ta dal gus­to leg­gero fat­ta con ingre­di­en­ti nat­u­rali: è un dolce otti­mo per ogni ricor­ren­za disponi­bile e in molte vari­anti; al cioc­co­la­to, ciliegia, albic­oc­ca o vis­ci­ole. A chi­ud­ere anche un clas­si­co ciambel­lone, delizioso e pro­fu­ma­to, real­iz­za­to con farine naturali.