Canapa in Piazza a Cori con la Festa della Semina

Canapa in Piazza a Cori con la Festa della Semina

29/03/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2418 volte!

Domeni­ca 2 Aprile, dalle ore 11:00, appun­ta­men­to a piaz­za Sant’Oliva per risco­prire usi e cos­tu­mi legati alla cana­pa. In pro­gram­ma dimostrazioni, degus­tazioni, dibat­ti­ti e con­feren­ze con politi­ci ed esper­ti del set­tore, cor­so di canapi­coltura e musi­va live.

Domeni­ca 2 Aprile, a Cori, nel piaz­za­le di Sant’Oliva, si svol­gerà la Fes­ta del­la Sem­i­na ‘Cana­pa in piaz­za’. L’evento, orga­niz­za­to dal­l’as­so­ci­azione Cana­pa Info Point (aka CIP) nelle per­sone di Markab Mat­tossi (Vice Pres­i­dente CIP) e Fabio Tam­bu­lani (Pres­i­dente CIP Cori), è figlio del prog­et­to ‘Saraci­nesco in cana­pa’ al quale col­lab­o­ra­no il Comune di Saraci­nesco (RM), le uni­ver­sità e le asso­ci­azioni che pro­muovono la rein­tro­duzione nel quo­tid­i­ano di usi e cos­tu­mi legati alla cana­pa.

Cel­e­brare il gesto e il momen­to del­la sem­i­na vuol essere d’auspicio per una nuo­va sta­gione di dirit­ti e rispet­to per la natu­ra. L’iniziativa infat­ti pun­ta a far conoscere le svari­ate poten­zial­ità di ques­ta pianta, spes­so dis­crim­i­na­ta, quale fonte di red­di­to, ma anche come pos­si­bile soluzione a tan­ti prob­le­mi eco­logi­ci e medici. La plas­ti­ca ottenu­ta dal­la cana­pa ad esem­pio è immen­sa­mente più benefi­ca per l’ambiente rispet­to a quel­la da petro­lio.

In cresci­ta il suo impiego nel­la pro­duzione far­ma­ceu­ti­ca e nelle ter­apie del dolore, come la cura del­la scle­rosi mul­ti­pla, malat­tia degen­er­a­ti­va da cui era affet­ta Anna Maria Pis­til­li, pri­ma Vice Pres­i­dente del CIP Cori, che si è bat­tuta fino alla fine per la for­ni­tu­ra gra­tui­ta del­la cana­pa per scopi ter­apeu­ti­ci, impeg­no ered­i­ta­to dall’attuale diri­gen­za. Ad un anno dal­la scom­parsa ver­rà ricor­da­ta, alla pre­sen­za del mar­i­to Riahi Masqud, con una poe­sia a lei ded­i­ca­ta.

La colti­vazione del­la cana­pa appartene­va anche alla tradizione corese. Come risul­ta dai doc­u­men­ti dell’Archivio stori­co comu­nale, l’economia del­la Cit­tà di Cori già nel Cinque­cen­to trae­va gio­va­men­to da queste pianta­gioni, da cui si ricava­va mate­ria pri­ma per il tes­sile. Le due prin­ci­pali cana­paie locali si trova­vano all’epoca nelle local­ità Le Fontanelle e Capo Le Mole, zone che ver­ran­no rimesse a coltura col reimpianto del­la cana­pa da seme.

La man­i­fes­tazione inizierà alle ore 11:00 con l’apertura degli stand allesti­ti dagli oper­a­tori del set­tore, che esporran­no i derivati del­la cana­pa, daran­no dimostrazione dei suoi moltepli­ci uti­lizzi, con pos­si­bil­ità di degustare olio, farine, semi e altri prodot­ti ali­men­ta­ri ottenu­ti soprat­tut­to dal­la sua semen­za. Nel pomerig­gio, dalle ore 15:00, dibat­ti­ti e con­feren­ze pre­ced­er­an­no il cor­so base di canapi­coltura per agri­coltori che inten­dono sper­i­menta­re la colti­vazione del­la cana­pa.

Tra gli inter­ven­ti: il Con­sigliere regionale e Pres­i­dente del­la Com­mis­sione Agri­coltura Daniele Fichera, illus­tr­erà la legge recen­te­mente approva­ta dal­la Regione Lazio a sosteg­no del­la fil­iera del­la cana­pa; l’Ing. Vale­rio Zuc­chi­ni, esper­to del­la lavo­razione del­la cana­pa, par­lerà dei van­tag­gi di un impianto di pri­ma trasfor­mazione del­la cana­pa; il Dott. Ric­car­do Barba­gal­lo, ricer­ca­tore Exe­nia, pre­sen­terà il pio­ner­is­ti­co impianto di estrazione in CO2 super­crit­i­ca. In ser­a­ta musi­ca live con i Sem­plice­mente Mar­got di Cori.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR