CIBO GRATIS AI RANDAGI, CARAMANICA(RA): “BRAMBILLA CHIARISCA SU EVENTUALE TOSSICITA’”

CIBO GRATIS AI RANDAGI, CARAMANICA(RA): “BRAMBILLA CHIARISCA SU EVENTUALE TOSSICITA’”

20/06/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 823 volte!

Appren­di­amo che la Lei­daa – Lega ital­iana per la Dife­sa degli Ani­mali e dell’Ambiente -, pre­siedu­ta da Michela Vit­to­ria Bram­bil­la, ha regala­to pasti ai cani e gat­ti randa­gi d’Italia, in segui­to a un accor­do siglato con la cate­na di super­me­r­cati Lidl. Si trat­terebbe di una inizia­ti­va lode­v­ole se non fos­se che abbi­amo numerose per­p­lessità in mer­i­to alla qual­ità delle croc­chette “Orlan­do Lidl”. Sul tema alla Bram­bil­la e alla Lidl chiedi­amo, in prim­is: anche queste ultime sareb­bero state des­ti­nate a sfamare i randa­gi? È vero che alcu­ni sac­chi di cibo sec­co per cani, “Orlan­do Lidl”, sareb­bero sta­ti richia­mati negli Sta­ti Uni­ti per i suoi ele­vati liv­el­li di tossic­ità a causa di ecces­so di vita­mi­ta D? E anco­ra: sono sta­ti ese­gui­ti con­trol­li ali­men­ta­ri e chimi­ci a cam­pi­one sulle marche, ogget­to dell’accordo tra la Lei­daa e la Lidl? Siamo di fronte a una ques­tione molto del­i­ca­ta, che richiede imme­di­a­ta chiarez­za: ci auguri­amo che la Bram­bil­la non riman­ga silente”.

Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale di Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.