MARINO, PD: PROSEGUIAMO CON RESPONSABILITÀ PER DARE RISPOSTE CONCRETE AI MARINESI

MARINO, PD: PROSEGUIAMO CON RESPONSABILITÀ PER DARE RISPOSTE CONCRETE AI MARINESI

03/02/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3052 volte!

Franca Silvani

Fran­ca Sil­vani

MARINO, PD: DOPO MESI DI LAVORO PER COSTRUIRE UN’ALLEANZA DI GOVERNO ESTESA ED EFFICACE, PROSEGUIAMO CON RESPONSABILITÀ PER DARE RISPOSTE CONCRETE AI MARINESI.

          In questi mesi abbi­amo lavo­ra­to dura­mente per par­tire in tem­pi utili, nonos­tante quan­to è suc­ces­so in questo Comune, a for­mare una coal­izione sol­i­da per dare ai cit­ta­di­ni una val­i­da pro­pos­ta alle prossime elezioni comu­nali.
          Per il Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co si trat­ta di un per­cor­so nat­u­rale che por­ta a com­pi­men­to gli impeg­ni pre­si, non solo durante l’ultimo con­gres­so, ma anche durante tut­ta l’attività tra i cit­ta­di­ni che ci ha vis­to pro­tag­o­nisti in questi mesi. Men­tre altri fir­ma­vano procla­mi, noi siamo sce­si in piaz­za a sen­tire i pareri del­la gente e a difend­ere le istanze dei cit­ta­di­ni su prob­le­mi reali e sen­ti­ti, come lo sposta­men­to del­la cir­co­scrizione o la ques­tione Acea.
          La com­pagine larga a cui vogliamo dar vita, si vuole for­gia­re sia  sul nucleo stori­co del cen­trosin­is­tra e le liste civiche che ivi si col­lo­cano,  sia sull’ allarga­men­to ad altre liste civiche e movi­men­ti.
          A tal fine abbi­amo iden­ti­fi­ca­to dei pun­ti inalien­abili e comu­ni su cui iniziare una dis­cus­sione costrut­ti­va, vol­ta al supera­men­to delle dif­feren­ze, nell’ottica esclu­si­va dell’interesse del cit­tadi­no, per pro­cedere alla stesura del pro­gram­ma e quin­di all’ indi­vid­u­azione del can­dida­to sin­da­co.
           Man­cano poco più di 4 mesi al voto. Ricom­in­cia­re tut­to da capo, in questo momen­to, sig­ni­ficherebbe van­i­fi­care mesi di lavoro per met­tere sul­lo stes­so tavo­lo liste e par­ti­ti che fat­i­ca­vano a par­lare tra loro; sig­nifi­ca den­i­grare l’azione diplo­mat­i­ca da noi svol­ta per rius­cire ad allargare a sogget­ti del­la soci­età civile una coal­izione che, ripresen­tan­dosi nei ter­mi­ni con cui si è pre­sen­ta­ta alle scorse elezioni, non ha sper­anze nem­meno di arrivare al bal­lot­tag­gio; sig­nifi­ca sot­tosti­mare l’importanza fon­da­men­tale di dare una con­no­tazione strut­tura­ta ad una coal­izione in tem­pi utili, forse per la pri­ma vol­ta nel­la sto­ria polit­i­ca di questo paese.
          Ci siamo mes­si a dis­po­sizione, abbi­amo aper­to un tavo­lo basato sul­la pari dig­nità, ci siamo assun­ti le respon­s­abil­ità del nos­tro ruo­lo. Ora la doman­da che fac­ciamo ai par­ti­ti e alle liste: il nos­tro inten­to è tute­lare l’intera coal­izione ed i cit­ta­di­ni oppure le ambizioni di pochi?
Il Pd si pone come garante. Ora dob­bi­amo decidere se vogliamo andare drit­ti all’ obi­et­ti­vo che ci siamo posti. L’assunzione di respon­s­abil­ità, in polit­i­ca, come nel­la vita, è essen­ziale e noi non ci siamo mai nascosti.
          Adesso però è il momen­to di pren­dere una deci­sione chiara ed inequiv­o­ca­bile.
Non sono più toller­a­bili le lotte intes­tine che non fan­no altro che raf­forzare i nos­tri avver­sari. I nos­tri elet­tori ce l’hanno già rim­prover­a­to più volte, con­tin­uare a non vol­er capire è sinon­i­mo di miopia polit­i­ca.
Il Pd con­tin­uerà gli incon­tri per raf­forzare il lavoro di coal­izione, per portare avan­ti un per­cor­so inclu­si­vo, serio e respon­s­abile nell’interesse di Mari­no e dei Mari­ne­si.
          Vogliamo credere che il buon sen­so e la respon­s­abil­ità polit­i­ca saran­no più for­ti delle vec­chie ten­sioni.
          Vogliamo credere che ci sia davvero la volon­tà di costru­ire, invece di dis­trug­gere.
Con­tin­uer­e­mo a cer­care coe­sione e ade­sione su pun­ti fer­mi e pro­gram­mi con­creti, per poi pas­sare alla sin­te­si sul nome del can­dida­to a Sin­da­co.
 Siamo pron­ti a con­tin­uare con tut­ti e vogliamo con­tin­uare con tut­ti, per­ché il fine è dare una realtà cred­i­bile a Mari­no.
 Chi ha più respon­s­abil­ità, è il caso di dir­lo, ora la usi. Ed è per questo che fac­ciamo un appel­lo a rimet­ter­ci tut­ti sedu­ti intorno al tavo­lo nei prossi­mi giorni.
          Noi siamo pron­ti.