Al via la seconda stagione di MIC a Roma, ecco il programma e la guida

Al via la seconda stagione di MIC a Roma, ecco il programma e la guida

23/10/2019 1 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1732 volte!

Al via la seconda stagione di MIC

Nel primo anno boom di vendite: 88.000 carte vendute

Ecco il programma fino a dicembre 2019, tra mostre, visite ed eventi con agevolazioni speciali e attività dedicate che proseguiranno nel 2020

 

Dopo il grande suc­ces­so del pri­mo anno con 88 mila card ven­dute, parte la sec­on­da sta­gione del­la MIC, la car­ta riv­o­luzionar­ia che al cos­to di 5 euro per­me­tte di entrare per 12 mesi illim­i­tata­mente nel sis­tema dei Musei Civi­ci di Roma Cap­i­tale.

Per la MIC, idea­ta e pro­mossa da Roma Cap­i­tale e real­iz­za­ta da Zètema Prog­et­to Cul­tura nell’ambito dei servizi per la Sovrin­ten­den­za Capi­toli­na ai Beni cul­tur­ali, Roma Cap­i­tale pre­sen­ta il pro­gram­ma ad ingres­so libero ed illim­i­ta­to fino a dicem­bre 2019 che pros­eguirà nel 2020 per tut­ti col­oro che possiedono o acquis­ter­an­no la card con novità esclu­sive. Il pro­gram­ma sarà aggior­na­to e da oggi disponi­bile sul­la pag­i­na “cal­en­dario” del sito www.museiincomuneroma.it

Sono davvero orgogliosa che la nos­tra Ammin­is­trazione pos­sa vantare una così impor­tante inno­vazione nel set­tore cul­tur­ale. L’obiettivo del­la MIC è aprire la rete dei musei civi­ci a chi abi­ta in cit­tà e a chi qui stu­dia, affinché la comu­nità di cit­ta­di­ni viva sen­za bar­riere la cul­tura, che deve essere sem­pre più acces­si­bile a tut­ti. Voglio ringraziare anco­ra una vol­ta l’Assessore alla Cresci­ta Cul­tur­ale Luca Berg­amo per il lavoro svolto” dichiara la Sin­da­ca di Roma Vir­ginia Rag­gi.

Sono qua­si 90 mila le MIC ven­dute fino ad oggi. Un bel­lis­si­mo risul­ta­to che ha per­me­s­so a tan­ti di vis­itare e tornare a conoscere e sco­prire i luoghi del­la cul­tura. Da oggi, ogni tre mesi, ver­rà stam­pa­to e dis­tribuito nei Musei civi­ci il cal­en­dario delle attiv­ità, le stesse attiv­ità si tro­ver­an­no quo­tid­i­ana­mente sul sito di Musei in Comune con tut­to quel­lo che chi possiede o chi acquista la MIC può fare: c’è davvero tan­to. Dalle mostre, alle collezioni per­ma­nen­ti, dalle ser­ate con musi­ca e teatro, al fat­to di entrare al museo sen­za fare più la coda, fino alle vis­ite gui­date. Insom­ma, con la MIC chi vive e stu­dia a Roma può goder­si i luoghi del­la cul­tura tut­ti i giorni, ogni vol­ta che vuole, per soli 5 euro l’an­no. Inoltre sti­amo lavo­ran­do affinché anche i res­i­den­ti nel­la Cit­tà Met­ro­pol­i­tana dall’inizio del 2020 pos­sano acquistare la MIC. Ringrazio Maria Vit­to­ria Mari­ni Clarel­li, Sovrin­ten­dente capi­toli­na e la Sovrin­ten­den­za tut­ta, il cui impeg­no con­sente tut­to ciò e Remo Tagli­a­coz­zo per Zètema Prog­et­to Cul­tura che real­iz­za il prog­et­to” così il Vicesin­da­co di Roma con del­e­ga alla Cresci­ta cul­tur­ale Luca Berg­amo.

Pri­ma impor­tante novità: a par­tire dalle nuove espo­sizioni in pro­gram­ma, sarà pos­si­bile accedere con bigli­et­to ridot­to a tutte le mostre al Museo di Roma a Palaz­zo Braschi e al Museo dell’Ara Pacis, sino­ra escluse dalle agevolazioni e quin­di a cos­to intero anche con la MIC. Al Museo di Roma a Palaz­zo Braschi si inizia con la mostra CANOVA. Eter­na Bellez­za, ospi­ta­ta fino al 15 mar­zo 2020 e al Museo dell’Ara Pacis con la mostra “C’era una vol­ta Ser­gio Leone” in pro­gram­ma dal 16 dicem­bre 2019.

Sono  ris­er­vati in esclu­si­va ai pos­ses­sori del­la MIC, in via gra­tui­ta e pre­via preno­tazione allo 060608, gli OPEN DAYS con aper­ture stra­or­di­nar­ie e vis­ite gui­date il 26 e il 27 otto­bre e il 23 e il 24 novem­bre di Casi­na di Car­di­nal Bessar­i­one, Colom­bario di Pom­ponio Hylas, Insu­la di San Pao­lo alla Rego­la, Casa dei Cav­a­lieri di Rodi, Por­ta Asi­nar­ia, Sepol­cro degli Sci­p­i­oni, Insu­la dell’Ara Coeli, Mau­soleo di Monte del Gra­no, Area Sacra di S. Omobono, Audi­to­ri­um di Mece­nate, Nin­feo degli Anni­bal­di, Monte Tes­tac­cio e Ipo­geo di Via Liven­za.

Sem­pre ris­er­vate ai pos­ses­sori del­la MIC sono le spe­ciali con­ver­sazioni e vis­ite gui­date nel­l’am­bito del­l’inizia­ti­va aMI­Ci, che fino al 17 dicem­bre saran­no ded­i­cate ad aspet­ti par­ti­co­lari delle collezioni di Musei Capi­toli­ni, Mer­cati di Tra­iano — Museo Dei Fori Impe­ri­ali, Cen­trale Mon­temar­ti­ni, Museo dell’Ara Pacis, Musei Di Vil­la Tor­lonia, oltre a prevedere passeg­giate ai Fori Impe­ri­ali, dal Foro di Tra­iano al Foro di Cesare.

Già da saba­to 19 otto­bre i pos­ses­sori del­la MIC potran­no accedere gra­tuita­mente ai Musei e agli spet­ta­coli in occa­sione delle nuove aper­ture ser­ali del­la man­i­fes­tazione I WEEKEND DELLA MIC. Ogni saba­to sera uno dei musei del sis­tema aprirà le porte dalle 20 alle 24 per accogliere i vis­i­ta­tori con ser­ate di spet­ta­coli e musi­ca in com­pag­nia delle mag­giori isti­tuzioni cul­tur­ali del­la cit­tà. L’appuntamento per i vis­i­ta­tori è ai Mer­cati di Tra­iano — Museo dei Fori Impe­ri­ali con le aper­ture stra­or­di­nar­ie del 19 e del 26 otto­bre. Suc­ces­si­va­mente si pros­eguirà con le aper­ture ser­ali dei Musei Capi­toli­ni in pro­gram­ma il 2, il 9, il 16, il 23, il 30 novem­bre e il 7 dicem­bre.

Saba­to 14 dicem­bre tor­na l’appuntamento con MUSEI IN MUSICA, la notte di arte e musi­ca tra le opere dei Musei in Comune che anche in ques­ta edi­zione sarà com­ple­ta­mente gra­tui­ta per i pos­ses­sori del­la Card.

Sia I WEEKEND DELLA MIC che MUSEI IN MUSICA, la notte di arte e musi­ca sono even­ti ad ingres­so gra­tu­ito per i pos­ses­sori del­la card MIC men­tre è con­fer­ma­to l’ingresso è al cos­to di 1 euro per i non pos­ses­sori del­la card.

La MIC è des­ti­na­ta a res­i­den­ti, domi­cil­iati tem­po­ranei e stu­den­ti di Uni­ver­sità pub­bliche o pri­vate del­la Cap­i­tale e, al cos­to di 5 euro, con­sente l’ingresso gra­tu­ito illim­i­ta­to per 12 mesi in tut­ti i musei a paga­men­to del Sis­tema Musei Civi­ci: Musei Capi­toli­ni, Cen­trale Mon­temar­ti­ni, Mer­cati di Tra­iano — Museo Fori Impe­ri­ali, Museo di Roma in Palaz­zo Braschi, Museo di Roma in Traste­vere, Musei di Vil­la Tor­loniaCasi­no dei Prin­cipi / Casi­no Nobile / Casi­na delle Civette, Museo dell’Ara Pacis, Museo Civi­co di Zoolo­gia e Gal­le­ria comu­nale d’Arte Mod­er­na.

La card può essere acquis­ta­ta, rin­no­va­ta o regala­ta (ver­sione Gift Card) in una delle bigli­et­terie dei Musei in Comune o nei Tourist Info­point. In alter­na­ti­va si potrà acquistare sul sitowww.museiincomuneroma.it (con l’aggiunta di 1 euro di pre­ven­di­ta).

Tante sono le mostre che con la MIC sarà pos­si­bile vis­itare gra­tuita­mente tra otto­bre e dicem­bre: Luca Sig­norel­li e Roma. Oblio e riscop­erte (fino al 12 gen­naio 2020) e L’arte ritrova­ta (fino al 26 gen­naio 2020) ai Musei Capi­toli­ni; Aquileia 2200 all’Ara Pacis dal 9 novem­bre al 1° dicem­bre 2019; Col­ori degli etr­uschi alla Cen­trale Mon­temar­ti­ni fino al 2 feb­braio 2020 o Donne. Cor­po e immag­ine tra sim­bo­lo e riv­o­luzione in pro­gram­ma fino al 10 novem­bre alla Gal­le­ria d’arte mod­er­na; Ser­gio Monari. Rifrazioni dell’antico al Casi­no Nobile di Vil­la Tor­lonia fino al 6 gen­naio; Lás­zló Moholy-Nagy e la riv­o­luzione del­la visione. Avan­guardie unghere­si, fra Espres­sion­is­mo e Bauhaus dal 28 novem­bre alla Gal­le­ria d’Arte Mod­er­na; Inge Morath, la pri­ma fotore­porter don­na entra­ta a far parte del­la famosa agen­zia fotografi­ca Mag­num Pho­tos, al Museo di Roma in Traste­vere dal 30 novem­bre.

Ai pos­ses­sori del­la MIC sono anche riconosciute con­dizioni spe­ciali per vis­itare i siti stori­co artis­ti­ci e arche­o­logi­ci del­la Sovrin­ten­den­za Capi­toli­na aper­ti a grup­pi e asso­ci­azioni cul­tur­ali esclu­si­va­mente su preno­tazione allo 060608. I pos­ses­sori del­la MIC pagher­an­no sola­mente il cos­to del­la visi­ta gui­da­ta (attual­mente obbli­ga­to­ria) men­tre il bigli­et­to d’ingresso è gra­tu­ito.

Con la MIC si potrà inoltre usufruire di uno scon­to del 10% nelle caf­fet­terie e nei book­shop dei musei.

Tutte le infor­mazioni su www.museiincomuneroma.itwww.sovraintendenzaroma.it e 060608.


SCARICA LA GUIDA DEL MIC IN PDF


MUSEI DEL SISTEMA MUSEI IN COMUNE

GRATUITI SOLO PER I POSSESSORI MIC

 

La MIC, al prez­zo di 5 euro, con­sente 12 mesi di ingres­so illim­i­ta­to e gra­tu­ito nei Musei del Sis­tema Musei Civi­ci che preve­dono un bigli­et­to d’ingresso:

 

MUSEI CAPITOLINI, Piaz­za del Campi­doglio, 1

CENTRALE MONTEMARTINI, Via Ostiense 106

MERCATI DI TRAIANOMUSEO DEI FORI IMPERIALI, Via Quat­tro Novem­bre 94

MUSEO DI ROMA, Piaz­za Navona 2

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE, Piaz­za Sant’Egidio 1B

MUSEI DI VILLA TORLONIA (Casi­no dei Prin­cipi / Casi­no Nobile / Casi­na delle Civette)

Via Nomen­tana 70

MUSEO DELLARA PACIS, Lun­gote­vere in Augus­ta

MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA, Via Ulisse Aldrovan­di, 18

GALLERIA D’ARTE MODERNA, Via Francesco Crispi 24

 

I pos­ses­sori del­la MIC han­no inoltre dirit­to all’ac­ces­so gra­tu­ito nei siti stori­co artis­ti­ci e arche­o­logi­ci del­la Sovrin­ten­den­za Capi­toli­na aper­ti nor­mal­mente a grup­pi e asso­ci­azioni cul­tur­ali esclu­si­va­mente su preno­tazione allo 060608 (le vis­ite gui­date sono invece a paga­men­to): ACQUEDOTTO VERGINE, AUDITORIUM DI MECENATE, INSULA ROMANA SOTTO PALAZZO SPECCHI, LUDUS MAGNUS, MITREO DELL’ARA MASSIMA DI ERCOLE (Mitreo del Cir­co Mas­si­mo), MONTE TESTACCIO, NINFEO DI VIA DEGLI ANNIBALDI, PORTA ASINARIA, SEPOLCRI REPUBBLICANI DI VIA STATILIA, TROFEI DI MARIO E PORTA MAGICA, COLOMBARIO POMPONIO HYLAS, IPOGEO DI VIA LIVENZA, MAUSOLEO MONTE DEL GRANO, NECROPOLI OSTIENSE (Sepol­cre­to Ostiense), CASA DEI CAVALIERI DI RODI, MUSEO DEL TEATRO ARGENTINA, CISTERNA ROMANA DELLESETTE SALE”, AREA ARCHEOLOGICA DEL SEPOLCRO DEGLI SCIPIONI, NINFEO DELL’UCCELLIERA, INSULA DELL’ARA COELI, FONTANONE DELL’ACQUA PAOLA (Fontanone del Gian­i­co­lo), AREA SACRA DI S. OMOBONO, VILLA DI PLINIO A CASTELFUSANO, TORRE DELLA MOLETTA E AREA ARCHEOLOGICA DEL CIRCO MASSIMO (esclu­so Cir­co Max­i­mo Expe­ri­ence), FORI IMPERIALI.

 

MOSTRE IN CORSO NEI MUSEI IN COMUNE

GRATUITE PER I POSSESSORI MIC

 

MORTALI IMMORTALI, TESORI DEL SICHUAN NELLANTICA CINA

MERCATI DI TRAIANOMUSEO DEI FORI IMPERIALI | Fino al 20 otto­bre 2019

Un per­cor­so stra­or­di­nario nel­la vita sociale e nel mon­do spir­i­tuale dell’antico popo­lo Shu, che pro­prio su ques­ta ter­ra nel sud-ovest del­la Cina ha cre­ato una civiltà uni­ca. Sono esposti eccezion­ali reper­ti in bron­zo, oro, gia­da e ter­ra­cot­ta, data­bili dall’età del bron­zo (II mil­len­nio a.C.) fino all’epoca Han (II sec­o­lo d.C.) e prove­ni­en­ti da impor­tan­ti isti­tuzioni cine­si. www.mercatiditraiano.it

 

CARLO GIANFERRO. CITTADINI DEL MARE

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | Fino al 20 otto­bre 2019

Per Car­lo Gian­fer­ro real­iz­zare ritrat­ti è una prat­i­ca nat­u­rale. In giro per il mon­do o in stu­dio met­tere in posa le per­sone, creare un dial­o­go, fotogra­fare fisionomie ma anche ambi­en­ti e creare sto­rie stra­or­di­nar­i­a­mente coin­vol­gen­ti è da sem­pre il suo lavoro. Lo ha fat­to per rac­con­tare gli incon­sueti fre­quen­ta­tori dei bar di Tri­este o davan­ti a uno sfon­do per cat­a­log­a­re i pel­le­gri­ni del Giu­bileo giun­ti a Roma. Nei quat­tro viag­gi nel Mediter­ra­neo che ha intrapre­so per il prog­et­to FishMPABlue2 (in aree marine pro­tette in Croazia – Telašći­ca, Fran­cia – Cap Roux, Gre­cia – Zante e Italia – Isole Ega­di) la sfi­da si è fat­ta più impeg­na­ti­va: fotogra­fare i pesca­tori, il loro lavoro, la loro relazione con l’ambiente e la famiglia, i luoghi. Un impeg­no ampio, nel quale il ritrat­to, sem­pre impor­tante pro­tag­o­nista, è solo una parte del­la nar­razione. Gian­fer­ro ha quin­di mesco­la­to ritrat­ti e pae­sag­gi, momen­ti con­di­visi e momen­ti rubati. Ha rac­con­ta­to un mon­do pic­co­lo e tut­tavia essen­ziale per­ché il Mediter­ra­neo pos­sa con­tin­uare a esistere, con la con­sapev­olez­za di uti­liz­zare la fotografia per sostenere e difend­ere il lavoro di chi con il pro­prio oper­a­to quo­tid­i­ano può con­tribuire a pro­teggere anche un eco­sis­tema in peri­co­lo. www.museodiromaintrastevere.it

 

IN PARADISO

MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA | Fino al 27 otto­bre 2019

Gior­gio Mar­coal­di, con le sue foto a col­ori, riesce a cat­turare momen­ti di vita degli ani­mali che vivono nelle val­late alpine del Par­co, coglien­doli nell’arco delle diverse sta­gioni. Toni­no Mosconi, nelle sue foto in bian­co e nero, rac­con­ta i rit­mi delle popo­lazioni locali e delle loro tradizioni. “In Par­adiso” è sta­to parte del­la sezione GPFF in Mostra del Gran Par­adiso Film Fes­ti­val, man­i­fes­tazione – patro­ci­na­ta dal­la Regione Autono­ma Valle d’Aosta – che pro­muove la dif­fu­sione del cin­e­ma nat­u­ral­is­ti­co con la final­ità di far mat­u­rare una sen­si­bil­ità di pieno rispet­to per l’ambiente. www.museodizoologia.it

 

LUIGI BOILLE. LUOGHI DI LUCE, SCRITTURA DEL SILENZIO

MUSEI DI VILLA TORLONIACASINO DEI PRINCIPI | Fino al 3 novem­bre 2019

La mostra, cura­ta da Clau­dia Teren­zi e Bruno Aller, con il sosteg­no dell’Archivio Lui­gi Boille pre­sen­ta una panoram­i­ca di più di ottan­ta opere che rac­con­tano il per­cor­so artis­ti­co del Mae­stro dal 1958 al 2015. Si parte dal piano ter­ra con le opere del­la fine degli anni ‘50, sia quelle più diret­ta­mente seg­niche, sia quelle dove il col­ore si espande cre­an­do for­ti ten­sioni tra zone d’ombra e zone dom­i­nate dal col­ore; poi una serie di bel­lis­sime opere su car­ta dal 1958 al 2015; quin­di una sala con dip­in­ti dal 1964 al 1966, anni del­la mostra al Guggen­heim Muse­um, 1964 (con Fontana, Capogrossi e Castel­lani), e una che ripor­ta alle 5 gran­di opere esposte alla Bien­nale di Venezia, 1966. Al piano supe­ri­ore, una sala ded­i­ca­ta al gial­lo, col­ore spes­so uti­liz­za­to dall’artista. Poi le opere degli anni ’70/’80 dove il seg­no si inten­si­fi­ca su una vas­ta gam­ma di col­ori, infine, anni 1992- 2015, la ricer­ca di equi­lib­rio com­pos­i­ti­vo e raf­fi­na­men­to pit­tori­co degli ulti­mi decen­ni. www.museivillatorlonia.it

 

DONNE. CORPO E IMMAGINE TRA SIMBOLO E RIVOLUZIONE

GALLERIA D’ARTE MODERNA | Fino al 10 novem­bre 2019

La figu­ra fem­minile attra­ver­so artisti che han­no rap­p­re­sen­ta­to e cel­e­bra­to le donne nelle diverse cor­ren­ti artis­tiche e tem­perie cul­tur­ali tra fine Otto­cen­to, lun­go tut­to il Nove­cen­to e fino ai giorni nos­tri. Cir­ca 100 opere, tra dip­in­ti, scul­ture, grafi­ca fotografia, di cui alcune mai esposte pri­ma o non esposte da lun­go tem­po, prove­ni­en­ti dalle collezioni d’arte con­tem­po­ranea capi­to­line — Gal­le­ria d’Arte Mod­er­na e MACRO — a doc­u­men­tazione di come l’uni­ver­so fem­minile sia sta­to sem­pre ogget­to predilet­to dell’attenzione artis­ti­ca, da ogget­to da ammi­rare, in veste di ange­lo o di ten­ta­trice, a sogget­to mis­te­rioso che s’interroga sul­la pro­pria iden­tità fino alla nuo­va immag­ine nata dal­la con­tes­tazione degli anni ses­san­ta. www.galleriaartemodernaroma.it

 

WECHSELSPIEL

GALLERIA D’ARTE MODERNA | Fino al 10 novem­bre

Par­tendo pro­prio dal tema del­la mostra, il cor­po del­la don­na e la sua evoluzione nell’arte con­tem­po­ranea, e gio­can­do­ci a volte intorno, Pao­lo Biel­li e Susanne Kessler cre­ano un doppio per­cor­so, fisi­co e iron­i­co, incen­tra­to sul dual­is­mo. Attra­ver­so le loro instal­lazioni, i con­cetti di uomo/donna, maschio/femmina, ma anche ombra/luce, riv­e­lano il loro doppio met­ten­dosi diret­ta­mente in col­lega­men­to con le scul­ture esposte nel Chiostro delle scul­ture del­la Gal­le­ria. www.galleriaartemodernaroma.it

 

LUCA SIGNORELLI E ROMA. OBLIO E RISCOPERTE

MUSEI CAPITOLINI | Fino al 12 gen­naio 2020

Nell’avvicinarsi dell’anniversario dei Cinque­cen­to anni dal­la morte di Raf­fael­lo, i Musei Capi­toli­ni ren­dono omag­gio a Luca Sig­norel­li (Cor­tona, 1450 ca. ‑1523). Viene così cel­e­bra­to, per la pri­ma vol­ta a Roma, uno dei più gran­di pro­tag­o­nisti del Rinasci­men­to ital­iano, la cui altissi­ma parabo­la pit­tor­i­ca è sta­ta oscu­ra­ta solo dall’imponderabile arri­vo di due gigan­ti del­la gen­er­azione suc­ces­si­va: Michelan­ge­lo (1475–1564) e Raf­fael­lo (1483–1520), che al mae­stro di Cor­tona si era­no però ispi­rati per rag­giun­gere quell’insuperabile ver­tice del­la pit­tura che gli stes­si con­tem­po­ranei gli attribuirono. Attra­ver­so un’attenta selezione di cir­ca 60 opere di grande pres­ti­gio prove­ni­en­ti da collezioni ital­iane e straniere, molte delle quali per la pri­ma vol­ta esposte a Roma, l’esposizione intende met­tere in risalto il con­testo stori­co artis­ti­co in cui avvenne il pri­mo sog­giorno romano e offrire nuove let­ture sul legame diret­to e indi­ret­to che si instau­rò fra l’artista e Roma. www.museicapitolini.org

 

SERGIO MONARI. RIFRAZIONI DELLANTICO

MUSEI DI VILLA TORLONIACASINO NOBILE | Fino al 6 gen­naio 2020

L’opera di Ser­gio Monari incon­tra l’architettura del Casi­no Nobile e la collezione d’arte del­la famiglia Tor­lonia: un dial­o­go fra pas­sato e pre­sente che por­ta all’attenzione del pub­bli­co l’attualità del­la mitolo­gia gre­ca. In questo dial­o­go, il mod­er­no riflette l’antico, Monari ricer­ca la valen­za uni­ver­sale del Mito e così facen­do rac­con­ta la soci­età dei nos­tri tem­pi. Seguen­do la nat­u­rale scenografia delle sale, la mostra segue un filo nar­ra­ti­vo “teatrale”, con citazioni anche da Shake­speare, let­tore e inter­prete del­la com­me­dia umana. Con le sue opere, Monari non for­mu­la giudizi, ben­sì prende atto del volto del­la soci­età e lo raf­figu­ra sen­za pudori né moral­is­mi, ma por­tan­dovi tut­ta la dis­il­lu­sione dei Cini­ci. www.museivillatorlonia.it

 

IL GIARDINO DELLE MERAVIGLIE. OPERE DELLARTISTA CANADESE GARTH SPEIGHT

MUSEI DI VILLA TORLONIACASINA DELLE CIVETTE | Fino al 19 gen­naio 2020

La mostra ha l’obiettivo di far conoscere l’universo artis­ti­co del Mae­stro, da sem­pre abit­u­a­to ai pae­sag­gi ver­di del­la sua ter­ra di orig­ine, attra­ver­so 50 dip­in­ti in acril­i­co nei quali campeg­gia la Natu­ra tra uccel­li acquati­ci, nin­fee, iris bianchi e blu, fiori di cam­po, boschi di betulle, crisan­te­mi. Ori, argen­ti, col­ori dei fiori, del cielo, del cuore sono alla base del­la sua pit­tura. Ma non solo. La sua arte non è ripro­duzione ma inter­pre­tazione, è un prodot­to del­la mente, del­la memo­ria, del­la sua sbrigli­a­ta cre­ativ­ità. Le super­fi­ci incise a dare un effet­to di rilie­vo e il col­ore che avvilup­pa le linee qua­si geo­met­riche sono gli ingre­di­en­ti dei suoi quadri, che con la luce pos­sono apparire come delle vetrate mul­ti­col­ori o intri­cati mosaici. www.museivillatorlonia.it

 

L’ARTE RITROVATA

MUSEI CAPITOLINI | Fino al 26 gen­naio 2020

La mostra, nata dal­la lun­ga e con­sol­i­da­ta col­lab­o­razione fra il TPC e il Cen­tro Europeo per il Tur­is­mo, pro­pone un mosaico di tes­ti­mo­ni­anze arche­o­logiche e stori­co artis­tiche, dall’VIII sec­o­lo a.C all’età mod­er­na, alta­mente sim­bol­i­co e rap­p­re­sen­ta­ti­vo del­la pluride­cen­nale azione di sal­va­guardia oper­a­ta dall’Arma. www.museicapitolini.org

 

COLORI DEGLI ETRUSCHI

CENTRALE MONTEMARTINI | Fino al 2 feb­braio 2020

Una stra­or­di­nar­ia selezione di las­tre pari­etali fig­u­rate e dec­o­razioni architet­toniche a stam­po in ter­ra­cot­ta poli­cro­ma, prove­ni­en­ti dal ter­ri­to­rio di Cervet­eri (l’antica cit­tà di Caere) e in parte inedite.

Si trat­ta di tes­ti­mo­ni­anze di fon­da­men­tale impor­tan­za per la sto­ria del­la pit­tura etr­usca, recen­te­mente rien­trate in Italia gra­zie all’azione di con­trasto del traf­fi­co ille­gale di reper­ti arche­o­logi­ci dell’Arma dei Cara­binieri e alla diplo­mazia cul­tur­ale del Mibac. All’inizio del 2016 i Cara­binieri del Nucleo Tutela Pat­ri­mo­nio Cul­tur­ale han­no recu­per­a­to a Ginevra una ingente quan­tità di reper­ti sot­trat­ti ille­gal­mente all’Italia: insieme a vasi fig­u­rati del­la Magna Gre­cia e a stat­ue romane è sta­ta rin­venu­ta una stra­or­di­nar­ia serie di las­tre pari­etali e di fram­men­ti architet­toni­ci etr­uschi dal­la vivace poli­cro­mia, accu­mu­lati in fran­tu­mi in diecine di casse, sen­za più alcun ordine coer­ente.  www.centralemontemartini.org

MOSTRE IN ARRIVO

GRATUITE PER I POSSESSORI MIC

 

OTTOBRE

1989: RIVOLUZIONE DI VELLUTO. 30 ANNI DELLA LIBERTÀ CECOSLOVACCA

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 19 otto­bre – 24 novem­bre

La mostra si incen­tra su alcu­ni scat­ti iconi­ci, ese­gui­ti da quindi­ci tra i migliori fotografi cechi, che doc­u­men­tano i momen­ti salien­ti del­la sto­ria recente cecoslo­vac­ca, quan­do finì la quar­an­ten­nale dit­tatu­ra comu­nista: le prime dimostrazioni anti-regime nel 1988, la Set­ti­mana di Jan Palach in gen­naio 1989, il cor­teo del 17 novem­bre 1989, le emozioni e l’entusiasmo che ne con­seguirono. Molte di queste immag­i­ni sono diven­tate leggen­darie. Gra­zie al loro val­ore doc­u­men­tario  artis­ti­co riescono tutt’oggi a resti­tuire le emozioni e l’atmosfera elet­triz­zante che per­vase la soci­età cecoslo­vac­ca di allo­ra. La mostra pre­sen­ta anche una serie di fotografie sul ritiro delle truppe d’occupazione sovi­etiche, tra il 1990 e il 1991, con il quale si con­cluse il peri­o­do del­la Riv­o­luzione di Vel­lu­to. www.museodiromaintrastevere.it

 

PHOTO IILAXI edi­zione Pre­mio IILA-FOTOGRAFIA

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 23 otto­bre — 24 novem­bre 2019

In mostra i prog­et­ti del­la vincitrice e delle final­iste di PHOTO IILAXI edi­zione Pre­mio IILA-FOTOGRAFIA, pre­mio ded­i­ca­to a fotografi lati­noamer­i­cani under 35 real­iz­za­to in col­lab­o­razione con i Pae­si lati­noamer­i­cani mem­bri dell’IILA. La mostra è pro­mossa da Sovrin­ten­den­za Capi­toli­na ai Beni Cul­tur­ali, Asses­so­ra­to alla Cresci­ta cul­tur­ale di Roma Cap­i­tale. I fotografi parte­ci­pan­ti alla XI edi­zione del pre­mio si sono con­frontati con il tema “Uguaglian­za di genere”, ispi­ra­to ad uno dei 17 Obi­et­tivi del­lo Svilup­po Sosteni­bile che fan­no parte dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, ovvero il numero 5, che si pre­figge di rag­giun­gere l’uguaglianza di genere e pro­muo­vere l’empowerment di tutte le donne e le bam­bine. IILA, in quan­to Osser­va­tore ONU, por­ta avan­ti queste tem­atiche nel pro­prio lavoro. www.museodiromaintrastevere.it

 

ACEA E ROMA. TRA PASSIONE E INNOVAZIONE

CENTRALE MONTEMARTINI | 24 otto­bre – 26 gen­naio 2020

Per l’Acea il 2019 rap­p­re­sen­ta un’importante ricor­ren­za, quel­la dei cen­todieci anni di vita ed attiv­ità: l’Azienda Comu­nale Ener­gia e Ambi­ente nacque infat­ti nel 1909 con il nome di Azien­da Elet­tri­ca Munic­i­pale a segui­to di un ref­er­en­dum — forte­mente volu­to dal sin­da­co Ernesto Nathan – gra­zie al quale i cit­ta­di­ni di Roma ebbero la pos­si­bil­ità di decidere per la munic­i­pal­iz­zazione dei pub­bli­ci servizi.                                    

Una mostra che ricostru­isce la sto­ria dell’Azienda e del suo stret­tis­si­mo legame con la cit­tà non pote­va che svol­ger­si alla Cen­trale Mon­temar­ti­ni, l’edificio che, costru­ito appun­to per essere la cen­trale ter­moelet­tri­ca per la pro­duzione di ener­gia del­la Cap­i­tale, venne inau­gu­ra­to dal­lo stes­so Nathan nel 1912, men­tre all’anno suc­ces­si­vo risale la ded­i­ca alla memo­ria del­l’Asses­sore Tec­no­logi­co nonché teori­co del­la munic­i­pal­iz­zazione, pro­fes­sor Gio­van­ni Mon­temar­ti­ni, mor­to durante una sedu­ta del Con­siglio Comu­nale.   Una serie di inedi­ti doc­u­men­ti d’archivio con­tribuiran­no a portare alla luce una sto­ria in parte già nota a tut­ti col­oro che han­no avu­to modo di apprez­zare l’attuale Museo del­la Cen­trale, nato a segui­to del­la for­tu­na­ta espo­sizione dal tito­lo Le mac­chine e gli dei: la mostra del 1997 che, con la tem­po­ranea col­lo­cazione di scul­ture prove­ni­en­ti dai Musei Capi­toli­ni, ave­va deter­mi­na­to l’adattamento muse­ale del­la cen­trale elet­tri­ca, non più atti­va dagli anni ’60. Al gio­co di con­trasti cre­ato dall’insolito e ardi­to esper­i­men­to allesti­vo, con le gran­di sale arti­co­late dai gigan­teschi macchi­nari indus­tri­ali pri­mi ‘900 mes­si a cor­nice delle stat­ue di epoca clas­si­ca, furono trib­u­tati riconosci­men­ti entu­si­as­ti­ci, così da con­sol­i­dare la valid­ità del nuo­vo spazio muse­ale e pas­sare, nel 2001, alla creazione di una sede espos­i­ti­va per­ma­nente: il Museo del­la Cen­trale Mon­temar­ti­ni. www.centralemontemartini.org

 

MARIA PAOLA RANFI: GIOIELLO INTIMO COLLOQUIO

MUSEI DI VILLA TORLONIACASINA DELLE CIVETTE | 26 otto­bre — 26 gen­naio 2020

La mostra dell’artista-artigiana Pao­la Ran­fi si col­lo­ca per­fet­ta­mente all’interno di un museo che ha come vocazione le arti appli­cate. Con i suoi gioiel­li, che rielab­o­ra­no stile­mi Art Nou­veau, l’artista crea vere e pro­prie micros­cul­ture preziose, che si ispi­ra­no al mon­do veg­e­tale e ani­male, in armo­nia con le fig­u­razioni veg­e­tali e zoomorfe delle vetrate Lib­er­ty del­la Casi­na delle Civette. Le sue creazioni in oro, bron­zo e argen­to, con pietre preziose e semi­preziose rare e par­ti­co­lari, ver­ran­no col­lo­cate lun­go il per­cor­so del Museo, in vetrine apposi­ta­mente real­iz­zate, e dialogher­an­no con le vetrate artis­tiche del­la Casi­na delle Civette. La mostra ver­rà arric­chi­ta da un’attività didat­ti­co-divul­ga­ti­va che l’artista stes­sa, docente di orefi­ce­ria, offrirà per­sonal­mente al pub­bli­co, in col­lab­o­razione con i suoi allievi, e da altre inizia­tive col­lat­er­ali, come con­feren­ze, even­ti musi­cali e una sfi­la­ta in occa­sione del finis­sage. www.museivillatorlonia.it

 

NOVEMBRE

 

TACCUINI ROMANI. VEDUTE DI DIEGO ANGELI. VISIONI DI SIMONA FILIPPINI

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 1 novem­bre – 23 feb­braio 2020

La serie di 76 pic­coli dip­in­ti a olio su car­ta, car­tone e leg­no, ese­gui­ti fra il 1885 e il 1936, cos­ti­tu­is­cono un cor­pus di grande inter­esse delle collezioni del Museo di Roma in Traste­vere. Uni­ca tes­ti­mo­ni­an­za nota del­la pro­duzione pit­tor­i­ca di Diego Angeli, bril­lante elze­virista, ritrat­tista ele­gante e raf­fi­na­to degli ambi­en­ti aris­to­crati­ci del­la Roma  fine sec­o­lo XIX. Il prezioso nucleo dei dip­in­ti, le cui mis­ure non super­a­no il for­ma­to di una car­toli­na, rap­p­re­sen­tano scor­ci del­la Sabi­na, di Firen­ze e Pari­gi, ma la mag­gior parte di queste “del­i­cate impres­sioni pae­sis­tiche” ha come sogget­to luoghi di Roma e del­la cam­pagna laziale, esem­plare tes­ti­mo­ni­an­za di quel­l’in­ten­so fas­ci­no eserci­ta­to sul­lo scrit­tore dai mon­u­men­ti e dal pae­sag­gio romano, des­ti­na­to ad influen­zare pro­fon­da­mente anche la sua attiv­ità gior­nal­is­ti­ca e let­ter­aria. L’intera serie dei  dip­in­ti sarà quin­di espos­ta , per la pri­ma vol­ta dall’acquisizione degli anni Novan­ta del­lo scor­so sec­o­lo, nelle sale del Museo e mes­sa in un con­fron­to  fuori da sche­mi crono­logi­ci e lin­guis­ti­ci  con le immag­i­ni fotogra­fiche scat­tate con la polaroid  da Simona Fil­ip­pi­ni,  nel cor­so di più di un decen­nio, tra Roma e le sue per­iferie. Lo sguar­do su Roma del­la Fil­ip­pi­ni ritrae uno spazio in con­tin­ua trasfor­mazione, qua­si inaf­ferra­bile, come lo scor­rere del fiume Tevere che attra­ver­sa la cit­tà, uguale ma sem­pre diver­so. www.museodiromaintrastevere.it

 

CARPE SIDERA. LA MERAVIGLIA DEL CIELO SULLA BELLEZZA DI ROMA 

MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA | 8 novem­bre – 1 dicem­bre

L’astrofisico e fotografo Gian­lu­ca Masi, astronomo di Zetema Prog­et­to Cul­tura per il Plan­e­tario di Roma Cap­i­tale, con le immag­i­ni del­la mostra “Carpe Sidera” accos­ta magis­tral­mente la bellez­za del cielo not­turno, attra­ver­so alcu­ni dei suoi più spet­ta­co­lari fenomeni, a quel­la dei mon­u­men­ti e sim­boli del­la Cit­tà Eter­na, facen­do­ci risco­prire l’antico rap­por­to tra l’uomo e le stelle. Ammi­rare le stelle dalle gran­di cit­tà, tra le luci arti­fi­ciali, è sem­pre meno scon­ta­to, eppure il fir­ma­men­to non man­ca di offrire occa­sioni stra­or­di­nar­ie per far­lo. Esse rap­p­re­sen­tano uno spun­to impor­tante per risco­prire e preser­vare il pat­ri­mo­nio del cielo. Roma, con il suo ineguagli­a­bile pat­ri­mo­nio arche­o­logi­co e mon­u­men­tale, rap­p­re­sen­ta un luo­go ide­ale per far­lo. www.museodizoologia.it

 

AQUILEIA 2200

MUSEO DELLARA PACIS | 9 novem­bre – 1 dicem­bre 2019

In occa­sione dei  2.200 anni dal­la fon­dazione di Aquileia, il Museo dell’Ara Pacis ospi­ta la mostra “Aquileia 2.200”, impor­tante even­to espos­i­ti­vo che intende riper­cor­rere le “trasfor­mazioni” del­la Cit­tà nei suoi momen­ti stori­ca­mente più sig­ni­fica­tivi: l’antica cit­tà romana, l’Aquileia bizan­ti­na e medio­e­vale, il Patri­ar­ca­to e la Chiesa aquileiese, sino a giun­gere al peri­o­do in cui la cit­tà fu parte dell’Impero asbur­gi­co ed infine agli anni del­la Pri­ma Guer­ra Mon­di­ale e del suc­ces­si­vo dopoguer­ra.

Nata dal­la col­lab­o­razione tra la Sovrin­ten­den­za Capi­toli­na, la Fon­dazione Aquileia e il Polo Muse­ale del Friuli Venezia Giu­lia la mostra riu­nisce alcune impor­tan­tis­sime opere d’arte romana prove­ni­en­ti dal Museo Arche­o­logi­co Nazionale — tra cui l’iconica “Tes­ta del Ven­to” bronzea — e cir­ca trenta calchi di reper­ti aquileiesi prove­ni­en­ti dal Museo del­la  Civiltà Romana e real­iz­za­ti nel 1938 in occa­sione del­la Mostra Augustea del­la Roman­ità, lad­dove Aquileia era la cit­tà più rap­p­re­sen­ta­ta insieme a Pom­pei e Ostia. Cinquan­ta  splen­dide fotografie scat­tate 40 anni fa dal Mae­stro Elio Ciol, attual­mente esi­b­ite al MAMM di Mosca, saran­no un impor­tante con­trib­u­to di mul­ti­me­di­al­ità che ren­derà molto coin­vol­gente la visi­ta alla mostra.

A corre­do del­la mostra sarà proi­et­ta­to in “loop” in zona apposi­ta­mente attrez­za­ta nel per­cor­so espos­i­ti­vo il fil­ma­to sui pri­mi due mil­len­ni di Aquileia real­iz­za­to da 3D Pro­duzioni con l’apporto di mate­ri­ali dell’Istituto Luce.

Oltre che cel­e­brare i 2.200 anni di sto­ria dell’antica cit­tà romana, la mostra vuole sot­to­lin­eare l’importanza del rap­por­to Aquileia-Roma e la stra­or­di­nar­ia capac­ità di palin­ge­n­e­si di una cit­tà, più volte risor­ta dopo inva­sioni, spo­li­azioni, guerre e ter­re­moti, la cui esisten­za ha avu­to un sig­ni­fi­ca­to non solo mil­itare, politi­co ed eco­nom­i­co per oltre due mil­len­ni, ma anche cul­tur­ale e ide­ale nel baci­no del Mediter­ra­neo e nel rap­por­to tra Ori­ente e Occi­dente.

Per sec­oli Aquileia è sta­ta il por­to più a set­ten­tri­one dell’intero Mediter­ra­neo e ha cos­ti­tu­ito la por­ta d’entrata di mer­ci, arte e idee prove­ni­en­ti da Nord Africa e Medio Ori­ente che, rielab­o­rate e metab­o­liz­zate, da Aquileia si sono dif­fuse nell’Italia Set­ten­tri­onale, nei Bal­cani e nel Noricum. www.arapacis.it

 

GIANCARLO SCIANNELLASCULTORE DI ARCHETIPI

MERCATI DI TRAIANOMUSEO DEI FORI IMPERIALI  | 16 novem­bre – 16 feb­braio

La ret­ro­spet­ti­va di Gian­car­lo Scian­nel­la intende illus­trare il per­cor­so cre­ati­vo del Mestro noto per la sua pro­duzione artis­ti­ca che riv­isi­ta in ter­mi­ni con­tem­po­ranei la tradizione arti­gianale di Castel­li, la cui fama – com’è noto — è lega­ta per tradizione sec­o­lare alla pro­duzione ceram­i­ca. Orig­i­nario del pic­co­lo cen­tro abruzzese, Scian­nel­la recu­pera nelle colline cir­costan­ti la mate­ria di ter­ra che, gra­zie alla sua ispi­razione lega­ta alla Sto­ria e al Mito, ele­va a dimen­sione artis­ti­ca.

 

CARLO LEVI E L’ARTE DELLA POLITICA. DISEGNI E OPERE PITTORICHE DE L’OROLOGIO

MUSEI DI VILLA TORLONIA. CASINO DEI PRINCIPI | 21 novem­bre – 22 mar­zo 2020

La mostra a cura del Cen­tro Car­lo Levi di Mat­era e del­la Fon­dazione Car­lo Levi, nell’ambito del­la poliedri­ca per­son­al­ità di Levi, dal­la let­ter­atu­ra alla poe­sia, dal­la pit­tura al dis­eg­no, intende riflet­tere anche sul­la  pro­duzione  lega­ta alla ‘grafi­ca polit­i­ca’, che si è per gran parte real­iz­za­ta a cav­al­lo degli anni 1947–1948, sulle pagine del quo­tid­i­ano “L’Italia Social­ista” diret­to da Aldo Garosci. Le cir­ca 30 opere pit­toriche esposte, riferi­bili all’ambito crono­logi­co 1945–1950, inte­gr­eran­no lo scor­rere delle vicende storiche toc­cate dal gior­nale e dalle vignette, seg­na­lan­do di vol­ta in vol­ta affinità stilis­tiche, riprese tem­atiche, sot­to­lin­e­an­do anche l’assoluta orig­i­nal­ità e autono­mia del Levi illus­tra­tore satiri­co rispet­to all’artista  o all’autore di Cristo si è fer­ma­to a Eboli o del roman­zo L’orologio , usci­to nel 1950, che rap­p­re­sen­ta la con­troparte let­ter­aria delle stesse vicende illus­trate dalle tav­ole gra­fiche

 

LÁSZLÓ MOHOLY-NAGY E LA RIVOLUZIONE DELLA VISIONE. AVANGUARDIE UNGHERESI, FRA ESPRESSIONISMO E BAUHAUS

GALLERIA D’ARTE MODERNA | 28 novem­bre  – 15 mar­zo 2020

Mostra ded­i­ca­ta all’arte di Lás­zló Moholy-Nagy, artista d’origine ungherese e figu­ra chi­ave del movi­men­to Bauhaus nel mon­do, in occa­sione delle cel­e­brazioni per i 125 anni dal­la sua nasci­ta (1895–2020). La mostra, for­ma­ta da dip­inte e fotografie, spazierà anche nel­l’am­bito del­l’a­van­guardia ungherese e in par­ti­co­lare di quegli artisti per i quali fu deter­mi­nante l’af­fla­to d’arte e teorie di Moholy-Nagy. Saran­no anche real­iz­za­ti due focus: uno sul fotografo e allie­vo predilet­to di Moholy-Nagy, indis­sol­u­bil­mente lega­to alle teorie e sper­i­men­tazione fotografi­ca sul­la luce; l’al­tro sug­li artisti unghere­si pre­sen­ti a Roma fra gli anni Dieci e Quara­ta, con opere facen­ti parte del­la stes­sa collezione del­la GAM. La mostra è real­iz­za­ta in col­lab­o­razione con Ròmai Mag­yar Akadémia — Ròma, Museo del­la Fotografia Ungherese di Kecskemét e Museo Déry di Debre­cen. La mostra ver­rà orga­niz­za­ta in col­lab­o­razione con l’Accademia d’Ungheria in Roma. www.galleriaartemodernaroma.it

 

SÀNDOR VÀLY

GALLERIA D’ARTE MODERNA (chiostro/giardino ester­no) | 28 novem­bre  – 15 mar­zo 2020

Nel­l’am­bito del­la mostra ded­i­ca­ta a Moholy-Nagy e all’a­van­guardia ungherese fra le due guerre, in una prospet­ti­va di ricostruzione ambi­en­tale con­tem­po­ranea delle teorie sul­la luce del­lo stes­so fonda­tore del­la Bauhaus, ver­rà allesti­ta alla GAM, nel­l’area del chiostro/giardino, un’in­stal­lazione di Sàn­dor Vàly. Artista visi­vo, per­former e cre­atore di ambi­en­ti mul­ti­me­di­ali, Vàly strut­tur­erà la sua instal­lazione ripren­den­do le teorie luminotec­niche di Moholy-Nagy, con­tes­tu­al­iz­zan­dole sia con il luo­go espos­i­ti­vo capi­toli­no e sia con le espe­rien­ze con­tem­po­ra­nee, a base storicis­ti­ca, del­la stes­sa prat­i­ca del mae­stro ungherese. www.galleriaartemodernaroma.it

 

SPAZI DELLARTE E GALLERIE STORICHE A ROMA (ANNI CINQUANTA-NOVANTA)

GALLERIA D’ARTE MODERNA (Sala Grafi­ca) | 28 novem­bre — 15 mar­zo 2020

Il prog­et­to espos­i­ti­vo e di work­shop abbina­to è in cor­re­lazione con i 40 anni del Cen­tro Ricer­ca e Doc­u­men­tazione Arti Visive (1979–2019)”, a cura di Alessan­dra Cap­pel­la, Clau­dio Cres­cen­ti­ni e Daniela Vas­ta, prevede l’organizzazione di una mostra e rel­a­ti­vo work­shop qual­i­fi­ca­to dall’esperienza di stu­dio e appro­fondi­men­to che da anni sta por­tan­do avan­ti il CRDAV rel­a­ti­va­mente alla doc­u­men­tazione del­l’at­tiv­ità espos­i­ti­va romana in sedi pub­bliche e pri­vate. Una final­ità che il Cen­tro persegue con la rac­col­ta e la sche­datu­ra di cat­a­loghi, mono­grafie, let­ter­atu­ra gri­gia (invi­ti, comu­ni­cati stam­pa, dépli­ant, ecc.), peri­od­i­ci, video e mate­ri­ale fotografi­co. www.galleriaartemodernaroma.it

 

INGE MORATH

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE (Piano ter­ra) | 30 novem­bre  – 19 gen­naio 2020  

Il Museo di Roma in Traste­vere ospi­ta la pri­ma ret­ro­spet­ti­va ital­iana di Inge Morath (1923–2002), la pri­ma fotore­porter don­na entra­ta a far parte del­la famosa agen­zia fotografi­ca Mag­num Pho­tos. I rap­por­ti lavo­ra­tivi con per­son­al­ità quali Ernst Haas, Robert Capa e Hen­ri Carti­er-Bres­son, con­tribuis­cono a chiarire l’evoluzione pro­fes­sion­ale del­la Morath e il per­son­ale stile fotografi­co nutri­to degli ide­ali uman­is­ti­ci suc­ces­sivi alla Sec­on­da Guer­ra Mon­di­ale, ma anche del­la fotografia quale “momen­to deci­si­vo” come la definì Carti­er-Bres­son. Le oltre cen­tocinquan­ta fotografie riper­cor­reran­no le tappe dei suoi prin­ci­pali reportage geo-etno­grafi­ci, inclu­den­do anche la nota serie di curiosi ritrat­ti con le maschere del dis­eg­na­tore Saul Stein­berg. www.museodiromaintrastevere.it

DICEMBRE

LA BULGARIA ATTRAVERSO LO SPECCHIO DEL TEMPO

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 4 dicem­bre – 12 gen­naio 2020

Mostra fotografi­ca real­iz­za­ta in base allo svilup­po di 37 las­tre di vetro orig­i­nali risalen­ti agli anni Ven­ti e trenta del sec­o­lo scor­so. Le immag­i­ni esposte cat­tura­no preziose tes­ti­mo­ni­anze del­la cul­tura, tradizioni e cos­tu­mi del­la Bul­gar­ia. Il prog­et­to del­la Fon­dazione “Val­ori” viene pro­pos­to a Roma, nel­la sede del Museo di Roma in Traste­vere gra­zie al sosteg­no dell’Ambasciatore bul­garo in Italia S.E. Todor Stoy­anov e in col­lab­o­razione con l’Istituto bul­garo di cul­tura a Roma.

 

MOSTRE CON BIGLIETTO RIDOTTO PER I POSSESSORI MIC

 

In cor­so

CANOVA. Eter­na Bellez­za

MUSEO DI ROMA | Fino al 15 mar­zo 2020

Par­tendo da un excur­sus sul panora­ma artis­ti­co di Roma alla fine del Set­te­cen­to, la mostra intende inda­gare il legame inti­mo e fecon­do che unì Cano­va e Roma: dal suo arri­vo nel­la Cit­tà nel 1779 e la for­mazione sull’Antico — e non solo -, ai suoi esor­di neo­clas­si­ci, alla eco del­la soprag­giun­ta fama inter­nazionale fino alla nom­i­na di Com­mis­sario delle Belle Arti, tito­lo ricop­er­to nel Rinasci­men­to da Raf­fael­lo. Attra­ver­so una scelta di opere scul­toree in mar­mo, di ges­si, di tes­ti­mo­ni­anze pit­toriche e a stam­pa accu­rata­mente selezion­ate dal cura­tore Pro­fes­sor Giuseppe Pavanel­lo — docente di Sto­ria dell’Arte Mod­er­na pres­so l’Università di Tri­este, mem­bro del Comi­ta­to per l’Edizione Nazionale delle Opere di Anto­nio Cano­va, dell’Istituto di ricer­ca su Cano­va e il Neo­clas­si­cis­mo di Bas­sano, del Con­siglio sci­en­tifi­co del­la Fon­dazione Cano­va di Pos­sag­no — le diverse sezioni del per­cor­so espos­i­ti­vo saran­no tese ad appro­fondire e illus­trare l’influenza che l’ambiente cul­tur­ale romano esercitò sul­lo Scul­tore, il suo per­son­ale con­fron­to con l’Antico e il dial­o­go con gli artisti mod­erni, oltre ai fecon­di con­tat­ti con i suoi con­tem­po­ranei. La Mostra non mancherà di illus­trare il lavoro di Cano­va per i gran­di mon­u­men­ti papali, il rap­por­to con la com­mit­ten­za, l’esperienza del­la riv­o­luzione francese e infine il suo fon­da­men­tale ruo­lo di Ispet­tore delle Belle Arti. www.museodiroma.it

 

In arri­vo

C’ERA UNA VOLTA SERGIO LEONE

MUSEO DELLARA PACIS | 17 Dicem­bre  – 3 mag­gio 2020

Ser­gio Leone ha reso leggen­dario il rac­con­to filmi­co del­la sto­ria di miti come il West o l’Amer­i­ca. E ora, dopo oltre mez­zo sec­o­lo, lui stes­so è diven­ta­to mito: si chia­ma infat­ti “C’era una vol­ta Ser­gio Leone”, parafrasan­do i titoli dei suoi cele­bri film, la grande mostra ospi­ta­ta all’Ara Pacis dopo il suc­ces­so riscon­tra­to alla Ciné­math­èque Française a Pari­gi. Pro­pos­ta dal­la  Cinete­ca di Bologna, prodot­ta e cura­ta in col­lab­o­razione con la Ciné­math­èque Française e l’Istituto Luce Cinecit­tà, la mostra ha carat­tere mul­ti­sen­so­ri­ale: si con­figu­ra come un viag­gio attra­ver­so l’universo dell’artista per conoscere la lavo­razione dei suoi film di cul­to ma anche l’uomo e la sua for­mazione. Com­pren­derà anche una ret­ro­spet­ti­va e la pub­bli­cazione del vol­ume ‘La riv­o­luzione Ser­gio Leone’, a cura di Christo­pher Frayling e di Gian Luca Farinel­li, diret­tore del­la Cinete­ca di Bologna che lavo­ra da anni sul cin­e­ma di Leone, con i restau­ri dei suoi film. www.arapacis.it

 

EVENTI RISERVATI AI POSSESSORI DELLA MIC CARD

PREVIA PRENOTAZIONE ALLO 060608

 

OPEN DAYS SITI DEL TERRITORIO

 

Saba­to 26 otto­bre

ore 9.00 – 13.00 | Casi­na del Car­di­nal Bessar­i­one, Colom­bario di Pom­ponio Hylas, Por­ta Asi­nar­ia

ore 14.00 – 18.00 | Insu­la di San Pao­lo alla Rego­la, Sepol­cro degli Sci­p­i­oni, Casa dei Cav­a­lieri di Rodi

 

Domeni­ca 27 otto­bre

ore 9.00 – 13.00 | Insu­la dell’Ara Coeli, Mau­soleo di Monte del Gra­no, Area Sacra di S. Omobono

ore 14.00 – 18.00 | Audi­to­ri­um di Mece­nate, Ipo­geo di Via Liven­za, Casa dei Cav­a­lieri di Rodi

 

Saba­to 23 novem­bre

ore 9.00 – 13.00 | Por­ta Asi­nar­ia, Insu­la dell’Ara Coeli, Casi­na del Car­di­nal Bessar­i­one

ore 14.00 – 18.00 | Audi­to­ri­um di Mece­nate, Colom­bario di Pom­ponio Hylas, Insu­la di San Pao­lo alla Rego­la

 

Domeni­ca 24 novem­bre

ore 9.00 – 13.00 | Nin­feo degli Anni­bal­di, Monte Tes­tac­cio, Mau­soleo di Monte del Gra­no

ore 14.00 – 18.00 | Sepol­cro degli Sci­p­i­oni, Ipo­geo di Via Liven­za, Casa dei Cav­a­lieri di Rodi

 

aMI­Ci

Spe­ciali con­ver­sazioni e vis­ite ded­i­cate ad aspet­ti par­ti­co­lari delle collezioni dei prin­ci­pali musei. I cura­tori accoglier­an­no i vis­i­ta­tori per una let­tura insoli­ta di quadri, scul­ture e spazi muse­ali.

 

MUSEI CAPITOLINI

Piaz­za del Campi­doglio, 1

Giovedì 14 novem­bre

ore 17.00 | aMI­Ci — Il Tab­u­lar­i­um: riu­ti­liz­zo di un edi­fi­cio attra­ver­so 2000 anni di sto­ria. Un per­cor­so alla scop­er­ta di luoghi sconosciu­ti. Visi­ta a cura di Rober­ta Tan­ganel­li e Pamela Man­zo

 

Giovedì 28 novem­bre

ore 17.00 | aMI­Ci — I seg­reti del­la Buona Ven­tu­ra di Car­avag­gio: dal sup­por­to all’immagine. Incon­tri a cura di Fed­er­i­ca Maria Papi.

 

Giovedì 5 dicem­bre 

ore 17.00 | aMI­Ci — I Fasti Capi­toli­ni: dal mar­mo inciso alla sto­ria di Roma. Visi­ta a cura di Daniela Velesti­no

 

MERCATI DI TRAIANOMUSEO DEI FORI IMPERIALI

Via Quat­tro Novem­bre, 94

Mer­coledì 20 novem­bre

ore 15.30 | aMI­Ci — I Mer­cati di Tra­iano in pil­lole. Tra­iano e la guer­ra gius­ta. Visi­ta gui­da­ta a cura di Simon Pas­tor

 

Giovedì 12 dicem­bre

ore 15.30 | aMI­Ci — I Mer­cati di Tra­iano in pil­lole. Cosa ci fan­no delle suore nei Mer­cati di Tra­iano? Visi­ta gui­da­ta a cura di Pao­lo Vigliaro­lo

 

Mart­edì 17 dicem­bre

ore 15.30 | aMI­Ci – Per­son­ag­gi impor­tan­ti dei Mer­cati di Tra­iano

 

CENTRALE MONTEMARTINI

Via Ostiense, 106

Giovedì 17 otto­bre

ore 17.00 | aMI­Ci — Il treno di Pio IX alla Cen­trale Mon­temar­ti­ni. A cura di Ser­e­na Gugliel­mi

 

Mer­coledì 13 novem­bre

ore 17.00 | aMI­Ci — I cap­ola­vori di arte gre­ca alla Cen­trale Mon­temar­ti­ni. A cura di Bar­bara Nobiloni

 

Giovedì 12 dicem­bre

ore 17.00 | aMI­Ci — Le scop­erte arche­o­logiche del­la fine dell’800 nei quartieri Esquili­no e Quiri­nale. A cura di Ser­e­na Gugliel­mi

 

MUSEO DELLARA PACIS

Lun­gote­vere in Augus­ta (ango­lo via Toma­cel­li)

Mer­coledì 30 otto­bre — 20 novem­bre — 27 novem­bre — 4 dicem­bre

ore 17.00 | aMI­Ci — Incon­tri in Museo: uno sguar­do diver­so dal soli­to sul­la collezione e sul mon­u­men­to. A cura di Lucia Spag­n­uo­lo

 

MUSEI DI VILLA TORLONIA

Casi­na delle Civette

Mer­coledì 23 otto­bre — 18 dicem­bre

Ore 15.30 | aMI­Ci – La Casi­na dell’immaginario. A cura di Maria Grazia Mas­safra

 

Casi­no Nobile

Giovedì 21 novem­bre

Ore 17.00 | aMI­Ci – Dietro le quinte. Incon­tri con i cura­tori delle collezioni per sve­larne aspet­ti meno noti. A cura di Anto­nia Arcon­ti

 

EVENTI NEI MUSEI E APERTURE STRAORDINARIE

GRATUITI PER I POSSESSORI MIC

 

 

I WEEKEND DELLA MIC

Ingres­so a 1 euro. Gra­tu­ito per i pos­ses­sori del­la MIC Card

Saba­to 19 otto­bre

20.00 – 24.00 | MERCATI DI TRAIANOMUSEO DEI FORI IMPERIALI

Even­to musi­cale in col­lab­o­razione con Fon­dazione Musi­ca per Roma

 

Saba­to 26 otto­bre

20.00 – 24.00 | MERCATI DI TRAIANOMUSEO DEI FORI IMPERIALI

Even­to musi­cale in col­lab­o­razione con Roma Tre Orches­tra

 

Saba­to 2 novem­bre

20.00 – 24.00 | MUSEI CAPITOLINI

Even­to musi­cale in col­lab­o­razione con Accad­e­mia Nazionale San­ta Cecil­ia

 

Saba­to 9 novem­bre

20.00 – 24.00 | MUSEI CAPITOLINI

Even­to musi­cale in col­lab­o­razione con Fon­dazione Musi­ca per Roma

 

Saba­to 16 novem­bre

20.00 – 24.00 | MUSEI CAPITOLINI

Even­to per­for­ma­ti­vo in col­lab­o­razione con Teatro di Roma

 

Saba­to 23 novem­bre  

20.00 – 24.00 | MUSEI CAPITOLINI

Even­to musi­cale in col­lab­o­razione con il Teatro dell’Opera

 

Saba­to 30 novem­bre

20.00 – 24.00 | MUSEI CAPITOLINI

Even­to musi­cale in col­lab­o­razione con Roma Tre Orches­tra

 

Saba­to 7 dicem­bre

20.00 – 24.00 | MUSEI CAPITOLINI

Even­to musi­cale in col­lab­o­razione con Accad­e­mia Nazionale San­ta Cecil­ia

 

MUSEI IN MUSICA

Ingres­so a 1 euro. Gra­tu­ito per i pos­ses­sori del­la MIC Card

Saba­to 14 dicem­bre

20.00 – 02.00 | L’undicesima edi­zione di Musei in Musi­ca pro­por­rà come con­sue­tu­dine l’apertura stra­or­di­nar­ia serale di tut­ti gli spazi del Sis­tema Musei Civi­ci. Pagan­do il bigli­et­to di un euro, o gra­tuita­mente con la MIC Card, il pub­bli­co potrà vis­itare le collezioni per­ma­nen­ti, ammi­rare le mostre tem­po­ra­nee in cor­so e usufruire di un ric­co pro­gram­ma di con­cer­ti e spet­ta­coli dal vivo.

 

VISITE GUIDATE, INCONTRI E ALTRE INIZIATIVE

INGRESSO E VISITA GUIDATA GRATUITI PER I POSSESSORI DELLA MIC CARD PREVIA PRENOTAZIONE ALLO 060608

 

EDUCARE ALLE MOSTRE, EDUCARE ALLA CITTÀ

Una let­tura ragion­a­ta del­la sto­ria di Roma dal cen­tro alla per­ife­ria, con incon­tri sul ter­ri­to­rio ed appro­fondi­men­ti su temi uman­is­ti­ci e sci­en­tifi­ci: come in un grande lab­o­ra­to­rio con­di­vi­so.

 

Giovedì 17 otto­bre

Ore 16.00 | MUSEI CAPITOLINI | Incon­tro e visi­ta alla mostra Luca Sig­norel­li e Roma. Oblio e riscop­erte

 

Lunedì 21 otto­bre

Ore 16.00 | MUSEO DELLARA PACIS | Espe­rien­ze didat­tiche a con­fron­to: lab­o­ra­tori di psi­coanal­isi dell’arte

 

Mer­coledì 30 otto­bre

Ore 16.00 | MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | Incon­tro sul tema Le gran­di scop­erte nell’area del Teatro di Mar­cel­lo durante gli anni del gov­er­na­tora­to: inter­ven­ti in equi­lib­rio tra emer­gen­za e sal­va­guardia

 

Mart­edì 12 novem­bre

(PER I POSSESSORI MIC CARD INGRESSO RIDOTTO ALLA MOSTRA E VISITA GRATUITA)

Ore 16.00 | MUSEO DI ROMA | Incon­tro sul tema Cano­va. Eter­na bellez­za

 

Ven­erdì 15 novem­bre

Ore 16.00 | MUSEI DI VILLA TORLONIACASINA DELLE CIVETTE | Incon­tro e visi­ta alla mostra Gioiel­lo. Inti­mo col­lo­quio

 

Giovedì 21 novem­bre

Ore 16.00 | MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | Incon­tro sul tema Il sapore dell’acqua. Moto per­petuo nel­la Regi­na Aquarum

 

Mer­coledì 27 novem­bre

Ore 16.00 | MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA | Incon­tro sul tema Lo zoo in bian­co e nero. Architet­tura, sto­ria e ani­mali del gia­rdi­no zoo­logi­co di Roma

 

Mer­coledì 11 dicem­bre

Ore 16.00 | MUSEO DI ROMA | Incon­tro sul tema Fare arche­olo­gia a Roma: scavi e mon­u­men­ti nel­la vita del­la cit­tà

 

MUSEI DA TOCCARE

Vis­ite gui­date tat­tili-sen­so­ri­ali con oper­a­tori spe­cial­iz­za­ti, per vivere i musei in maniera indi­men­ti­ca­bile. Un’esperienza di acces­si­bil­ità per tut­ti, sia fisi­ca che cul­tur­ale.

 

MUSEI DI VILLA TORLONIA

Casi­no Nobile

Saba­to 2 novem­bre – 7 dicem­bre

Ore 11.00 | Vedere con le mani: sen­tire le dif­feren­ze, per­cepire i mate­ri­ali, conoscere le sto­rie

 

Casi­na delle Civette

Ven­erdì 25 otto­bre – 29 novem­bre – 27 dicem­bre

Ore 16.00 | La casi­na delle mer­av­iglie

 

MERCATI DI TRAIANOMUSEO DEI FORI IMPERIALI

Ven­erdì 8 novem­bre – 13 dicem­bre

Ore 16.00 | Sco­prire i Mer­cati di Tra­iano con le mani

 

MUSEO DELLARA PACIS

Domeni­ca 24 novem­bre – Lunedì 9 dicem­bre

Ore 15.30 | Esplo­razioni tat­tili all’Ara Pacis

 

Domeni­ca 27 otto­bre – Lunedì 11 novem­bre – Domeni­ca 29 dicem­bre

Ore 10.00 | Esplo­razioni tat­tili all’Ara Pacis

 

CENTRALE MONTEMARTINI

Giovedì 17 otto­bre – Ven­erdì 15 novem­bre  — Giovedì 12 dicem­bre

Ore 10.30 | I cap­ola­vori di scul­tura anti­ca del­la Cen­trale Mon­temar­ti­ni

 

Saba­to 26 otto­bre – 28 dicem­bre

Ore 15.30 | La Cen­trale Mon­temar­ti­ni: un incon­tro tra arche­olo­gia indus­tri­ale e arte clas­si­ca

 

Saba­to 23 novem­bre

Ore 10.30 | La Cen­trale Mon­temar­ti­ni: un incon­tro tra arche­olo­gia indus­tri­ale e arte clas­si­ca

 

MUSEI CAPITOLINI

Ven­erdì 18 otto­bre

Ore 16.00 | Tra potere e van­ità: donne e imper­a­tri­ci dell’Antica Roma

 

Ven­erdì 15 novem­bre

Ore 16.00 | Amore e Psiche: una favola intra­montabile

 

Ven­erdì 20 dicem­bre

Ore 16.00 | La piaz­za del Campi­doglio dall’antichità alla nasci­ta dei Musei Capi­toli­ni

 

MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA

Ven­erdì 18 otto­bre – 8 novem­bre – 22 novem­bre – 6 dicem­bre – 20 dicem­bre

Ore 15.30 | Gli ani­mali a por­ta­ta di mano

 

MUSEO DI ROMA

Ven­erdì 8 novem­bre

Ore 11.00 | Il Museo di Roma e il suo rac­con­to intat­to

 

Ven­erdì 6 dicem­bre

Ore 15.30 | Il Museo di Roma e il suo rac­con­to intat­to

 

ARCHEOLOGIA IN COMUNE

Aper­ture stra­or­di­nar­ie per avvic­i­nar­si al pat­ri­mo­nio meno noto di Roma. Un’occasione imperdi­bile per conoscere meglio la cit­tà anti­ca e le sue ric­chezze nascoste.

Ingres­so e visi­ta gra­tui­ta solo per i pos­ses­sori MIC Card. Visi­ta gra­tui­ta per tut­ti pre­vio paga­men­to del bigli­et­to d’ingresso

Preno­tazione obbli­ga­to­ria allo 060608 a par­tire da sette giorni pri­ma la data dell’evento.

(max 20 per­sone per cias­cun grup­po)

 

OTTOBRE

Mer­coledì 16 otto­bre
ore 15.00 | Area arche­o­log­i­ca dei Fori Impe­ri­ali. Visi­ta gui­da­ta a cura di Beat­rice Pin­na Caboni

 

Saba­to 19 otto­bre
ore 11.00 | Mitreo del Cir­co Mas­si­mo. Visi­ta gui­da­ta a cura di Elis­a­bet­ta Carnabu­ci
ore 11.00 | Sepol­cri repub­bli­cani di via Sta­til­ia. Visi­ta gui­da­ta di Car­la Ter­mi­ni

 

Domeni­ca 20 otto­bre
ore 11.00 | Ipo­geo di via Liven­za. Visi­ta gui­da­ta di Simon­et­ta Ser­ra

 

Mart­edì 22 otto­bre
ore 14.30
| Il Nin­feo di via degli Anni­bal­di. Visi­ta gui­da­ta a cura di Fed­er­i­ca Michela Rossi

 

Mer­coledì 23 otto­bre
ore 14.30 | Case romane di S. Pao­lo alla Rego­la. Visi­ta gui­da­ta di Alessan­dra Tedeschi

 

Giovedì 24 otto­bre

ore 15.00 | Monte Tes­tac­cio. Visi­ta gui­da­ta a cura di Francesco Pacetti

ore 15.30 | Por­ta Asi­nar­ia. Visi­ta gui­da­ta a cura di Mar­i­an­na Fran­co

 

Saba­to 26 otto­bre
ore 10.00
| Area arche­o­log­i­ca dei Fori Impe­ri­ali. Visi­ta gui­da­ta a cura di Nico­let­ta Bernac­chio
ore 11.00 | Por­ta Tiburtina e Sepol­cro di Largo Talamo. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­lo Per­siani

ore 15.00 | Piramide, le Mura e il Cimitero Acat­toli­co. Visi­ta gui­da­ta a cura di Mari­na Mar­cel­li e Vanes­sa Ascen­zi

 

Domeni­ca 27 otto­bre
ore 11.00
| Por­ta Mag­giore e sepol­cro di Eurisace. Visi­ta gui­da­ta a cura di Pao­la Chi­ni

 

Mer­coledì 30 otto­bre
ore 15.00
| Case romane di S. Pao­lo alla Rego­la. Visi­ta gui­da­ta di Alessan­dra Tedeschi 

NOVEMBRE

 

Saba­to 2 novem­bre

Ore 10.00 | Por­ta San Sebas­tiano – Museo delle Mura. Visi­ta gui­da­ta a cura di Simon­et­ta Ser­ra

 

Domeni­ca 3 novem­bre
ore 10.00 | Cas­tro Pre­to­rio. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­lo Per­siani

 

Mer­coledì 6 novem­bre
ore 15.00 | Colom­bario di Pom­po­nius Hylas. Visi­ta gui­da­ta a cura di Ser­gio Pal­ladi­no

 

Giovedì 7 novem­bre

ore 15.00 | Monte Tes­tac­cio. Visi­ta gui­da­ta a cura di Francesco Pacetti

 

Saba­to 9 novem­bre
ore 10.00 | Area arche­o­log­i­ca dei Fori Impe­ri­ali. Visi­ta gui­da­ta a cura di Antonel­la Cor­saro

ore 11.00 | Mitreo del Cir­co Mas­si­mo. Visi­ta gui­da­ta a cura di Elis­a­bet­ta Carnabu­ci

 

Domeni­ca 10 novem­bre

ore 10.30 | Il sepol­cro degli Sci­p­i­oni. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­la Ter­mi­ni

ore 11.30 | Il sepol­cro degli Sci­p­i­oni. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­la Ter­mi­ni

 

Mart­edì 12 novem­bre

ore 14.30 | Area arche­olo­gia del Teatro Mar­cel­lo. Visi­ta gui­da­ta a cura di Ste­fa­nia Per­go­la e Mar­i­ale­tizia Buon­figlio

 

Mer­coledì 13 novem­bre  
ore 15.00 | Il Sepol­cre­to del­la via Ostiense. Visi­ta gui­da­ta a cura di Cristi­na Car­ta

 

Giovedì 14 novem­bre

ore 15.00 | Por­ta Asi­nar­ia. Visi­ta gui­da­ta a cura di Mar­i­an­na Fran­co

 

Saba­to 16 novem­bre

ore 11.00 | Sepol­cri repub­bli­cani di via Sta­til­ia. Visi­ta gui­da­ta di Simon­et­ta Ser­ra

 

Domeni­ca 17 novem­bre

ore 11.00 | Par­co degli Acque­dot­ti e Vil­la delle Vignac­ce – Via Lemo­nia (ango­lo Via dei Pub­li­ci) Visi­ta gui­da­ta a cura di Pao­la Chi­ni

 

Mart­edì 19 novem­bre
ore 14.30
| Il Nin­feo di via degli Anni­bal­di. Visi­ta gui­da­ta a cura di Fed­er­i­ca Michela Rossi

 

Mer­coledì 20 novem­bre 
ore 15.00
| Area arche­o­log­i­ca dei Fori Impe­ri­ali. Visi­ta gui­da­ta a cura di Mas­si­mo Vit­ti

 

Saba­to 23 novem­bre

ore 11.00 | Ponte Nomen­tano e Mau­soleo di Mene­nio Agrip­pa. Visi­ta gui­da­ta a cura di Ste­fa­nia Per­go­la

 

Domeni­ca 24 novem­bre

ore 10.30 | Il sepol­cro degli Sci­p­i­oni. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­la Ter­mi­ni

ore 11.30 | Il sepol­cro degli Sci­p­i­oni. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­la Ter­mi­ni

 

Mart­edì 26 novem­bre

ore 15.00 | Audi­to­ri­um di Mece­nate. Visi­ta gui­da­ta a cura di Mar­i­ale­tizia Buon­figlio

 

Saba­to 30 novem­bre

Ore 11.00 | Por­ta Tiburtina. Visi­ta gui­da­ta a cura di Simon­et­ta Ser­ra

 

DICEMBRE

 

Domeni­ca 1 dicem­bre

Ore 11.00 | Mau­soleo di Monte del Gra­no – Via Ascanio Pedi­ano, ingres­so par­co. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­la Ter­mi­ni

 

Mart­edì 3 dicem­bre
ore 14.30
| Il Nin­feo di via degli Anni­bal­di. Visi­ta gui­da­ta a cura di Fed­er­i­ca Michela Rossi

 

Mer­coledì 4 dicem­bre
ore 15.00 | Colom­bario di Pom­po­nius Hylas – Via di Por­ta Lati­na. Visi­ta gui­da­ta a cura di Ser­gio Pal­ladi­no

 

Ven­erdì 6 dicem­bre

ore 14.30 | Area arche­olo­gia del Teatro Mar­cel­lo. Visi­ta gui­da­ta a cura di Ste­fa­nia Per­go­la e Mar­i­ale­tizia Buon­figlio

 

Domeni­ca 8 dicem­bre

Ore 11.00 | Mura Aure­liane a San Loren­zo – Via Tiburtina Anti­ca (davan­ti Por­ta Tiburtina). Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­lo Per­siani

 

Mer­coledì 11 dicem­bre

ore 15.00 | Area arche­o­log­i­ca dei Fori Impe­ri­ali – Piaz­za del­la Madon­na di Lore­to. Visi­ta gui­da­ta a cura di Nico­let­ta Bernac­chio

 

Saba­to 14 dicem­bre

ore 11.00 | Mitreo del Cir­co Mas­si­mo – Piaz­za del­la Boc­ca del­la Ver­ità, 16. Visi­ta gui­da­ta a cura di Elis­a­bet­ta Carnabu­ci

ore 11.00 | Area arche­o­log­i­ca del Cir­co di Massen­zio. Visi­ta gui­da­ta a cura di Simon­et­ta Ser­ra

 

Domeni­ca 15 dicem­bre

Ore 11.00 | Vil­la e Museo del­la Vil­la dell’Auditorium – Audi­to­ri­um Par­co del­la Musi­ca. Via Pietro De Cou­bertin, 30 ingres­so museo (a destra del­la sala S. Cecil­ia entran­do dal­la Cavea). A cura di Pao­la Chi­ni

 

Mer­coledì 18 dicem­bre

Ore 15.00 | Area arche­o­log­i­ca di Piaz­za Man­fre­do Fan­ti. Visi­ta gui­da­ta di Car­la Ter­mi­ni

 

Ven­erdì 20 dicem­bre

Ore 15.00 | Mura Aure­liane tra Aure­liano e il Rinasci­men­to – Appun­ta­men­to Por­ta San Sebas­tiano. Visi­ta gui­da­ta a cura di Car­lo Per­siani

 

Saba­to 21 dicem­bre

ore 10.00 | Area arche­o­log­i­ca dei Fori Impe­ri­ali – Piaz­za del­la Madon­na di Lore­to. Visi­ta gui­da­ta a cura di Antonel­la Cor­saro

 

CON I TUOI OCCHI.

DIALOGHI A PIÙ VOCI DAVANTI A UN QUADRO

Un appun­ta­men­to men­sile al MUSEO DI ROMA per offrire a tut­ti la pos­si­bil­ità di con­di­videre ciò che lo sguar­do coglie in un’opera, sen­za il fil­tro del­la conoscen­za.

 

Mer­coledì 13 novem­bre | Ore 17.00. Incon­tro con­dot­to da Ful­via Stra­no

Mer­coledì 4 dicem­bre | Ore 17.00

 

VIOLETTA E ANDROMEDA

UNA STORIA ROMANA AL MUSEO DI ROMA

Un’esperienza mul­ti­sen­so­ri­ale per far riv­i­vere la sto­ria degli affres­chi cinque­cen­teschi esposti al ter­zo piano del Museo (ded­i­ca­to alla Roma delle demolizioni urban­is­tiche) e la percezione del luo­go di prove­nien­za (Casi­no del Bufa­lo a via del Tri­tone) dis­trut­to alla fine dell’800. L’esperienza del­la perdi­ta come pun­to di con­tat­to tra il tema espos­i­ti­vo del­la Sala e il vis­su­to per­son­ale del pub­bli­co, com­pos­to da veden­ti ben­dati e non veden­ti.

 

Giovedì 14 novem­bre | Ore 17.00 – Visi­ta inte­gra­ta mul­ti­sen­so­ri­ale con Ful­via Stra­no

Giovedì 12 dicem­bre | Ore 17.00 – Visi­ta inte­gra­ta mul­ti­sen­so­ri­ale con Ful­via Stra­no

 

ZOOHALLOWEEN

Ingres­so gra­tu­ito al Museo per i pos­ses­sori del­la MIC. Attiv­ità a paga­men­to

Tan­ti appun­ta­men­ti per i bam­bi­ni con o sen­za le loro famiglie alla ricer­ca dei mis­te­riosi seg­reti degli ani­mali del MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA. Dalle sfide a squadre a ser­ate da briv­i­do con piz­za per tut­ti a un’intera notte nelle sale del Museo, la notte più mostru­osa dell’anno.