ROMA/UN SUCCESSO LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GIANNELLI. PRESENTE CAROL MARITATO

ROMA/UN SUCCESSO LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GIANNELLI. PRESENTE CAROL MARITATO

14/06/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 883 volte!

Un dibat­ti­to per par­lare di pregiudizio e di come super­ar­lo, del cor­ag­gio e di come tirar­lo fuori, del­la diver­sità e di come con­sid­er­ar­la una ric­chez­za. Si è dimostra­to un grande suc­ces­so la pre­sen­tazione del libro “Al di là del tem­po” (Her­ald edi­tore), opera di Lui­gi Gian­nel­li, sos­ti­tu­to com­mis­sario Coor­di­na­tore di Polizia Pen­iten­ziaria, in servizio pres­so la Casa Cir­con­dar­i­ale Rebib­bia N.C. “Raf­faele Cinot­ti”. “Un libro emozio­nante, cor­ag­gioso, dal­la tra­ma pro­fon­da e sti­molante”, com­men­ta la speak­er radio­fon­ista e can­tautrice, Car­ol Mar­i­ta­to, pre­sente alla pre­sen­tazione, svoltasi nel­la gior­na­ta di ieri a Roma. Ques­ta la sto­ria: nel cor­so del­la vita i ricor­di ritor­nano pun­tu­ali e fis­sano le immag­i­ni  come  in un film, ti proi­et­tano nel­la cit­tà di Firen­ze dove  i pro­tag­o­nisti di ques­ta sto­ria  si inseguono finen­do spes­so nei bassi­fon­di di  ques­ta  cit­tà mer­av­igliosa.  “Dario e Luca, due back­ground asso­lu­ta­mente dif­fer­en­ti, ma uni­ti, forse per esi­gen­za, forse per affet­to, in una sto­ria più grande di loro che li porterà — con­tin­ua Car­ol Mar­i­ta­to — ad incro­cia­re alcu­ni per­son­ag­gi nel­la loro diver­sità e strav­a­gan­za”.
Il dibat­ti­to è sta­ta anche l’occasione per par­lare di temi attuali come il ruo­lo del pregiudizio nel­la soci­età oggi, come la situ­azione delle carceri ital­iane e le con­dizioni di vita dei detenu­ti e di lavoro del­la polizia pen­iten­ziaria. Autorev­ole e inter­es­san­ti gli inter­ven­ti in sala. Han­no parte­ci­pa­to: Luisa Di Bag­no, Mar­co Patar­nel­lo (mag­is­tra­to di Sorveg­lian­za del Tri­bunale di Roma), Clau­dia Clemen­ti (diret­trice del­la Casa Cir­con­dar­i­ale di Rebib­bia), Lui­gi Ardi­ni (com­mis­sario coor­di­na­tore coman­dante del­la Casa Cir­con­dar­i­ale Rebib­bia), Gabriel­la Stra­mac­cioni (garante dei Dirit­ti delle per­sone pri­vate del­la lib­ertà per­son­ale di Roma Cap­i­tale), Lui­gi Gian­nel­li (ispet­tore supe­ri­ore di Polizia Pen­iten­ziaria), Gior­gio Label­la (crim­i­nol­o­go), Giu­lia Ver­rone, Rober­ta Bre­ga, Rober­to Boiar­di (edi­tore di Her­ald Edi­tore), e Pao­lo Pan­fi­lo (docente di Musi­ca pres­so I. C. N. M. Nico­lai — Roma). Tra i pro­tag­o­nisti del­la gior­na­ta anche due gio­vani musicisti, detenu­ti a Rebib­bia,  Fer­di­nan­do Cia­rel­li e Miri­an Costan­tin: “Loro due – ha det­to Car­ol Mar­i­ta­to — sono la pro­va che le isti­tuzioni anco­ra esistono, che la ried­u­cazione e la con­sid­er­azione di val­ori come la dig­nità e il rispet­to  vin­cono e questo gra­zie  a uomi­ni  ancor pri­ma che agen­ti come Gian­nel­li. Che ha inizia­to la lot­ta con­tro l’ingiustizia e a favore di una soci­età respon­s­abile. Lui, a dif­feren­za di molti non si è mai stan­ca­to di com­bat­tere con­tro i muli­ni a ven­to del­la colpev­ole ignavia o dell’interesse,  che opprime il buono del mon­do. Loro sono l’orgoglio e la più grande rius­ci­ta che il per­cor­so del­la gius­tizia deve e può fare”.

Con­di­vi­di: