MARINO, DENUNCIA DI GIULIO SANTARELLI: “LE SCUOLE DELLE FRAZIONI COMPLETAMENTE ABBANDONATE A LORO STESSE NEGLI ULTIMI VENTANNI

25/05/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2559 volte!

IMG_0861MARINO, DENUNCIA DI GIULIO SANTARELLILE SCUOLE DELLE FRAZIONI  COMPLETAMENTE ABBANDONATE A LORO STESSE NEGLI ULTIMI VENTANNI” 

Dichiarazione del can­dida­to sin­da­co del Psi a lat­ere del con­fron­to
sul mon­do del­la scuo­la tenu­tosi alla Media “Vival­di” di S.Maria delle Mole 
FullSizeRender“Anche nel con­fron­to odier­no tra i can­di­dati a sin­da­co è emer­sa la grave con­dizione in cui ver­sano le strut­ture del­la scuo­la pri­maria sul nos­tro ter­ri­to­rio. Purtrop­po a Mari­no, in par­ti­co­lare nelle frazioni, non si costru­isce una scuo­la da vent’anni, men­tre la cemen­tifi­cazione ha aumen­ta­to a dis­misura il numero degli abi­tan­ti, per di più gio­vani cop­pie con bam­bi­ni in età sco­lare, sen­za che a questo incre­men­to di popo­lazione sia segui­to l’adeguamento degli spazi per la didat­ti­ca. La con­seguen­za è che si sac­ri­f­i­cano gli spazi des­ti­nati ai lab­o­ra­tori, alla sala com­put­er, alle aree per bam­bi­ni diver­sa­mente abili che oltre tut­to rap­p­re­sen­tano anche una vio­lazione di dirit­ti fon­da­men­tali all’insegnamento”.
E’ sta­to questo l’approccio, prag­mati­co e diret­to ma anche dovu­ta­mente a con­fron­to con la sto­ria cit­tad­i­na, che l’onorevole Giulio Santarel­li, can­dida­to sin­da­co di Mari­no per il Psi, ha volu­to imprimere al con­fron­to tra i can­di­dati sin­da­co sul mon­do del­la scuo­la tenu­tosi oggi pomerig­gio pres­so la scuo­la media Vival­di di San­ta Maria delle Mole.
FullSizeRenderI can­di­dati sin­da­co han­no rispos­to alle domande poste dai rap­p­re­sen­tan­ti del Con­siglio d’Istituto, pro­mo­tore dell’evento.
“Car­ente risul­ta anche il servizio scuo­labus” ha aggiun­to Santarel­li —  La vig­i­lan­za degli edi­fi­ci sogget­ti a con­tin­ue azioni van­daliche e addirit­tura, come è suc­ces­so a Castel­luc­cia, è sta­ta ril­e­va­ta la pre­sen­za di topi e ser­pen­ti a causa dei man­cati inter­ven­ti di der­at­tiz­zazione. Soltan­to il servizio men­sa sem­bra sod­dis­facente ma questo non riduce la pre­oc­cu­pazione per lo sta­to di forte caren­za di edi­fi­ci sco­las­ti­ci e spazi per la didat­ti­ca”.
IMG_0861L’onorevole Santarel­li ha pos­to quin­di anche il prob­le­ma dell’uso pub­bli­co delle palestre negli orari nei quali non sono usate dagli alun­ni delle scuole.
“Met­ter­li ancor più a dis­po­sizione delle asso­ci­azioni sportive di cit­ta­di­ni – ha det­to —  sarebbe un con­trib­u­to impor­tante per diminuire di molto i costi di questo servizio sem­pre più ricer­ca­to da gio­vani e meno gio­vani”.
Santarel­li ha quin­di avu­to modo di sot­to­lin­eare come molti dei prob­le­mi del­la scuo­la deriv­i­no dagli errori delle leg­gi Bas­sani­ni di mod­i­fi­ca del tito­lo V del­la Cos­ti­tuzione che han­no aboli­to i con­trol­li del­lo Sta­to sulle Regioni e delle Regioni sui comu­ni che ha dato via lib­era a ogni for­ma di ille­gal­ità e cor­ruzione nelle Regioni e nei Comu­ni. Anche il trasfer­i­men­to di com­pi­ti dall’organo politi­co dell’Amministrazione ai fun­zionari – ha aggiun­to —  ha dere­spon­s­abi­liz­za­to l’organo politi­co e quin­di gli elet­ti del popo­lo e ha trasfer­i­to com­pe­ten­ze ai fun­zionari che spes­so sono respon­s­abili in pri­ma per­sona delle vio­lazioni di legge.
IMG_0854“Mi chiedo – ha det­to anco­ra il can­dida­to sin­da­co del Psi —  come mai i gen­i­tori degli alun­ni, che han­no lamen­ta­to perfi­no la man­can­za dei riscal­da­men­ti nel­la scuo­la Ver­di non abbiano protes­ta­to a dovere nel men­tre un servizio così essen­ziale in pieno inver­no veni­va a man­care”.
La doman­da ulte­ri­ore è  — ha con­clu­so Santarel­li —  di che cosa si sono occu­pate  le Ammin­is­trazioni comu­nali suc­ce­dute­si negli ulti­mi vent’anni se oltre a non costru­ire nuovi edi­fi­ci sco­las­ti­ci non han­no saputo nem­meno gestire l’ordinaria manuten­zione, la sicurez­za e l’offerta cul­tur­ale”.
“Da una situ­azione resa ancor più dram­mat­i­ca dal­la cor­ruzione e dagli arresti suc­ce­dutisi nei mesi scor­si —  a giudizio di Santarel­li —  occor­rerà che nel prossi­mo Con­siglio comu­nale si con­cretizzi il cli­ma cor­diale e dialo­gante man­i­fes­tatosi tra i can­di­dati sin­da­co per­ché l’unità di tut­ti è fon­da­men­tale se si vuole dare avvio a un sec­on­do Risorg­i­men­to per Mari­no dopo quel­lo oper­a­to nel dopoguer­ra”.