San Cesareo: dopo il Consiglio Comunale sul forno crematorio, danneggiata l’auto del Sindaco

San Cesareo: dopo il Consiglio Comunale sul forno crematorio, danneggiata l’auto del Sindaco

14/04/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2515 volte!

manifestazione fornoSan Cesareo: Con­siglio comu­nale aper­to sul forno crematorio

Dan­neg­giate le autovet­ture del Sin­da­co e del Seg­re­tario comunale

Si è svol­ta ieri una movi­men­ta­ta sedu­ta del Con­siglio comu­nale con­vo­ca­ta in adunan­za aper­ta per dis­cutere del­la ques­tione soll­e­va­ta dal Comi­ta­to di cit­ta­di­ni che si oppone alla real­iz­zazione del forno cre­ma­to­rio pre­vis­to pres­so il cimitero comu­nale di Colle Mar­cel­li. L’amministrazione ha accetta­to di svol­gere i lavori con­sil­iari nel piaz­za­le dell’Autonomia per con­sen­tire a tut­ti gli inter­venu­ti di ascoltare il dibat­ti­to. Han­no pre­so la paro­la il sin­da­co Pietro Panzironi, l’assessore all’ambiente Mas­si­mo Mat­tog­no ed alcu­ni cit­ta­di­ni ader­en­ti al comi­ta­to che han­no ester­na­to le pro­prie pre­oc­cu­pazioni  sull’impatto ambi­en­tale del costru­en­do impianto. L’Assessore Mat­tog­no, ram­mar­i­catosi per non aver potu­to spie­gare oggi la cro­nis­to­ria del­la vicen­da, ha garan­ti­to il suo impeg­no a sol­lecitare peri­odica­mente l’Arpa per effet­tuare con­trol­li peri­od­i­ci su emis­sioni in area e campi elet­tro­mag­neti­ci. Ha pre­so la paro­la anche un tec­ni­co invi­ta­to dal Comi­ta­to che ha con­fer­ma­to l’importanza e la neces­sità di ser­rati con­trol­li e mon­i­tor­ag­gi su tali tipolo­gie di impianti. L’amministrazione ha, quin­di, ras­si­cu­ra­to il Comi­ta­to sul fat­to che saran­no intrap­rese tutte le azioni nec­es­sarie a garan­tire la tutela ambi­en­tale e la salute dei cit­ta­di­ni, impeg­nan­dosi con­tes­tual­mente a richiedere al con­ces­sion­ario la sospen­sione dell’iter dei lavori di real­iz­zazione dell’impianto cre­ma­to­rio, che è già muni­to di tutte le autor­iz­zazioni del caso, trat­tan­dosi di un inter­ven­to già deciso ed approva­to nel 2007. Pre­vista anche l’istituzione di una com­mis­sione con­sil­iare che vaglierà tut­ta la ques­tione e dovrà chiarire gli aspet­ti di crit­ic­ità soll­e­vati. “Oggi l’Amministrazione – dichiara ilsin­da­co Pietro Panzironi – ha dimostra­to una imme­di­a­ta atten­zione alla ques­tione soll­e­va­ta, ascoltan­do e pren­den­do in con­sid­er­azione le istanze del Comi­ta­to, per­ché è sem­pre gius­to instau­rare un canale di dial­o­go costrut­ti­vo e tran­quil­liz­zare chi man­i­fes­ta le pro­prie giuste pre­oc­cu­pazioni. Sap­pi­amo che anche in altre cit­tà dove si stan­no per real­iz­zare impianti cre­ma­tori, sem­pre più richi­esti dall’utenza, sor­gono proteste che spes­so nascono, purtrop­po, da dis­in­for­mazione e stru­men­tal­iz­zazioni. E’ allo­ra nos­tro com­pi­to spie­gare, chiarire e met­tere a dis­po­sizione di chi ha man­i­fes­ta­to for­ti pre­oc­cu­pazioni, e paven­ta­to peri­coli per la salute pub­bli­ca, esper­ti ambi­en­tali e rap­p­re­sen­tan­ti degli organi sovra­co­mu­nali dep­u­tati ad effet­tuare i con­trol­li  sulle emis­sioni. Ciò che las­cia amareg­giati è, però, l’atteggiamento di alcu­ni man­i­fes­tanti che durante l’incontro han­no con­tin­u­a­to a lan­cia­re offese e vol­gari epiteti di ogni tipo ver­so chi ha accolto di dis­cutere una tem­at­i­ca così impor­tante. Purtrop­po è sta­ta van­dal­iz­za­ta sia la mia autovet­tura che quel­la del Seg­re­tario Gen­erale e, quin­di, ver­rà sporta denun­cia con­tro questi gesti vigli­ac­chi. Ringrazio i tan­ti che han­no subito pre­so le dis­tanze da tali beceri com­por­ta­men­ti. Mi riv­ol­go allo­ra a chi ha vera­mente un inter­esse costrut­ti­vo e sereno, chieden­do di iso­lare chi attra­ver­so forme di vio­len­za ver­bale o di fat­to finisce per gettare dis­cred­i­to su ques­ta legit­ti­ma e demo­c­ra­t­i­ca protes­ta, e ne sminuisce — inevitabil­mente — il suo val­ore. Col­go l’occasione per ringraziare viva­mente polizia, cara­binieri e polizia locale che con enco­mi­a­bile impeg­no han­no vig­i­la­to sull’ordine pubblico”