ASSOTUTELA, DE GIOIA E ASSUMMA PREMIATI COME ECCELLENZA ITALIANA

ASSOTUTELA, DE GIOIA E ASSUMMA PREMIATI COME ECCELLENZA ITALIANA

09/03/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 868 volte!

“C’è grande atte­sa per l’iniziativa “Pre­mio Asso­tutela 2019/20 per le Eccel­len­ze Ital­iane”, che si svol­gerà il prossi­mo 21 mag­gio, alle ore 16, nel­la sala Zuc­cari del Sen­a­to del­la Repub­bli­ca, a Roma. Come ormai tradizione, infat­ti, tor­na l’attesa ker­messe, forte­mente volu­ta e orga­niz­za­ta dall’associazione del pres­i­dente, Michel Emi Mar­i­ta­to, e che attribuisce un riconosci­men­to a tut­ti quei per­son­ag­gi che nell’anno appe­na pas­sato si sono con­trad­dis­tin­ti, per mer­i­ti e com­pe­ten­ze, nel mon­do del­la ricer­ca, del­lo svilup­po, del­la cul­tura, del sociale, dell’economia, del­la polit­i­ca e del­la benef­i­cen­za, al fine di portare avan­ti lo svilup­po e il rilan­cio del­la nos­tra nazione. Un paese, l’Italia, che sta attra­ver­san­do una crisi pro­fon­da ma che è com­pos­ta da tante per­sone che cre­dono nel sog­no e nel­la oppor­tu­nità di cam­biare l’Italia e far­la ritornare allo splen­dore di un tem­po.
“Tra loro, quest’anno si è par­ti­co­lar­mente con­trad­dis­tin­to Vale­rio de Gioia, autore del libro “Il Codice Rosso” e impor­tante giu­dice del tri­bunale penale di Roma, che ver­rà pre­mi­a­to per il suo impeg­no pro­fes­sion­ale e sociale a tutela delle donne e a con­trasto del­la vio­len­za di genere, che in Italia miete anco­ra tante, troppe vit­time”, ha sot­to­lin­eato il pres­i­dente di Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to. Pre­mi­a­to anche Pier­gior­gio Assum­ma, pres­i­dente dell’Onvos, Osser­va­to­rio nazionale per la tutela delle vit­time di omi­cidio stradale e avvo­ca­to esper­to in omi­cidii stradali: “Sono molto felice di pre­mi­are una per­son­al­ità di asso­lu­to liv­el­lo come Assum­ma, sem­pre in pri­ma lin­ea per la tutela delle famiglie delle vit­time del­la stra­da, un tema attuale è bisog­noso di grande atten­zione isti­tuzionale”.

Con­di­vi­di: