Il Gal a caccia di giovani artisti dei Castelli Romani e Monti Prenestini

Il Gal a caccia di giovani artisti dei Castelli Romani e Monti Prenestini

11/10/2019 0 Di Fabio Orfei

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4895 volte!

Il Gal (Grup­po Azione Locale) Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni ha pre­sen­ta­to il prog­et­to “Arte, cibo e ter­ri­to­rio – Le eccel­len­ze agroal­i­men­ta­ri locali nelle immag­i­ni artis­tiche di gio­vani tal­en­ti”. Un con­cor­so des­ti­na­to agli alun­ni delle scuole medie del ter­ri­to­rio che ha l’obiettivo di pro­muo­vere e far conoscere le eccel­len­ze agroal­i­men­ta­ri dei rispet­tivi ter­ri­tori attra­ver­so dei bozzetti artis­ti­ci. A con­clu­sione del­la selezione, si svol­gerà a mag­gio del prossi­mo anno una mostra finale cel­e­bra­ti­va con la con­seg­na delle ripro­duzioni che ver­ran­no real­iz­zate. Per le opere in for­ma­to A4 sono con­sen­tite tutte le tec­niche di real­iz­zazione: dis­eg­no a mati­ta, pennarel­li, pastel­li, tem­pere, tec­niche col­lage o miste. Al ter­mine del prog­et­to ver­ran­no real­iz­zate delle ripro­duzioni a par­tire dai bozzetti elab­o­rati dagli stu­den­ti: dei car­tonci­ni fold­er con­te­nen­ti le ripro­duzioni delle opere final­iste al fine di poterne fare omag­gio alle scuole e ai comu­ni parte­ci­pan­ti.

Mer­coledì 9 otto­bre pres­so la sede di via del­la Pine­ta a Roc­ca Pri­o­ra, il pres­i­dente Ste­fano Bertuzzi e il con­sigliere d’amministrazione Ste­fano Asaro han­no incon­tra­to i ref­er­en­ti isti­tuzion­ali e sco­las­ti­ci dei quat­tordi­ci comu­ni che fan­no parte del Gal. Pre­sente anche Annal­isa Garet­to del­la soci­età Abafil di Milano che real­izzerà le ripro­duzioni a par­tire dai bozzetti elab­o­rati dagli stu­den­ti.

L’iniziativa – ha spie­ga­to il pres­i­dente del Gal Ste­fano Bertuzzi – ha come prin­ci­pale obi­et­ti­vo la parte­ci­pazione atti­va degli stu­den­ti a un pro­gram­ma di appro­fondi­men­to didat­ti­co e cre­ati­vo sulle eccel­len­ze dei rispet­tivi ter­ri­tori, poiché rite­ni­amo impor­tante sen­si­bi­liz­zare su questi temi le comu­nità locali a par­tire dai ter­ri­tori”.

Il prog­et­to intende val­oriz­zare i prodot­ti tipi­ci locali, per questo moti­vo è forte l’interesse del­la con­dot­ta Slow Food Fras­cati e Terre Tus­colane con il fidu­cia­rio Ste­fano Asaro, che rico­pre anche il ruo­lo di con­sigliere di ammin­is­trazione all’interno del Gal.

Attra­ver­so le loro opere artis­tiche, i nos­tri ragazzi diven­ter­an­no ambas­ci­a­tori dei nos­tri ter­ri­tori e dei prodot­ti tipi­ci – ha spie­ga­to Asaro – L’iniziativa non ter­min­erà con la pre­mi­azione, per­ché i lavori finali saran­no uno stru­men­to utile per far conoscere la nos­tra cul­tura anche fuori dal ter­ri­to­rio dei Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni”.

Questo l’elenco dei comu­ni coin­volti e i rispet­tivi prodot­ti tipi­ci: Palest­ri­na e Cas­tel San Pietro Romano – Gigli­et­to di Palest­ri­na, Colon­na – Pincinelle, Fras­cati – Pupaz­za fras­catana, Lab­i­co – Ron­co­let­ta di Lab­i­co, Gal­li­cano nel Lazio – Ciambel­lone di Sant’Antonio Abate, Mon­te­com­pa­tri – Maran­fricoli, Monte Porzio Catone – Ser­pette, Nemi – Fragoli­na di Nemi, Roc­ca di Papa – Ciambel­la degli sposi, Roc­ca Pri­o­ra – Tozzet­to con le noc­ci­ole, Roc­ca di Cave – Mar­roni, San Cesareo – Lane di San Cesareo, Val­montone – Gnoc­chi di tritel­lo.

A par­tire dal 4 novem­bre inizier­an­no le attiv­ità sco­las­tiche per la ripro­duzione degli elab­o­rati artis­ti­ci. Il 2 mar­zo del prossi­mo anno è pre­vista la con­seg­na degli elab­o­rati artis­ti­ci da parte delle scuole e suc­ces­si­va­mente entro il mese di mar­zo una com­mis­sione for­ma­ta dal Gal, un rap­p­re­sen­tante del­l’Abafil e un esper­to acca­d­e­mi­co artis­ti­co esamin­erà gli elab­o­rati e indi­viduerà un final­ista per ogni scuo­la comu­nale, suc­ces­si­va­mente ver­rà indi­vid­u­a­ta l’opera vincitrice.

Con­di­vi­di:
error0