Sicilia, ipotesi di reato per Lagalla: ‘Sono sereno, coinvolgimento marginale’

Sicilia, ipotesi di reato per Lagalla: ‘Sono sereno, coinvolgimento marginale’

22/03/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 268 volte!

L’assessore Rober­to Lagal­la inter­viene nel mer­i­to delle notizie dif­fuse dagli organi di infor­mazione sul suo pre­sun­to coin­vol­gi­men­to in alcune indagi­ni in cor­so:

Pren­do atto che, nell’ambito di un’indagine per reati asso­cia­tivi ed altre ipote­si di reato, tra le quali cor­ruzione e apparte­nen­za alla mas­sone­r­ia, che non mi vedono in alcun modo coin­volto, la Procu­ra del­la Repub­bli­ca di Tra­pani mi ha dato comu­ni­cazione di un solo addeb­ito rel­a­ti­vo alla fat­tispecie di abu­so d’ufficio. La con­tes­tazione, risalente a fat­ti del 2015, riguarderebbe la mia prece­dente fun­zione di ret­tore dell’Università di Paler­mo.  Al momen­to, non sono in pos­ses­so di suf­fi­ci­en­ti ele­men­ti conosc­i­tivi e doc­u­men­tali, né di per­son­ale memo­ria, tali da con­sen­tir­mi una qual­si­asi ricostruzione del­la pre­sun­ta vio­lazione dei doveri d’ufficio. Restando, ovvi­a­mente, a com­ple­ta dis­po­sizione del­la Mag­i­s­tratu­ra, mi sor­regge la ser­e­na coscien­za di avere sem­pre ispi­ra­to le mie azioni isti­tuzion­ali a cri­teri di cor­ret­tez­za e rispet­to del­la legge, nell’esclusivo inter­esse del­la cosa pub­bli­ca. Per tale ragione e nel­la certez­za che la cir­costan­za potrà essere ampia­mente chiari­ta nel cor­so dell’attività istrut­to­ria, mi dichiaro asso­lu­ta­mente sereno e fiducioso nel­la rap­i­da soluzione del­la vicen­da”.