Cambio al vertice di Croce Rossa di Roma

Cambio al vertice di Croce Rossa di Roma

03/08/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3454 volte!

Croce_Rossa_Roma_Ronzi_DiodatiCambio al vertice di Croce Rossa di Roma

A Flavio Ronzi, nom­i­na­to  Seg­re­tario Gen­erale CRI, suben­tra come Pres­i­dente, Deb­o­ra Dio­dati
Cam­bio al ver­tice di Croce Rossa di Roma. Flavio Ronzi, Pres­i­dente dopo due man­dati, las­cia l’in­car­i­co a segui­to del­la recente nom­i­na a Seg­re­tario Gen­erale di Croce Rossa Ital­iana. Alla gui­da di CRI Roma gli suben­tra l’at­tuale Vice Pres­i­dente Deb­o­ra Dio­dati.
“La Croce Rossa di Roma è un pre­sidio uman­i­tario sul ter­ri­to­rio del­la Cap­i­tale che coin­volge sem­pre più volon­tari e per­sone in con­dizione di bisog­no. Rimane ad oggi la mia più bel­la espe­rien­za che por­to a liv­el­lo nazionale dove raf­forz­er­e­mo la Croce Rossa di prossim­ità con le nos­tre 1200 sedi, per­ché mai più nes­suno resti solo”, dice Ronzi, che ha por­ta­to l’as­so­ci­azione romana negli ulti­mi anni a crescere in capac­ità di oper­are nei più dif­fi­cili con­testi uman­i­tari.
“Pros­eguire­mo il lavoro svolto in questi anni — dice Deb­o­ra Dio­dati — che è fat­to di impeg­no ver­so le situ­azioni di crisi e sosteg­no alle realtà più frag­ili sul ter­ri­to­rio. Un lavoro che vede impeg­nati gli oltre 7000 volon­tari del­la Croce Rossa di Roma spes­so in sin­er­gia con altre asso­ci­azioni nel­la sol­i­da­ri­età, nel­l’as­sis­ten­za, nel­l’aiu­to ver­so chi ha più bisog­no. Vivere quo­tid­i­ana­mente il ter­ri­to­rio sig­nifi­ca conoscere da vici­no realtà che spes­so diven­tano solo dati sta­tis­ti­ci sulle povertà o sul­la mar­gin­al­ità sociale. Stare con i pie­di e la tes­ta sul cam­po sig­nifi­ca esercitare un ruo­lo sociale e uman­i­tario restando in con­tat­to con le per­sone”.
Con­di­vi­di:
error0