ERASMUS PLUS, L’UNIONE EUROPEA APPROVA IL PROGETTO DELLA COMUNITÀ MONTANA

ERASMUS PLUS, L’UNIONE EUROPEA APPROVA IL PROGETTO DELLA COMUNITÀ MONTANA

20/09/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1330 volte!

 

Happy guys and girls expressing happiness by showing thumbs while smiling

Hap­py guys and girls express­ing hap­pi­ness by show­ing thumbs while smil­ing

ERASMUS PLUS, L’UNIONE EUROPEA APPROVA IL PROGETTO DELLA COMUNITÀ MONTANA

La Comu­nità Mon­tana ha pre­sen­ta­to nel 2015 un fas­ci­co­lo di can­di­datu­ra al pro­gram­ma dell’Unione euro­pea per l’Istruzione, la For­mazione, la Gioven­tù e lo Sport2014-2020, Eras­mus Plus. Il prog­et­to dal tito­lo “Yes Cul­ture” è real­iz­za­to con il con­trib­u­to di quat­tro pae­si diver­si: Italia, Roma­nia, Reg­no Uni­to e Repub­bli­ca Ceca.

La Com­mis­sione euro­pea ha approva­to il prog­et­to cofi­nanzian­do­lo con un con­trib­u­to di €. 28.432,00 e fis­san­do il peri­o­do di svol­gi­men­to dal 1 Otto­bre 2016 al 31 Gen­naio 2017.

Eras­mus+ si inserisce in un con­testo socio-eco­nom­i­co che vede, da una parte, qua­si 6 mil­ioni di gio­vani europei dis­oc­cu­pati, con liv­el­li che in alcu­ni pae­si super­a­no il 50%. Allo stes­so tem­po si reg­is­tra­no oltre 2 mil­ioni di posti di lavoro vacan­ti e un ter­zo dei datori di lavoro seg­nala dif­fi­coltà ad assumere per­son­ale con le qual­i­fiche richi­este. Ciò dimostra il sus­sis­tere di impor­tan­ti deficit di com­pe­ten­ze in Europa. Eras­mus+ è pen­sato pro­prio per dare risposte con­crete a queste prob­lem­atiche, attra­ver­so oppor­tu­nità di stu­dio, for­mazione, di espe­rien­ze lavo­ra­tive o di volon­tari­a­to all’estero.

La Comu­nità Mon­tana è capofi­la tra le orga­niz­zazioni part­ner del prog­et­to “Yes Cul­ture” e offrirà l’ambiente cre­ati­vo per le attiv­ità di ricer­ca ovvero il Par­co Arche­o­logi­co di Tus­co­lo che sarà con­sid­er­a­to come un “co-work­ing spazio cul­tur­ale”. Tus­co­lo — già ogget­to di una ricer­ca sci­en­tifi­ca con impor­tan­ti scop­erte – è il luo­go ide­ale per il prog­et­to in quan­to offre anco­ra diverse oppor­tu­nità in ter­mi­ni di lavori di sca­vo e riqual­i­fi­cazione stor­i­ca e cul­tur­ale.

La scelta di lavo­rare diret­ta­mente sul par­co arche­o­logi­co è deter­mi­na­ta dal­la neces­sità di sen­si­bi­liz­zare i gio­vani alla tutela del pat­ri­mo­nio cul­tur­ale europeo e mon­di­ale dopo gli even­ti dram­mati­ci e gli atti bar­bari­ci che stan­no seg­nan­do il mon­do con­tro i mon­u­men­ti di impor­tan­za uni­ca, spe­cial­mente in Iraq e Siria.

La parte­ci­pazione del­la Comu­nità Mon­tana ad Eras­mus Plus è un’opportunità molto  impor­tante per stu­den­ti e tiroci­nan­ti prove­ni­en­ti da 4 pae­si europei– dichiara il pres­i­dente Dami­ano Puc­ci — che avran­no l’occasione di acquisire com­pe­ten­ze tec­niche diret­ta­mente sul cam­po, aumen­tan­do le loro pos­si­bil­ità di car­ri­era, sti­molan­do nel­lo stes­so tem­po le conoscen­ze in mate­ria di mar­ket­ing tur­is­ti­co per sfruttare al meglio il nos­tro ter­ri­to­rio”.