Agricoltura, Tiso(Confeuro): “Su legge impresa giovanile si poteva fare di più”

Agricoltura, Tiso(Confeuro): “Su legge impresa giovanile si poteva fare di più”

02/04/2024 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 321 volte!

“La ques­tione dell’imprenditoria gio­vanile agri­co­la tor­na final­mente al cen­tro del dibat­ti­to politi­co e isti­tuzionale. Abbi­amo appre­so infat­ti che è sta­ta recen­te­mente pub­bli­ca­ta in Gazzetta Uffi­ciale, la legge numero 36 del 15 mar­zo 2024, che pun­ta a intro­durre un sis­tema organ­i­co di norme interne che, nel rispet­to delle dis­po­sizioni dell’Unione euro­pea, incre­men­ti il numero dei gio­vani che avviano un’attività agri­co­la e incor­ag­gi il ricam­bio gen­er­azionale, vis­to e con­sid­er­a­to che le imp­rese gestite da gio­vani han­no sen­za dub­bio un mag­giore liv­el­lo di cap­i­tal­iz­zazione e di propen­sione per l’innovazione. Insom­ma, ques­ta nuo­va dis­ci­plina nor­ma­ti­va è senz’altro apprez­z­abile ma Con­feu­ro è dell’opinione che il Par­la­men­to avrebbe potu­to mostrare più cor­ag­gio e si sarebbe potu­to fare decisa­mente di più ren­den­do la nuo­va legge più inci­si­va e conc­re­ta. In lin­ea gen­erale, comunque, l’auspicio isti­tuzionale è che si con­tinui a lavo­rare per cer­ti­fi­care sem­pre di più l’idea, da noi forte­mente sostenu­ta, di riportare nel novero delle pos­si­bili real­iz­zazioni pro­fes­sion­ali di un gio­vane, il set­tore agri­co­lo: non più rip­iego ma una pri­ma scelta, con­vin­ti che in un futuro in cui molte attiv­ità lavo­ra­tive saran­no sos­ti­tu­ite dal­lo svilup­po del­la intel­li­gen­za arti­fi­ciale, le pro­duzioni agroal­i­men­ta­ri di qual­ità potran­no, al con­trario, sfruttare i sis­te­mi di IA per incen­ti­vare una pro­duzione profi­cua e rispet­tosa del­l’am­bi­ente. E in tal sen­so, anche l’Unione Euro­pea deve fare la sua parte, met­ten­do in cam­po mag­giori risorse e inves­ti­men­ti, favoren­do impren­di­to­ri­al­ità dei gio­vani agri­coltori e pro­muoven­done la com­pet­i­tiv­ità sul mer­ca­to attuale”.

Così, in una nota stam­pa, Andrea Tiso, pres­i­dente nazionale Con­feu­ro, la Con­fed­er­azione degli Agri­coltori Europei e del Mon­do.

Related Images: