Ariccia apre la Tournée di “Indiani di Riserva” —  Protagonista il M° Mario Alberti con le sue 8 ballate

Ariccia apre la Tournée di “Indiani di Riserva” — Protagonista il M° Mario Alberti con le sue 8 ballate

27/06/2024 0 Di Anna Maria Gavotti

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 759 volte!

Can­dida­to alle Targhe Ten­co come miglior album e miglior sin­go­lo

Sarà la cit­tà di Aric­cia ad aprire la Tournée del M° Mario Alber­ti con il Con­cer­to ”Indi­ani di Ris­er­va” Can­dida­to alle Targhe Ten­co come miglior album e miglior sin­go­lo.
L’evento, orga­niz­za­to dall’associazione cul­tur­ale La Terz­i­na con il patrocinio del Comune di Aric­cia in occa­sione di “Aric­cia da Amare”, si ter­rà domeni­ca 7 luglio 2024 alle ore 21,00 pres­so la Sala Maes­tra di Palaz­zo Chi­gi.
Inter­ver­ran­no il Sin­da­co di Aric­cia Gian­lu­ca Stac­coli e le Con­sigliere Comu­nali Ani­ta Luciano, del­e­ga­ta alle Asso­ci­azioni, Mar­chio IGP e Ban­di Europei e Irene Fal­cone, del­e­ga­ta alle Scuole con la parte­ci­pazione del Prof. Aldo Ono­rati. L’evento sarà pre­sen­ta­to da Mar­ti­na Nasi­ni.
“Il lavoro di Mario Alber­ti, che crea opere musi­cali come queste – affer­ma il Sin­da­co Gian­lu­ca Stac­coli — è fon­da­men­tale per preser­vare e dif­fondere la conoscen­za delle cul­ture e delle sto­rie dei popoli. Il CD “Indi­ani di Ris­er­va” non è solo un con­trib­u­to artis­ti­co di alto liv­el­lo, ma anche un potente stru­men­to di sen­si­bi­liz­zazione su temi stori­ci e sociali di grande ril­e­van­za. Auguro all’autore il mas­si­mo suc­ces­so al Pre­mio Ten­co 2024”.
“La tournée di pre­sen­tazione del­l’al­bum par­tirà pro­prio da Aric­cia – tiene a pre­cis­are la Con­sigliera Irene Fal­cone — un even­to che tes­ti­mo­nia l’im­por­tan­za del­la nos­tra cit­tà nel­la pro­mozione cul­tur­ale. Questo è un album che va oltre l’intrattenimento musi­cale, per sfo­cia­re nel­la sto­ria e nel­la vita di un popo­lo che ha radi­ci pro­fonde. Infat­ti, il lavoro di Mario Alber­ti pre­sen­ta una sin­te­si tra pas­sato e attual­ità, tra ricor­di e pre­sente, fino ad arrivare al riscat­to di un popo­lo. Ringrazio tut­ti gli orga­niz­za­tori per questo even­to”.
“Sono pro­fon­da­mente col­pi­ta dal prog­et­to – affer­ma la Con­sigliera Ani­ta Luciano — L’at­ten­zione e la dedi­zione di Alber­ti nel creare un’­opera così sig­ni­fica­ti­va mer­i­tano il nos­tro più sin­cero elo­gio. Sono cer­ta che Mario Alber­ti otter­rà il riconosci­men­to che meri­ta. “Indi­ani di Ris­er­va” è un esem­pio di come la musi­ca pos­sa servire da vei­co­lo di cul­tura e memo­ria stor­i­ca, avvic­i­nan­do le per­sone a tem­atiche spes­so trascu­rate”.
“Lo ster­minio degli indi­ani d’Amer­i­ca è uno dei non pochi esem­pi dati dal­l’Eu­ropa civile (nel sen­so iron­i­co e neg­a­ti­vo del­la paro­la “civile”), se si con­sid­era anche la lun­ga situ­azione del­l’Amer­i­ca Lati­na segui­ta alla scop­er­ta di Colom­bo – così scrive il prof. Aldo Ono­rati — Abbi­amo esporta­to bisog­ni immag­i­nari a cos­to ele­vatis­si­mo, can­cel­la­to cul­ture diverse dalle nos­tre ma non per questo meno sig­ni­fica­tive, abbi­amo segui­to l’im­pul­so di preda­tori dan­do all’oro un sig­ni­fi­ca­to che gli amerin­di non immag­i­na­vano, loro viven­ti a con­tat­to con una Natu­ra che noi abbi­amo dis­trut­to per la nos­tra sete di guadag­no. La musi­ca stra­or­di­nar­ia del Mae­stro Mario Alber­ti descrive con pas­sione il dolore e il tra­mon­to di una civiltà dal­la quale non abbi­amo potu­to trarre inseg­na­men­to, per col­pa del­la nos­tra oltra­cotan­za e super­bia di supe­ri­or­ità”.
Il CD “Indi­ani di Ris­er­va” è sta­to lan­ci­a­to il 25 aprile 2024 a cura del­la casa discografi­ca ZdB sui dig­i­tal stores e dis­tribuito in 240 pae­si nel mon­do. Con­tiene 8 brani con musiche e testi scrit­ti da Mario Alber­ti, musicista, com­pos­i­tore, con­certista di musi­ca clas­si­ca, esper­to di musi­ca anti­ca e appas­sion­a­to di musi­ca d’autore, genere usato per ques­ta opera speci­fi­ca.
La Tournée inizierà pro­prio da Aric­cia e toc­cherà molti Comu­ni dal­la Provin­cia di Roma a quel­la di Viter­bo.
I Con­cer­ti assumono una valen­za tale da sol­lecitare una rif­les­sione sull’armonia dell’essere e del cre­ato, che è alla base del­la vita degli Indi­geni d’America, ai quali è ded­i­ca­ta l’opera, frut­to di un impor­tante stu­dio sociale e stori­co fat­to da Alber­ti che rap­p­re­sen­ta una per­fet­ta sin­te­si tra pas­sato e pre­sente.
L’ingresso è gra­tu­ito. Per info e preno­tazioni 3476791345 – latiterraneo@gmail.com

Related Images: