Agrivoltaico, Tiso(Confeuro): “Ok incentivazione ma non si sacrifichi la terra”

Agrivoltaico, Tiso(Confeuro): “Ok incentivazione ma non si sacrifichi la terra”

23/02/2024 1 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 417 volte!

“Appren­di­amo che il Min­is­tero dell’Ambiente e del­la Sicurez­za Ener­get­i­ca ha recen­te­mente pub­bli­ca­to il decre­to per pro­muo­vere la real­iz­zazione di impianti agri­v­oltaici inno­v­a­tivi. Obi­et­ti­vo dell’intervento, pre­vis­to dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilien­za, è instal­lare almeno 1,04 GW di impianti agri­v­oltaici entro il 30 giug­no 2026. Con­feu­ro giu­di­ca questo provved­i­men­to cer­ta­mente un pas­so impor­tante per il set­tore agri­co­lo se col­lo­ca­to in direzione del risparmio ener­geti­co e dell’incremento del­la red­di­tiv­ità dei pic­coli e medi colti­va­tori, ma, al con­tem­po, intende rib­adire con forza come l’agrivoltaico, se incanala­to in una deri­va peri­colosa, deb­ba rimanere una attiv­ità asso­lu­ta­mente com­ple­mentare e non sos­ti­tu­ti­va dell’agricoltura tout court. Non pos­si­amo infat­ti per­me­t­ter­ci di sac­ri­fi­care la ter­ra fer­tile, né com­pro­met­tere la con­ti­nu­ità delle attiv­ità di colti­vazione agri­co­la e pas­torale in nome del dio denaro e del­la ces­sione dei ter­reni agri­coli alle gran­di multi­nazion­ali del com­par­to, col serio ris­chio che poi ne fac­ciano un uti­liz­zo diver­so rispet­to alla vocazione orig­i­nale. Insom­ma, le isti­tuzioni, ital­iane ed europee sopratut­to, devono oper­are in maniera conc­re­ta e con­sapev­ole al fine di delin­eare pre­cisi con­fi­ni di svilup­po dell’agrivoltaico e, di con­seguen­za, pro­muo­vere e tute­lare la pro­duzione agri­co­la: meno prodot­ti del­la ter­ra nos­trana, d’altronde, potreb­bero sig­nifi­care una mag­giore e pre­oc­cu­pante impor­tazione dei cibi extra Ue. Una ipote­si da scar­dinare sul nascere, anche attra­ver­so la revi­sione delle Pac e lo stanzi­a­men­to di mag­giori risorse pub­bliche da des­ti­nati a pic­coli e medi colti­va­tori”.

Così, in una nota stam­pa, Andrea Tiso, pres­i­dente nazionale Con­feu­ro, la Con­fed­er­azione degli Agri­coltori Europei e del Mon­do

Related Images: