Aprilia. Latina. Arresti ad Aprilia e dintorni: ‘ndrangheta e criminalità organizzata con politici collusi e “a servizio”. La destra impera

Aprilia. Latina. Arresti ad Aprilia e dintorni: ‘ndrangheta e criminalità organizzata con politici collusi e “a servizio”. La destra impera

04/07/2024 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 976 volte!

Sonia Peco­ril­li, seg­re­taria del PCI del­la provin­cia di Lati­na, alla man­i­fes­tazione per Sat­nam Singh


“Purtrop­po da anni, con altri, come ad esem­pio la “Rete No Bavaglio e Lib­era” denun­ci­amo, con azioni pub­bliche di lot­ta e con la nos­tra anal­isi pro­pos­ta a cit­ta­di­ni e isti­tuzioni, oltre che a forze politiche e sociali, che le orga­niz­zazioni mafiose si sono impos­ses­sate del ter­ri­to­rio a sud del­la cap­i­tale, si veda lo sciogli­men­to per mafia dei comu­ni di Anzio e Net­tuno, ed ora l’operazione del­la direzione inves­tiga­ti­va Anti­mafia. – dichiara Sonia Peco­ril­li, seg­re­taria del Par­ti­to Comu­nista Ital­iano Fed­er­azione provin­ciale di Lati­na – La stes­sa DIA con questi arresti segui­ti all’indagine, ha cer­ti­fi­ca­to la pre­sen­za di un sodal­izio crim­i­nale oper­ante nel­la cit­tà di April­ia. Come ripor­ta­to da “Rete No Bavaglio”, “dagli atti dell’inchiesta del­la direzione dis­tret­tuale anti­mafia capi­toli­na sono emer­si pre­sun­ti lega­mi e con­dizion­a­men­ti fra alcu­ni politi­ci del ter­ri­to­rio ed alcune orga­niz­zazioni crim­i­nali locali di ‘ndrangheta trapi­antate sui ter­ri­tori di April­ia e Pomezia, dove eserci­ta­vano un potere intim­ida­to­rio, arrivan­do anche a con­dizionare il voto elet­torale.”.

Bruno Bar­bona, seg­re­tario PCI Lazio


“E’ quin­di un liv­el­lo altissi­mo di occu­pazione del ter­ri­to­rio e di parte del­lo Sta­to – aggiunge Bruno Bar­bona, seg­re­tario regionale PCI Lazio – che è sta­to pos­si­bile gra­zie a cor­ruzione e malaf­fare. Esat­ta­mente i car­di­ni con­tro i quali i comu­nisti da sem­pre, come dall’insegnamento ed ind­i­riz­zo politi­co impres­so da Enri­co Berlinguer cir­ca la ques­tione morale, si sono, in pas­sato, e con­fer­mano oggi, il pro­prio impeg­no pri­or­i­tario. Al pari, ad esem­pio, del­la ques­tione antifascista. Non sem­bri un caso – con­tin­ua Bar­bona – che i suc­ces­si elet­torali del­la destra, col sospet­to, ogget­to di indagine, ottenu­ti in cam­bio di col­lu­sione con la crim­i­nal­ità, avvengano pro­prio qui. E che la guardia abbas­sa­ta di chi potrebbe e dovrebbe essere sul­la dife­sa del­la cos­ti­tuzione e sul­lo spar­ti­acque dell’antifascismo, è arriva­to (come nel caso del PD europeo) ad equiparare fas­cis­mo e comu­nis­mo! Sono, questi com­por­ta­men­ti – chiosa il seg­re­tario comu­nista – quel­li che dan­no il via lib­era alle incur­sioni che ledono lo Sta­to repub­bli­cano nato dal­la Resisten­za, che ledono le prime cel­lule demo­c­ra­tiche che sono i comu­ni, che ledono il buon gov­er­no con­seg­nan­do­lo a malaf­fare, a cor­ruzione, alla ‘drangheta.”. “Per questo, — aggiunge Sonia Peco­ril­li – men­tre la modal­ità principe scelta da cor­rot­ti e crim­i­nal­ità sono le mani in pas­ta e le azioni di intim­i­dazioni, minac­ce e aggres­sioni, noi comu­nisti, abbi­amo scel­to di con­trastare tut­to ciò con la pro­pos­ta polit­i­ca alter­na­ti­va, chia­man­do a rac­col­ta le molte forze sane e la quan­tità di cit­ta­di­ni che non solo non han­no nul­la a che vedere con questo, ma vogliono pro­prio debel­lare tut­to ciò. Inoltre, oper­ere­mo sem­pre uni­ta­mente a molti altri sogget­ti politi­ci e sociali affinchè nes­sun silen­zio si impadro­nis­ca del­la vita quo­tid­i­ana di April­ia e del­la provin­cia di Lati­na. Così come del Lazio d’Italia e dell’Europa – con­clude la diri­gente comu­nista — vis­to che mag­a­ri da questo ter­ri­to­rio ci si aspet­ta che chi ha usufruito del frut­to avve­le­na­to dei voti di ‘ndrangheta potrebbe pure avan­zare richi­este per incar­ichi nel­la UE. Non si deve abbas­sare la guardia e come comu­nisti ringrazi­amo tan­ta parte sana e atti­va dell’informazione pro­muove e dif­fonde la cul­tura del­la legal­ità e dell’antimafia sociale, in tut­ti gli ambiti del­la soci­età.”.

Foto del sin­da­co arresta­to, da adnkro­nos

Related Images: