TERRITORIO, MATTEONI: “PROMUOVERE BINOMIO EDILIZIA-SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE CONTRO ABUSIVISMO”

TERRITORIO, MATTEONI: “PROMUOVERE BINOMIO EDILIZIA-SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE CONTRO ABUSIVISMO”

29/11/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 472 volte!

“Quan­to tragi­ca­mente accadu­to nelle scorse ore a Casam­ic­ci­o­la, sul­l’iso­la di Ischia, a segui­to di un vio­len­to mal­tem­po – che ha causato la morte di varie per­sone e ingen­ti dan­ni mate­ri­ali – riac­cende purtrop­po i fari medi­ati­ci sull’annoso prob­le­ma dell’abusivismo edilizio in Italia: un fenom­e­no sociale mai sopi­to, di una grav­ità inau­di­ta e che mette a serio ris­chio la sicurez­za del­la nos­tra comu­nità, oltre a pre­sen­tar­si come un grande peri­co­lo per l’ambiente e la natu­ra. Non a caso, in Italia nel 2021 le costruzioni autor­iz­zate sareb­bero state l’86,9%, men­tre il restante 13,1% risul­terebbe abu­si­vo. Numeri crit­i­ci, ai quali va stret­ta­mente lega­to poi il tema del­l’ab­bat­ti­men­to degli edi­fi­ci ille­gali: a fronte di migli­a­ia di provved­i­men­ti di demolizione, infat­ti, sono sen­si­bil­mente meno quelle ese­gui­ti in maniera effet­ti­va o gli immo­bili real­mente acquisi­ti come pat­ri­mo­nio del Demanio. Una situ­azione che la dice lun­ga sul­la lentez­za buro­crat­i­ca e sui ritar­di ammin­is­tra­tivi del nos­tro Paese. E’ chiaro ed evi­dente quan­to sia nec­es­saria e impro­cras­tin­abile una inver­sione di ten­den­za sul tema, con lo Sta­to che deve tornare a fare lo Sta­to, aumen­tan­do i con­trol­li con­tro l’abusivismo, sem­pli­f­i­can­do la buro­crazia e pro­muoven­do il binomio edilizia/sostenibilità ambi­en­tale per­ché costru­ire rispet­tan­do le regole a tutela di cit­ta­di­ni e ambi­ente, cer­ta­mente si può. Vedremo, in questo sen­so, come si com­porterà il gov­er­no Meloni”.
Così, in una nota stam­pa, Mar­co Mat­teoni, ex pres­i­dente del­la Con­far­ti­giana­to Edilizia di Roma e del Lazio, nonché tra i prin­ci­pali play­er nel­la riqual­i­fi­cazione immo­bil­iare ed energetica.