Roma: fino al 28 aprile Mostra su Rino Gaetano a Trastevere

Roma: fino al 28 aprile Mostra su Rino Gaetano a Trastevere

23/02/2024 0 Di Francesca Marrucci

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 971 volte!

Fino al 28 aprile al Museo di Roma in Trastevere

RINO GAETANO

La prima grande mostra nel segno di  uno dei più amati cantautori italiani

 Parte da Roma il viag­gio nel mon­do di Rino Gae­tano con la pri­ma mostra ded­i­ca­ta al grande can­tau­tore che ha seg­na­to un’epoca nel­la musi­ca ital­iana. Icon­i­co poeta dal­lo stile uni­co e tagliente, con la sua voce ruvi­da e con i suoi testi appar­ente­mente leg­geri e dis­im­peg­nati ma pieni di con­tenu­ti, ha saputo graf­fi­are soci­età e polit­i­ca sen­za mai nascon­der­si dietro etichette e maschere, rius­cen­do, attra­ver­so pen­sieri anti­con­formisti e parole sem­pli­ci, a portare alla luce gli anni bui del­la nos­tra nazione.

Il song­writer, cal­abrese di nasci­ta ma romano d’adozione, ver­rà cel­e­bra­to con la grande mostra Rino Gae­tano, che sarà ospi­ta­ta a Roma dal 16 feb­braio al 28 aprile 2024 al Museo di Roma in Traste­vere, nel quartiere che amò e fre­quen­tò fin dai tem­pi del Folk­stu­dio. Non a caso Rino ha vis­su­to a Roma, dove si è fat­to le ossa nei pal­cosceni­ci off e nei teatri con l’ETI Ente Teatrale Ital­iano, dove ha impara­to a evi­den­ziare il mes­sag­gio con tut­ti gli stru­men­ti del teatro.

La mostra, pro­mossa da Roma Cap­i­tale, Asses­so­ra­to alla Cul­tura, Sovrin­ten­den­za Capi­toli­na ai Beni Cul­tur­ali, a cura di Alessan­dro Nicosia e Alessan­dro Gae­tano è orga­niz­za­ta e real­iz­za­ta da C.O.R. Creare Orga­niz­zare Real­iz­zare, con il sup­por­to orga­niz­za­ti­vo di Zètema Prog­et­to Cul­tura, sot­to il patrocinio del Min­is­tero del­la Cul­tura e di SIAE Soci­età Ital­iana degli Autori ed Edi­tori con la media part­ner di Rai e la col­lab­o­razione di Rai Teche – che con­ser­va la mag­gior parte dei fil­mati che riguardano l’artista – e Uni­ver­sal Music Pub­lish­ing Group.

Un’esposizione inedi­ta nata dal­la ricer­ca di mate­ri­ali, molti dei quali esposti per la pri­ma vol­ta, che doc­u­men­tano l’intero cam­mi­no artis­ti­co di Rino Gae­tano, arric­chi­ta da ‘tante rar­ità’ di asso­lu­to val­ore, con­cesse per l’occasione dal­la sorel­la Anna: doc­u­men­ti, foto, cimeli artis­ti­ci, la rac­col­ta dei dis­chi, video, stru­men­ti musi­cali, ogget­ti, abiti di sce­na come l’accappatoio indos­sato durante il Fes­ti­val­bar all’Arena di Verona e la giac­ca in pelle uti­liz­za­ta a San­re­mo, man­i­festi e la collezione di cap­pel­li.

Le sue can­zoni, inno­v­a­tive e dal forte impeg­no civile, dopo la pre­matu­ra scom­parsa, sono state riscop­erte e diven­tate veri e pro­pri inni tra le nuove gen­er­azioni, usate in teatro, come colonne sonore di film, trasfor­mate in fic­tion, com­pi­la­tion, street art e fes­ti­val. La denun­cia sociale cela­ta dietro l’iro­nia delle sue bef­farde filas­troc­che res­ta anco­ra attualis­si­ma, come la costante lot­ta con­tro i tabù, le mist­i­fi­cazioni, le ipocrisie e i con­formis­mi. Non ha mai avu­to bisog­no di maestri, rap­p­re­sen­ta­va lui stes­so l’onda nuo­va di una cor­rente sen­za eguali. I testi dei suoi brani non van­no pre­si come rac­con­ti real­is­ti­ci, ma bisogna viver­li come fos­sero immag­i­ni sor­pren­den­ti, idee, sug­ges­tioni, poe­sie che ali­men­tano le due ani­me del­la sua ispi­razione: quel­la anar­chi­ca e chi­as­sosa e quel­la poet­i­ca e struggente, con momen­ti di felice fusione espres­si­va e di diver­ti­to abban­dono. Tut­to questo su musiche dagli impianti rit­mi­ci di fer­ro e arran­gia­men­ti di insoli­ta ric­chez­za e inven­zioni, accom­pa­g­nati da una vocal­ità mod­er­na e aggres­si­va.

Nei suoi testi, fat­ti di sber­l­ef­fi e di bat­tute caus­tiche addi­ta­va l’eterna crisi dell’Italia, quel­la delle auto blu e degli eva­sori legal­iz­za­ti di Nun­tereg­gae più con ver­si come “vedo tan­ta gente che nun c’ha l’acqua cor­rente, e non c’ha niente, ma chi me sente”. O anco­ra l’esaltazione del­la forza fem­minile di Gian­na che “difend­e­va il suo salario dall’inflazione”, sino alla sua cele­bre Ma il cielo è sem­pre più blu, intrisa di luoghi comu­ni e di mis­fat­ti che i ‘ben­pen­san­ti’ definis­cono pro­gres­so, ai quali si con­trap­pone l’indomabile sper­an­za dei “sog­na­tori” che vagheg­giano “un cielo sem­pre più blu”. E poi anco­ra, ma la lista è lun­ga, Berta fila­vaSfior­i­vano le vio­le, che con lin­guag­gio desue­to trat­ta­va i temi dell’emarginazione. La vet­ta cre­ati­va viene rag­giun­ta con l’album Mio fratel­lo è figlio uni­co che res­ta uno dei dis­chi più impor­tan­ti non solo del­la car­ri­era del can­tante, ma in gen­erale del­la musi­ca ital­iana.

Fra il 1973 e il 1980 ha pub­bli­ca­to sei album attra­ver­so i quali ha dip­in­to con schi­et­tez­za un’Italia che ci assomiglia anco­ra, ma pro­prio a causa del­la sfer­zante lucid­ità nell’affrontare temi di stret­ta attual­ità, ha fat­i­ca­to tan­to per far­si conoscere, affrontan­do i pregiudizi del­la crit­i­ca, del pub­bli­co, dei col­leghi, dell’ambiente e anche del­l’estab­lish­ment che non vede­va di buon occhio quel­lo stra­no per­son­ag­gio che si diverti­va a sch­ernire tut­ti, poten­ti, politi­ci, uomi­ni di potere, facen­do nomi e cog­no­mi. Can­tò Gian­na e, per la pri­ma vol­ta nel­la sto­ria del Fes­ti­val di San­re­mo, fu pro­nun­ci­a­ta la paro­la “ses­so”; nel teatro san­remese, all’e­poca, l’im­pres­sione fu di vedere un ‘marziano’, per la forza dis­sacrante di quel­la per­for­mance ispi­ra­ta più a Carme­lo Bene che ai cod­i­ci del­la musi­ca. Non trag­ga in ingan­no la popo­lar­ità imme­di­a­ta delle sue can­zoni: c’è mol­ta sapien­za nell’uso del sar­cas­mo, del calem­bour, del non­sense, in quel par­ti­co­lare mez­zo di comu­ni­cazione che è la can­zone, sem­pre trop­po dis­pos­ta a pren­der­si sul serio anche quan­do si trat­ta di operetta.

La mostra sarà corre­da­ta dal cat­a­l­o­go edi­to da Gange­mi Edi­tore che con­tiene sto­ria, immag­i­ni e un lun­go elen­co di stra­or­di­nar­ie tes­ti­mo­ni­anze che aiu­tano a com­pren­dere tutte le sfac­cettature di un uomo con­sid­er­a­to uno dei can­tas­to­rie di cul­to del­la nos­tra sto­ria. Un viag­gio stra­or­di­nario di memo­ria col­let­ti­va al rit­mo delle note delle sue stralu­nate can­zoni e dove la sua arte sarà più viva che mai.

Nel cor­so dell’evento sarà pos­si­bile assis­tere alle per­for­mance live di Alessan­dro Gae­tano, in trio con la Rino Gae­tano Band e con Diana Tejera, che eseguiran­no alcu­ni mini con­cer­ti acus­ti­ci, con­sen­ten­do ai vis­i­ta­tori di sco­prire e vivere la forza del­la sua musi­ca; le date saran­no comu­ni­cate sulle pagine web del Museo www.museodiromaintrastevere.it. La rasseg­na offrirà allo spet­ta­tore l’opportunità di un incon­tro uni­co e spe­ciale con l’artista che farà sco­prire come la sua voce ci par­li oggi più forte che mai.

SCHEDA INFO

Mostra                                   RINO GAETANO

Dove                                      Museo di Roma in Traste­vere Roma, Piaz­za S. Egidio 1/b  

Quan­do                                 16 feb­braio — 28 aprile 2024

Orari                                      Da mart­edì a domeni­ca ore 10.00 — 20.00;

La bigli­et­te­ria chi­ude alle ore 19.00;

Chiu­so lunedì, 1° mag­gio.            

Tar­iffe  Bigli­et­to uni­co com­pren­si­vo di ingres­so al museo e alle mostre

  • Intero non res­i­dente: € 12,00
  • Ridot­to non res­i­dente: € 9,50

Per i res­i­den­ti in Roma Cap­i­tale e nell’area met­ro­pol­i­tana:

  • Intero: € 9,50
  • Ridot­to: € 8,50

Ingres­so gra­tu­ito con la MIC card

Info     Tel. 060608 (tut­ti i giorni ore 9.00 – 19.00)

www.museodiromaintrastevere.it; www.museiincomuneroma.it

@MuseiInComuneRoma

Related Images: