Safina (PD) al presidente Schifani: “Subito i ristori per i siciliani colpiti dalle alluvioni dello scorso autunno”

Safina (PD) al presidente Schifani: “Subito i ristori per i siciliani colpiti dalle alluvioni dello scorso autunno”

17/05/2023 0 Di Carmela Barbara

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 967 volte!

Il fat­to che la Sicil­ia Occi­den­tale ha super­a­to pres­soché indenne l’allerta meteo rossa dira­ma­ta dal dipar­ti­men­to regionale del­la Pro­tezione civile domeni­ca scor­sa non deve asso­lu­ta­mente far­ci dormire son­ni tran­quil­li. E quel­lo che sta acca­den­do in queste ore in Emil­ia-Romagna e nelle Marche dovrebbe far­ci riflet­tere: le stesse con­dizioni meteo pre­viste per la Sicil­ia evi­den­te­mente grazi­a­ta dal­la for­tu­na, stan­no invece provo­can­do dev­as­tazione e dis­truzione altrove. Nel frat­tem­po, però, i cit­ta­di­ni sicil­iani col­pi­ti dalle allu­vioni di set­tem­bre e otto­bre 2022 atten­dono anco­ra di rice­vere i ris­tori per i dan­ni subiti”.

Così il dep­u­ta­to tra­panese del PD Dario Safi­na che si riv­olge diret­ta­mente al pres­i­dente del­la regione Sicil­ia Rena­to Schi­fani affinché attivi imme­di­ata­mente tutte le pro­ce­dure nec­es­sarie per il ris­arci­men­to dei dan­ni da calamità nat­u­rali e dare una boc­ca­ta d’ossigeno ai cit­ta­di­ni.

Già nel­lo scor­so feb­braio come grup­po Pd ave­va­mo pre­sen­ta­to un emen­da­men­to alla Finanziaria con la richi­es­ta di 15 mil­ioni di euro da des­tinare al ris­toro dei cit­ta­di­ni dei Comu­ni sicil­iani col­pi­ti dalle allu­vioni nei mesi di set­tem­bre e otto­bre 2022. Emen­da­men­to boc­cia­to dal­la mag­gio­ran­za. Ad oggi, non si com­prende, per­chécon­tin­ua Safi­na - il gov­er­no non attivi imme­di­ata­mente le pro­ce­dure per il riconosci­men­to dei ris­tori ai cit­ta­di­ni sicil­iani che anco­ra atten­dono di ricostru­ire le loro vite. Per di più, in molti Comu­ni del­la Sicil­ia sono già state avvi­ate le istrut­to­rie per le pratiche di ris­arci­men­ti dan­ni, anche alla luce delle relazioni deposi­tate dal dipar­ti­men­to di Pro­tezione civile che ha esclu­so qual­si­asi altra causa all’origine dei dan­ni provo­cati. Richi­este che non potran­no che rimanere let­tera mor­ta se il gov­er­no regionale non pre­dispone un capi­to­lo ad hoc per i ris­arci­men­ti. In atte­sa poi dei 20 mil­ioni di euro pre­visti dal Poc, che con­sen­ti­ran­no di real­iz­zare impor­tan­ti opere di ricostruzione post allu­vioni”.

Davvero non com­pren­do – con­clude amaro l’onorevole Safi­na – come il capo di un gov­er­no regionale pos­sa per­me­t­tere il per­du­rare di una sim­i­le con­dizione sen­za inter­venire in maniera fat­ti­va e se nec­es­sario diret­ta. Per­ché se i fon­di a dis­po­sizione esistono, non si spendono per il bene del­la col­let­tiv­ità? Per­ché las­cia­re in atte­sa i cit­ta­di­ni che gra­zie a quei fon­di potreb­bero ripar­tire? Sono queste le domande che pon­go al pres­i­dente Schi­fani, nel­la sper­an­za che abbia la corte­sia di rispon­dere, non solo a me quan­to a quelle migli­a­ia di sicil­iani che anco­ra atten­dono”.

Related Images: