Ue, a Roma nasce “Iniziativa 9 maggio”. Arbia: “Per Europa più vicina a cittadini”

Ue, a Roma nasce “Iniziativa 9 maggio”. Arbia: “Per Europa più vicina a cittadini”

10/04/2024 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 413 volte!

“Per una Unione Euro­pea più vic­i­na al cit­tadi­no, demo­c­ra­t­i­ca, parte­ci­pa­ta, in cui le gio­vani gen­er­azioni, il lavoro, i dirit­ti e l’ambiente ne siano i veri pro­tag­o­nisti. Su questi prin­cipi fon­da­men­tali il grup­po “Inizia­ti­va Comune” e il comi­ta­to “SaCosa” — con­sce che l’I­talia e l’Eu­ropa non sono soltan­to teatro di rap­p­re­sen­tazioni casu­ali e di pro­poste spes­so incom­pren­si­bili — han­no deciso di unire le forze e cos­ti­tuire “Inizia­ti­va 9 mag­gio — Dare Radi­ci all’Eu­ropa”. Una denom­i­nazione non casuale poiché pro­prio in ques­ta impor­tante data ricorre la Gior­na­ta del­l’Eu­ropa, per ricor­dare l’an­niver­sario del­la Dichiarazione Schu­man e riaf­fer­mare i val­ori di pace e democrazia. “Questo sodal­izio — spie­ga il por­tav­oce nazionale di “Inizia­ti­va 9 Mag­gio — Dare Radi­ci all’Europa”, Attilio Arbia — intende rap­p­re­sentare la volon­tà di migli­a­ia di cit­ta­di­ni che riven­di­cano il dirit­to di parte­ci­pazione e di coin­vol­gi­men­to nonché di essere infor­mati cor­ret­ta­mente sui temi gen­er­ali che afferiscono le politiche interne e soprat­tut­to dell’Ue i cui des­ti­ni si deci­dono nel prossi­mo mese di giug­no”. Gli obi­et­tivi del sodal­izio, dunque, saran­no “infor­mare chi­unque, in maniera sem­plice, sulle regole e tec­niche ammin­is­tra­tive che carat­ter­iz­zano l’U­nione Euro­pea, le tec­niche di voto e le deci­sioni di alcu­ni organi dove vige anco­ra il dirit­to di veto”. “Sostanzial­mente l’im­peg­no da pro­fondere — aggiunge Attilio Arbia — tende ad incidere sulle scelte politiche locali, nazion­ali ma soprat­tut­to ricer­care il nes­so tra le politiche Ue ed il com­p­lesso con­testo dei provved­i­men­ti, in armo­nia con i temi par­ti­co­lar­mente sen­ti­ti dal­la popo­lazione ital­iana e dal resto dei popoli d’Eu­ropa”. In par­ti­co­lare, la con­dizione dei gio­vani e l’esigenza di un’informazione real­mente chiara, lib­era e indipen­dente.

In questo con­testo, inoltre, diven­ta una pri­or­ità “offrire la pos­si­bil­ità a tut­ti i gio­vani — con­tin­ua anco­ra il por­tav­oce nazionale Arbia -, e non solo, di dare voce a idee, opin­ioni, attese, aspet­ta­tive e sog­ni, nel­la con­vinzione che ognuno, in un paese libero e demo­c­ra­ti­co deb­ba avere, nel rispet­to degli altri, la pos­si­bil­ità di pot­er­si esprimere, per iniziare un proces­so sano di cam­bi­a­men­to che par­ta dal­la for­mazione di una coscien­za crit­i­ca e atti­va. Occorre quin­di riem­pire il “vuo­to” nei rap­por­ti “Europa — Cit­ta­di­ni” deter­mi­nan­do con cor­ag­gio una fun­zione “car­dine” che pone l’Uo­mo al cen­tro di ogni scelta, priv­i­le­gian­do scien­za, cul­tura e conoscen­za con il comune impeg­no a tutela del­la natu­ra ed aven­do cura del­l’habi­tat e comunque per miglio­rare le con­dizioni di vita dei cit­ta­di­ni. Con alla base l’umana dig­nità, il dirit­to al lavoro, è il rispet­to di ogni essere umano”, con­clude il por­tav­oce nazionale di “Inizia­ti­va 9 Mag­gio — Dare Radi­ci all’Europa”, Attilio Arbia.

Related Images: