Sociale/ Il Tulipano Bianco, Labor Parma, Polisportiva Gioco Parma e Cooperativa Eidè insieme per gli adolescenti.

Sociale/ Il Tulipano Bianco, Labor Parma, Polisportiva Gioco Parma e Cooperativa Eidè insieme per gli adolescenti.

12/01/2024 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 519 volte!

Si rin­no­va la part­ner­ship per il sosteg­no, l’organizzazione e la real­iz­zazione del prog­et­to “Spazi Sportivi Educa­tivi — #SSE”, a Par­ma. L’attenzione ver­so le tem­atiche sociali e le gio­vani gen­er­azioni da parte di Labor Par­ma e il Tuli­pano Bian­co, tro­va con­fer­ma nelle final­ità del prog­et­to, che ha l’obiettivo di offrire espe­rien­ze sportive e ludiche, gra­tu­ite, ori­en­tate alla mul­ti­dis­ci­pli­na­r­i­età, sen­za final­ità ago­nis­tiche, in cui ragazzi e ado­les­cen­ti pos­sano sper­i­men­ta­r­si riap­pro­prian­dosi, sen­za pres­sioni legate al risul­ta­to, degli spazi, delle energie, del­la fisic­ità, del movi­men­to. Lo sport, quin­di, come stru­men­to priv­i­le­gia­to di inter­ven­to educa­ti­vo: met­tere a dis­po­sizione com­pe­ten­ze spe­cial­iz­zate in attiv­ità diver­ten­ti e con bas­so ris­chio di frus­trazione da risul­ta­to o sen­so di inadeguatez­za, con­sente di ottenere riscon­tri pos­i­tivi nei parte­ci­pan­ti, sti­mo­lare la social­ità e le dinamiche di grup­po, innestare ele­men­ti di cul­tura col­let­ti­va e sen­so civi­co nec­es­sari per for­mare adul­ti con­sapevoli e cit­ta­di­ni respon­s­abili.
Il bilan­cio del ciclo di incon­tri pas­sati è estrema­mente pos­i­ti­vo: i pic­coli grup­pi di ado­les­cen­ti coin­volti con ques­ta sper­i­men­tale modal­ità lib­era, destrut­tura­ta e flessibile, ha con­sen­ti­to l’uscita da situ­azioni di ritiro sociale, il ritorno all’attività sporti­va da parte di chi in pas­sato si era allon­tana­to e, più in gen­erale, un aumen­to dell’autostima, del­la capac­ità di relazione con gli altri, delle com­pe­ten­ze moto­rie.
La relazione stret­ta cre­a­ta con il tan­dem edu­ca­tore / tec­ni­co sporti­vo, ha rap­p­re­sen­ta­to per i parte­ci­pan­ti un modo del tut­to nuo­vo di vivere lo sport e il movi­men­to, con l’attenzione e la cura di chi non giu­di­ca ma allo stes­so tem­po si ded­i­ca a fornire tut­ti gli stru­men­ti nec­es­sari per provare e rius­cire!
Part­ner sul cam­po nell’organizzazione e con­duzione del prog­et­to è la Polisporti­va Gio­co Par­ma, realtà stor­i­ca di Par­ma, atti­va nel­lo sport par­alimpi­co, nell’animazione di comu­nità e nel pro­muo­vere il benessere del­la per­sona. È la Polisporti­va che dall’individuazione atten­ta di situ­azioni di mar­gin­al­ità e dis­a­gio, con un lavoro del­i­ca­to di relazione e alleanze, arri­va all’aggancio di ado­les­cen­ti che pos­sono trovare nel prog­et­to una reale util­ità. La Coop­er­a­ti­va Eidè mette a dis­po­sizione i pro­fes­sion­isti dell’educazione, per sostenere il lavoro del tec­ni­co sporti­vo e costru­ire attiv­ità e con­testi adeguati alle final­ità del prog­et­to: gestire i tem­pi e indi­vid­uare bisog­ni e fragilità a cui rispon­dere con attiv­ità indi­vid­u­ali e di grup­po.
Infine, un aus­pi­cio con­di­vi­so da tut­ti i sogget­ti coin­volti: che il suc­ces­so di questo mod­el­lo di attiv­ità, che non potrà essere tale se non dopo qualche anno di sper­i­men­tazione, por­ti ad una seria rif­les­sione del mon­do sporti­vo rispet­to al reclu­ta­men­to in sem­pre più gio­vane età, alla pre­coce spe­cial­iz­zazione derivante dal­la prat­i­ca di una sin­go­la dis­ci­plina, alla neces­sità di fig­ure pro­fes­sion­ali e com­pe­ten­ti al fian­co dei più gio­vani.
“La forza di questo prog­et­to — com­men­ta il pres­i­dente del Tuli­pano Bian­co Francesco Gior­dani — risiede nel­la piena con­di­vi­sione delle final­ità e delle azioni con­giunte che porter­e­mo avan­ti insieme nei prossi­mi mesi attra­ver­so lo sport, l’at­tiv­ità moto­ria e la for­mazione. Vogliamo garan­tire a tut­ti l’op­por­tu­nità di parte­ci­pare ad un prog­et­to dal così alto val­ore sociale, in par­ti­co­lar modo a tut­ti quei ragazzi che proven­gono da situ­azione eco­nomi­ca­mente e social­mente più frag­ili”.

Related Images: