La giornalista “con le ali” Marianna Bonavolontà al 51° Stormo di Istrana con l’ Associazione Arma Aeronautica

La giornalista “con le ali” Marianna Bonavolontà al 51° Stormo di Istrana con l’ Associazione Arma Aeronautica

31/05/2023 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2447 volte!

Saba­to 20 e domeni­ca 21 mag­gio si è tenu­to l’11° raduno nazionale del 58° cor­so AUC dell’ Aero­nau­ti­ca Mil­itare. La due giorni si è svol­ta fra Tre­vi­so, Istrana e Val­dob­bi­adene ed ha vis­to ritrovar­si gran parte dei parte­ci­pan­ti del cor­so.

Il 51° Stor­mo di Istrana, in via stra­or­di­nar­ia, ha accolto il grup­po che, guida­to da Emid­dio Vetra­no e altri rap­p­re­sen­tan­ti del locale nucleo dell’Associazione Arma Aero­nau­ti­ca, dopo il pran­zo in men­sa tra gli oper­a­tivi, ha fat­to visi­ta alla Mostra stori­co sta­t­i­ca dell’aeroporto, sede di diver­si aerei, tra i quali l’Efa, l’F104, l’Amx, il Mac­chi 326 e il G91.
Mad­ri­na d’eccezione del­l’even­to è sta­ta Mar­i­an­na Bonavolon­tà: gior­nal­ista, autrice ed ex Vice-Cam­pi­ones­sa Mon­di­ale di Kung Fu, socia dell’AAA per la sezione di Ascoli Piceno e mem­bro ono­rario del Club Frec­ce Tri­col­ori di Roma.

La Bonavolon­tà è sta­ta anche la mad­ri­na del­la riac­cen­sione dei motori del G91, veliv­o­lo caris­si­mo alla gior­nal­ista in quan­to pilota­to per anni con estremo suc­ces­so dal padre, il Ten. colon­nel­lo Lui­gi Bonavolon­tà sopran­nom­i­na­to “Good­will”, noto Top Gun oper­a­ti­vo a cav­al­lo fra gli anni ‘60 e gli anni ‘80.
Grande emozione quan­do, ad insa­pu­ta dei pre­sen­ti, è sta­ta sve­la­ta la vera iden­tità del­la gior­nal­ista che per i due giorni ave­va gira­to per la base sot­to false spoglie.

La pre­sen­za del­la Bonavolon­tà è sta­ta accol­ta calorosa­mente dai pre­sen­ti : “Mar­i­an­na ci ha resi orgogliosi e feli­ci accettan­do di diventare anche la mad­ri­na del nos­tro cor­so, rius­cen­do a parte­ci­pare nonos­tante tutte le dif­fi­coltà di sposta­men­to dovute alla trag­i­ca allu­vione del­la Romagna. A lei abbi­amo offer­to il nos­tro crest e i nos­tri gad­get, riceven­do da parte sua la mon­e­ta com­mem­o­ra­ti­va del cen­te­nario dell’A.M. ed un altro ogget­to più per­son­ale ricor­do di una sua recente espe­rien­za.”

Gra­zie all’Associazione Arma Aero­nau­ti­ca nucleo di Istrana e alla Sezione di Viter­bo dell’ A.A.A. di cui Mas­si­mo Paoluc­ci, uno dei co-orga­niz­za­tori, è con­sigliere e tesoriere.

Related Images: