Marino. A Bibliopop, sabato 12, Falcone e Berardini, giovani studentesse incontrano soci e cittadini. Giovani e meno giovani

Marino. A Bibliopop, sabato 12, Falcone e Berardini, giovani studentesse incontrano soci e cittadini. Giovani e meno giovani

09/11/2022 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 668 volte!

Il pub­bli­co del­la pre­mi­azione del Pre­mio Moby Dick


“Il 20 otto­bre 2022, si è svol­ta la pre­mi­azione dei con­cor­si let­ter­ari del Cen­tro Astal­li con una impor­tante affer­mazione del­la scuo­la Vival­di di San­ta Maria delle Mole. Due gio­vani stu­dentesse han­no ottenu­to il pri­mo e ter­zo pre­mio: Cate­ri­na Fal­cone e Ludovi­ca Berar­di­ni. Le stesse, sono cono­ciute ed han­no pre­so parte ad attiv­ità di Bil­iopop, e questo ci rende parte­cipi di ques­ta pic­co­la gioia”, ci dice Ser­gio San­ti­nel­li, Pres­i­dente del­la bib­liote­ca popo­lare. Del resto come ave­va modo di notare la prof.ssa Gio­van­na Ruffi­ni “i nos­tri stu­den­ti parte­ci­pano ai prog­et­ti del Cen­tro Astal­li, sui temi del dirit­to d’asilo e del dial­o­go inter­re­li­gioso. La parte­ci­pazione al con­cor­so let­ter­ario ‘Scriv­i­amo a col­ori’ dimostra pro­prio la rielab­o­razione per­son­ale degli incon­tri con i tes­ti­moni, espe­rien­za di cresci­ta, e di ric­chez­za cul­tur­ale e umana.”. Ora, saba­to 12 novem­bre, alle 18.00, pres­so Bib­liopop a S. Maria delle Mole (Mari­no), pro­prio alla ex chieset­ta è sta­to orga­niz­za­to questo “incon­tro con le autri­ci”. Ci sarà la let­tura di rac­con­ti, così come un inten­so dial­o­go tra Cate­ri­na Fal­cone, Ludovi­ca Berar­di­ni, le pro­tag­o­niste, con Gior­gia Di Mat­tia e Fed­eri­co Ces­to­la, i due gio­vani com­po­nen­ti dell’Esecutivo di Bib­liopop che sono gli art­efi­ci dell’evento. “Con­fidi­amo in una buona parte­ci­pazione — con­clude il Pres­i­dente San­ti­nel­li — per­chè tutte le azioni riv­olte, anche da parte nos­tra, per pro­muo­vere la dif­fu­sione del­la cul­tura, uti­liz­zan­do lo stru­men­to pri­mario dei lib­ri, è cer­ta­mente diret­to a tut­ti, ma, pri­or­i­tari­a­mente, alle gio­vani generazioni”.