LECCO, REA: “GRAVISSIMO DIVIETO DEL COMUNE DI DARE CIBO AD ANIMALI”

LECCO, REA: “GRAVISSIMO DIVIETO DEL COMUNE DI DARE CIBO AD ANIMALI”

12/10/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 657 volte!

“Reputi­amo gravis­si­ma e fuori luo­go l’ordinanza, emana­ta recen­te­mente dal Comune di Lec­co, che sta­bilisce il divi­eto per i cit­ta­di­ni di dare cibo agli ani­mali sel­vati­ci o randa­gi, con multe salatis­sime che pos­sono arrivare fino ai 500 euro. Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista stig­ma­tiz­za con deci­sione il com­por­ta­men­to isti­tuzionale del sin­da­co, che con­travve­nen­do alla legge che lo rende uni­co respon­s­abile del benessere degli ani­mali del suo ter­ri­to­rio, ha deciso, in maniera illog­i­ca, di las­ciar morire di fame e di sten­ti i poveri randa­gi del suo comune. Siamo di fronte ad una totale inosser­van­za del­la legge nazionale a tutela degli ani­mali, e purtrop­po in Italia questo non è il pri­mo caso in cui un pri­mo cit­tadi­no emette un’or­di­nan­za così sceller­a­ta ed insen­sa­ta, deg­na di denun­cia penale per mal­trat­ta­men­to. Una ipote­si alla quale il nos­tro par­ti­to potrebbe seri­amente pen­sare se il Munici­pio non dovesse tornare sui pro­pri pas­si. Il sin­da­co di Lec­co, dunque, deve dare risposte imme­di­ate e con­crete. Noi con­tin­uer­e­mo a mon­i­torare la situ­azione e a difend­ere i dirit­ti degli ani­mali del­la cit­tà lom­bar­da”.

Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to politi­co, Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.

Related Images: