POLITICHE, AMBROGIANI(PD): “CON CENTROSINISTRA DIVISO NON SI VINCERA’ MAI”

POLITICHE, AMBROGIANI(PD): “CON CENTROSINISTRA DIVISO NON SI VINCERA’ MAI”

29/09/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 701 volte!

“Le elezioni politiche del 25 set­tem­bre han­no purtrop­po cer­ti­fi­ca­to, va det­to con chiarez­za, la net­ta scon­fit­ta del cen­trosin­is­tra. Un risul­ta­to che fa male, sul quale mi auguro si pos­sa aprire una grande e conc­re­ta rif­les­sione. Sono dell’opinione infat­ti che se il cen­trosin­is­tra con­tin­ua a divider­si non ci sarà mai la pos­si­bil­ità di tornare a vin­cere, anche per­ché — al di là degli errori di gov­er­no commes­si in questi anni -, con questo sis­tema elet­torale, solo alle­an­dosi nei col­le­gi uni­nom­i­nali si può sper­are di com­petere. Quale numero per capire meglio: il cen­tode­stra ha pre­so gli stes­si voti del­la tor­na­ta elet­torale del 2018 ma, unen­dosi nei col­le­gi dopo aver gov­er­na­to divisi, è rius­ci­ta a vin­cere. Insom­ma, la matem­at­i­ca non è una opin­ione. A dif­feren­za del Pd, che con il suo cam­po largo, non è rius­ci­to a impor­si, anche per l’e­go­is­mo delle altre forze politiche cen­triste a trovare un’al­lean­za più ampia. Cer­to questo non può can­cel­lare gli sbagli commes­si, vis­to e con­sid­er­a­to che non siamo sta­ti capaci di comu­ni­care i nos­tri prog­et­ti e le nos­tre ricette pro­gram­matiche per rilan­cia­re il paese, anzi siamo sta­ti visti trop­po arren­de­voli ver­so gli altri, facen­do­ci per­cepire come più attac­cati al gov­er­no invece di risol­vere i prob­le­mi quo­tid­i­ani degli ital­iani. L’importante ora è impara­re dagli errori ed è gius­to guardare al pre­sente e al futuro: adesso ci attende un con­gres­so dove dob­bi­amo essere in gra­do di trovare le idee e i prin­cipi che ci unis­cono per ritornare a par­lare e ad avere un filo diret­to con il nos­tro Paese, e per fare bene nelle prossime sfide elettorali”.
Così, in una nota, il seg­re­tario cit­tadi­no del Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co di Mari­no, Ser­gio Ambrogiani.