“Sono come te”: il cinema incontra la musica a sostegno del sociale

“Sono come te”: il cinema incontra la musica a sostegno del sociale

15/09/2022 0 Di Simone Bartoli

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 137 volte!

Pre­sen­ta­to alla Casa del Cin­e­ma il video­clip sociale del can­tau­tore Daniele Savel­li ded­i­ca­to all’autismo

 

“Sono pic­co­lo e indifeso…ho un mon­do tut­to mio”.

Con queste parole inizia il video­clip sociale di Daniele Savel­li “Sono come te”, ded­i­ca­to all’autismo.

Il video­clip, pre­sen­ta­to alla Casa del Cin­e­ma mart­edì 13 set­tem­bre, in un cli­ma di grande emozione, è ded­i­ca­to alla con­sapev­olez­za sull’autismo, un tema sociale impor­tante che toc­ca da vici­no molte famiglie e qui è trat­ta­to con del­i­catez­za, in pun­ta di pie­di, qua­si come una favola. Non a caso il video è sta­to real­iz­za­to nel­la sug­ges­ti­va loca­tion di Sant’Angelo di Roc­calvec­ce di Viter­bo (Lazio), luo­go rinom­i­na­to “il paese delle fiabe” per la pre­sen­za di numerosi murales a tema e un’atmosfera magica.

Daniele Savel­li rac­con­ta in quest’opera in modo sem­plice un argo­men­to del­i­ca­to e dram­mati­co, facen­do affio­rare attra­ver­so la musi­ca e le parole tutte le dif­fi­coltà affrontate per chi ha in famiglia la stes­sa prob­lem­at­i­ca, e las­cian­do trasparire al tem­po stes­so un sen­ti­men­to di sper­an­za e pos­i­tiv­ità, esalta­to dal sor­riso finale del pro­tag­o­nista del­la storia.

Pre­sen­ti l’artista, il reg­ista Gabriel Cash, il cast com­pos­to da autorevoli artisti che han­no espres­so un loro pen­siero, con sen­si­bil­ità per il tema sociale, come Manuela Arcuri, Mas­si­m­il­iano Buz­zan­ca, il pic­co­lo Francesco Trentadue, e il gior­nal­ista Rai Ste­fano Butta­fuo­co. Quest’ultimo, nel cor­so del­la man­i­fes­tazione, ha sve­la­to una antic­i­pazione di un nuo­vo pro­gram­ma di Rai Tre, “Il cac­cia­tore di sog­ni” da lui ideato e con­dot­to, la cui pri­ma pun­ta­ta andrà in onda il 27 dicem­bre 2022,in sec­on­da ser­a­ta. Il pro­gram­ma fa segui­to all’uscita del libro “Il bam­bi­no 23” ed è la con­fer­ma dell’impegno di Butta­fuo­co ver­so tem­atiche sociali.

Era­no inoltre pre­sen­ti il truc­ca­tore Gen­naro March­ese, la respon­s­abile di pro­duzione di Romarteven­ti, Agnese Bran­ca, la pro­duzione “WellSee” nelle per­sone di Ange­lisa Cas­trono­vo ed Antoni­no Moscatt, che insieme a Francesca Pig­gianel­li, Pres­i­dente dell’Associazione cul­tur­ale Romarteven­ti, sem­pre atten­ta a temi sociali, han­no reso pos­si­bile la real­iz­zazione del progetto.

In platea anche altri numerosi ospi­ti, che han­no por­ta­to le loro tes­ti­mo­ni­anze legate al sociale: tra loro il gior­nal­ista Michel Emi Mar­i­ta­to, Pres­i­dente di Asso­tutela ed autore del libro di immi­nente usci­ta “PPP La fine del diver­so” (in occa­sione dei cen­to anni di Pier Pao­lo Pasoli­ni); il con­dut­tore di numerose inizia­tive sociali Mas­si­mo Zam­poni, Pres­i­dente di Umbria Arti Visive e Scheg­gi­no Atti­va; Lidia Vizzi­no, Con­sigliera dell’Umbria Film Com­mis­sion; la Pres­i­dente di ANGSA LAZIO ONLUS Ste­fa­nia Stelli­no, e per l’associazione ACAS di Sant’Angelo di Roc­calvec­ce (VT), il Vice Pres­i­dente Alessan­dro Chiovel­li ed il Con­sigliere Egle Rossetti.

Un ringrazi­a­men­to spe­ciale a Chiara Cori­cel­li, Ammin­is­tra­tore Del­e­ga­to di Pietro Cori­cel­li SPA per la parte­ci­pazione, alle maes­tranze ed a tut­ti col­oro che han­no col­lab­o­ra­to alla real­iz­zazione del progetto.

Musi­ca, immag­i­ni e parole: un vero e pro­prio video­clip emozionale per rac­con­tare il mon­do dell’autismo in un momen­to stori­co in cui le dis­abil­ità sono anco­ra di più strette nel­la mor­sa di regole fer­ree, dis­tanze e un dirit­to alla salute spes­so accartocciato.

Video­clip “Sono come te”