Roma, “Pasolini, un delitto oscuro di matrice politica” su Cusano Tv

Roma, “Pasolini, un delitto oscuro di matrice politica” su Cusano Tv

19/04/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 627 volte!

Pun­ta­ta avvin­cente quel­la del pro­gram­ma di ten­den­za “Cri­m­i­ni e crim­i­nolo­gia”, anda­to in onda nel­la domeni­ca di Pasqua 17 aprile. Con­dot­to da Fabio Camil­lac­ci su Cusano Tv, canale 264, il talk non man­ca mai di sol­lecitare l’interesse degli spet­ta­tori con inchi­este e anal­isi appro­fon­dite sui cosid­det­ti “cold case”, delit­ti di tan­ti anni fa su cui non è mai sta­ta fat­ta piena luce. Uno di questi, assur­to alle cronache per il peso del per­son­ag­gio coin­volto, è sta­to al cen­tro del­la pun­ta­ta pasquale del pro­gram­ma che non si è fer­ma­to neanche durante le fes­tiv­ità. L’attenzione si è con­cen­tra­ta su uno dei più inqui­etan­ti delit­ti del nos­tro pas­sato: il mas­sacro all’Idroscalo di Ostia di Pier Pao­lo Pasoli­ni il 2 novem­bre 1975, il grande intel­let­tuale di cui quest’anno si cel­e­bra­no i 100 anni dal­la nasci­ta. “Sono numero­sis­sime e impor­tan­ti le inizia­tive orga­niz­zate per com­mem­o­rare il poeta e reg­ista – dichiara Michel Mar­i­ta­to, gior­nal­ista e crim­i­nol­o­go, pro­tag­o­nista del­la pun­ta­ta in ques­tione – vor­rem­mo che lo stes­so vig­ore e uguale inten­sità fos­sero ris­er­vati alla ria­per­tu­ra del caso e alla ripresa delle indagi­ni sull’omicidio che, vogliamo rib­adire, per noi non è un delit­to lega­to a una tor­bi­da vicen­da, come ormai sem­bra acquisi­to. Al con­trario – insite Mar­i­ta­to – sono sem­pre più evi­den­ti gli aspet­ti più oscuri sul ruo­lo di Pino Pelosi, come evi­dente è l’interesse di chi avrebbe volu­to far tacere la voce sco­mo­da dell’intellettuale poeta” Non ha dub­bi sul tema il gior­nal­ista, che vede il delit­to Pasoli­ni come “un omi­cidio cir­conda­to da mille inter­rog­a­tivi, alla stregua dei mor­ti eccel­len­ti di quel tem­po. Su tut­ti una sola mano: quel­la del­la polit­i­ca. Occorre riaprire le indagi­ni con nuove anal­isi sul Dna del­la malavi­ta dell’epoca. Le idee di Pasoli­ni avreb­bero dis­trut­to il sis­tema politi­co del tem­po”, con­clude Maritato.