Cusano Tv, Maritato a tutto campo su Ucraina, bollette e strage di Erba

Cusano Tv, Maritato a tutto campo su Ucraina, bollette e strage di Erba

21/02/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 938 volte!

Cusano Tv, Mar­i­ta­to a tut­to cam­po su Ucraina, bol­lette e strage di Erba

Una spi­eta­ta anal­isi su uno degli episo­di più cru­en­ti dei nos­tri tem­pi e una fon­da­ta con­vinzione, sec­on­do Michel Mar­i­ta­to: “La strage di Erba nasconde anco­ra molti seg­reti, siamo con­cor­di con il verdet­to del­la Corte ma trop­pi episo­di oscuri deb­bono essere anco­ra sve­lati, il caso andrebbe ria­per­to, trop­pi ele­men­ti non coin­ci­den­ti, troppe incon­gruen­ze nei ver­bali degli inter­roga­tori, si vada a una revi­sione del proces­so sen­za esi­tazioni”. Pun­ta­ta pirotec­ni­ca quel­la di domeni­ca 20 feb­braio. Nel cor­so del pro­gram­ma “Cri­m­i­ni e crim­i­nolo­gia” trasmes­so da Cusano Italia Tv emit­tente del­la omon­i­ma uni­ver­sità — che va in onda la domeni­ca sera dalle 21 alle 24 ed è con­dot­to da Fabio Camil­lac­ci — è anda­ta in onda non solo l’analisi su cri­m­i­ni che han­no las­ci­a­to il seg­no, come la strage di Erba in cui fu ster­mi­na­ta una intera famiglia, per cui sta pagan­do la cop­pia Olin­do Romano e Rosa Bazzi. Il sipario dom­i­na­to dal gior­nal­ista e crim­i­nol­o­go Michel Mar­i­ta­to si è arric­chi­to di temi che ten­gono il Paese con il fia­to sospe­so: il con­flit­to, o pre­sun­to tale, tra Rus­sia, Ucraina e Usa e le bol­lette a costi insosteni­bili, argo­men­ti per cui Mar­i­ta­to ha usato ter­mi­ni per­en­tori. “Si trat­ta di una guer­ra non com­bat­tuta — sostiene Mar­i­ta­to — una nuo­va guer­ra fred­da in cui l’Ucraina è solo un pretesto per gius­ti­fi­care una crisi ener­get­i­ca che ha ragioni più pro­fonde. Non ci saran­no armi per­ché il mon­do altri­men­ti sarebbe dis­trut­to. Per con­tenere i prezzi che stan­no stran­golan­do imp­rese e cit­ta­di­ni, il Capo del gov­er­no dovrebbe abbas­sare le accise da sem­pre trop­po ele­vate. Non accampiamo gius­ti­fi­cazioni che nul­la han­no a che vedere con la realtà”, chiosa il giornalista.