Estate Romana 2017. Programma dal 15 al 21 settembre

Estate Romana 2017. Programma dal 15 al 21 settembre

15/09/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3620 volte!

Estate Romana 2017

Cul­tura, scien­za e spet­ta­co­lo con­quis­tano la cit­tà

Ecco le man­i­fes­tazioni pre­viste per musi­ca, film, per­cor­si, teatro, incro­ci artis­ti­ci ed esper­i­men­ti dal 15 al 21 set­tem­bre

www.estateromana.comune.roma.it

#estateromana2017

Anco­ra una set­ti­mana ric­ca di con­cer­ti, spet­ta­coli, even­ti cin­e­matografi­ci, passeg­giate nel­la sto­ria per ques­ta 40ima edi­zione del­l’Es­tate Romana.  Numerose le inizia­tive dis­sem­i­nate in diver­si Municipi del­la Cap­i­tale: un’opportunità per sco­prire la cit­tà, le sue bellezze e i suoi seg­reti attra­ver­so lo sguar­do di un artista, la paro­la di un attore, l’occhio atten­to di uno stu­dioso.

Una fines­tra aper­ta sul­la Lagu­na di Venezia. Fino al 20 set­tem­bre, una selezione di sale cin­e­matogra­fiche romane ospi­ta la 23 ima  edi­zione de Il Cin­e­ma attra­ver­so i gran­di fes­ti­val – da Venezia a Roma: una ric­ca vet­ri­na di film del­la 74 ima Mostra d’Arte Cin­e­matografi­ca di Venezia. Tra le proiezioni seg­na­liamo: ven­erdì 15 set­tem­bre alle 20.30, pres­so il Cin­e­ma Nuo­vo Sach­er, il film Jusqu’à la garde di Xavier Legrand pre­mi­a­to con il Leone d’argento per la Miglior Regia e come Miglior Opera Pri­ma. Lunedì 18 doppio appun­ta­men­to con gli “addet­ti ai lavori” al Cin­e­ma Far­nese: alle 19, proiezione e incon­tro con le reg­iste di Lievi­to Madre – Le ragazze del sec­o­lo scor­so di Conci­ta De Gre­go­rio ed Esmer­al­da Cal­abria; alle 20.30, appun­ta­men­to con Mario Ses­tiche pre­sen­ta il film La voce di Fan­tozzi. Mer­coledì 20 alle 19, even­to spe­ciale di chiusura al Cin­e­ma Far­nese con la proiezione gra­tui­ta (per con­ces­sione dell’ISTITUTO LUCE) de Il ten­ta­to sui­cidio nell’adolescenza di Erman­no Olmi; alle 20, La legge del numero uno di Alessan­dro D’Alatri e, a seguire, Rac­con­tare Venezia di Wilma Labate che incon­tr­erà il pub­bli­co insieme alla  sceneg­giatrice Irene Big­nar­di; alle 21.30, Casa d’altri di Gian­ni Ame­lio e, a seguire, Aqua­gran­da in crescen­do alla pre­sen­za del reg­ista Gio­van­ni Pel­le­gri­ni. Dal 21 al 24 set­tem­bre, tor­na, negli spazi del MACRO – Museo d’arte con­tem­po­ranea Roma, Live Cin­e­ma Fes­ti­val, la man­i­fes­tazione inter­nazionale incen­tra­ta sulle più inno­v­a­tive per­for­mance di spet­ta­coli audio-video dal vivo. Mer­coledì 20 alle 17, si ter­rà la con­feren­za sul­l’Audi­ence Devel­op­ment in cui orga­niz­zazioni e isti­tuzioni di Roma dialogher­an­no sul con­nu­bio tra spazi cul­tur­ali “isti­tuzion­ali” e pro­gram­mazione cul­tur­ale “non con­ven­zionale”. Ogni ser­a­ta sarà poi ani­ma­ta da live musi­cali; la pro­gram­mazione del Fes­ti­val sarà inoltre arric­chi­ta dal work­shop gra­tu­ito sul Dig­i­tal Sto­ry­telling che par­tirà il 21 set­tem­bre e dur­erà 4 giorni per 8 ore com­p­lessive (dalle 17 alle 19 in Sala Cin­e­ma).

L’Auditorium Par­co del­la Musi­ca ospi­ta, dal 19 al 22 set­tem­bre, la XX edi­zione di Una striscia di ter­ra fecon­da, fes­ti­val fran­co-ital­iano ideato e diret­to daArmand Meignan e Pao­lo Dami­ani: mart­edì 19, con­fer­i­men­to del Pre­mio SIAE ad Alessan­dro Lan­zoni e i con­cer­ti PURPLE WHALE Inspired by Jimi Hen­drix e ONJ (Orchestre Nation­al de Jazz) direc­tion OLIVIER BENOIT PARIS-ROMA; mer­coledì 20, due pro­duzioni orig­i­nali: Res­i­den­za d’Artista 2016 e TABLE con Maria Pia De Vito (voce, elet­tron­i­ca), Michele Rab­bia (per­cus­sioni, elet­tron­i­ca) e  Benoit Del­becq (pianoforte); giovedì 21, REQUIEM con Dominique Pifare­ly (vio­li­no, elet­tron­i­ca), Daniele Roc­ca­to (con­tra­b­bas­so, elet­tron­i­ca), Michele Rab­bia (per­cus­sioni, elet­tron­i­ca) e con la parte­ci­pazione diRoc­co Castel­lano e Mau­ro Tedesco al con­tra­b­bas­so; a seguire, con­cer­to di Pao­lo Fre­su e Gian­lu­ca Petrel­la. Si con­clude il 17 set­tem­bre il Fes­ti­val Bouganville Celimon­tana che, nell’ambiente uni­co di Vil­la Celimon­tana, di fronte al palaz­zo Mat­tei, per due mesi ha riscalda­to con le sue note jazz l’Estate Romana. Domeni­ca 17 alle 21.30, Scoop Jazz Band, grup­po di gior­nal­isti e musicisti uni­ti dal­la pas­sione del jazz, del­la bossa e del blues.

Tor­na per il ses­to anno con­sec­u­ti­vo Agorà – Teatro e Musi­ca alle radi­ci; saba­to 16 set­tem­bre si parte alle ore 19 con Clown­droid a cura di Movi­men­to Comi­co con la regia di Anna Rizzi men­tre, alle 20.30, va in sce­na lo spet­ta­co­lo Zit 2.0 – La vendet­ta di Chiara Casari­co e Tiziana Scroc­ca. Si chi­ude il 17 set­tem­bre il ric­co cartel­lone di spet­ta­coli di Offic­i­na Estate. Pres­so la Piazzetta Rossa di Largo Can­nel­la (Spinace­to) alle ore 21: ven­erdì 15 set­tem­bre, Tuttoteatro.com pre­sen­ta Assen­za, Pre­sen­za, Trasparen­za; saba­to 16, la Scuo­la di Musi­ca Con­so­nanze, pre­sen­ta una ser­a­ta in cui si esi­bi­ran­no in con­cer­to gio­vani band emer­gen­ti. Domeni­ca 17, a chi­ud­ere la ker­messe, The black is the new black: a ter­mine del lab­o­ra­to­rio teatrale tenu­to con i ragazzi del Cen­tro Staderi­ni, spet­ta­co­lo per­for­ma­ti­vo con ragazzi africani a cura di Gian­lu­ca Rig­gi con la col­lab­o­razione di Car­lo Gori. In chiusura, sem­pre il  17 set­tem­bre, la pro­gram­mazione del 3° Fes­ti­val Inter­nazionale del Cir­co Sociale – Dimond­in­mon: dalle 10 alle 13, Le sto­rie abi­tano nei lib­ri: sto­rie di cir­co e clown per gran­di e pic­ci­ni e Spazio Truc­cam­bim­bi; dalle 10.30 alle 12.30, lab­o­ra­to­rio Cir-clown! — Gioco­le­ria, pic­cole acrobazie teatrali, equi­lib­ris­mi e il lab­o­ra­to­rio Slap­sticks! gio­care a far­si male… per fin­ta!; alle 12, spet­ta­co­lo di artisti di stra­da dal tito­lo CLOWNIRISTAN a cura dell’Asso­ci­azione Movi­men­to Comi­co. Alle 17.30, infine, la Com­pag­nia Tau pre­sen­ta lo spet­ta­co­lo Tombe’… dans les bois ded­i­ca­to ai bam­bi­ni dai 3 anni in su. In parten­za il 18 set­tem­bre, al Teatro Mar­coni, il Prog­et­to Lun­ga Vita. Tra gli spet­ta­coli seg­na­liamo: lunedì 18 alle 19.30, La figu­ra del can­tas­to­rie nel­la sto­ria dell’Occidente: conferenza/concerto a cura di Daniele Muti­no; mart­edì 19 alle 20, Donne no di Sara Vale­rio e Anna Maria Talone (con il patrocinio del MagFest Italia, in repli­ca fino al 23); alle 21, in Are­na, Shake­spea Re di Napoli, com­pos­to e diret­to da Rug­gero Cap­puc­cio con Clau­dio Di Pal­ma e Ciro Dami­ano (in repli­camer­coledì 20 alle 21); in con­tem­po­ranea nel teatro, Francesco Mon­ta­nari in L’im­por­tan­za di leg­gere i clas­si­ci di Ita­lo Calvi­no, con l’accompagnamento dell’Orches­tra Sin­fon­i­ca dei Quartieri Spag­no­li di Napoli e a cura di Davide Sac­co.

In parten­za saba­to 16 set­tem­bre I Nasoni rac­con­tano — La sto­ria ha il naso lun­go: prog­et­to di nar­razione per­for­ma­ti­va del quartiere di Cen­to­celle, che sfrut­ta ideal­mente il pun­to di vista e la dis­po­sizione urbana dei “nasoni”.  Un ciclo di passeg­giate per­for­ma­tive tra le fontanelle delle vie e le piazze del quartiere dis­tribuite negli ulti­mi due week­end di set­tem­bre (16 e 17 set­tem­bre e 23 e 24 set­tem­bre) con orario di inizio alle 21.00 (il ritro­vo per gli spet­ta­tori è pre­vis­to per le ore 20.30 a Piaz­za San Felice).

In chiusura il 17 set­tem­bre la quin­ta edi­zione del­la rasseg­na mul­ti­dis­ci­pli­nare per la cura dell’anima, Sguar­di Oltre 2.0.: ulti­mo appun­ta­men­to alle 21 con la pre­sen­tazione dell’opera Set­te­cami­ni Tout Court — fram­men­ti del­la per­ife­ria romana di Vale­rio Saba­ti­ni e Andrea Cauduro; a seguire Danc­ing Swing Par­ty, dj set a cura di DJ Arpad. Si con­clude il 17 set­tem­bre anche la pri­ma edi­zione di Aniene Fes­ti­val, rasseg­na sulle rive del fiume Aniene ded­i­ca­ta all’espressione cre­ati­va dif­fusa: alle 19.30, a chiusura del­la ker­messe, Fab­rizio Natal­i­ni par­lerà di Ennio Fla­iano e del­la “sua” Roma e, a seguire, ci sarà la pre­mi­azione del con­cor­so let­ter­ario Ennio Fla­iano a Roma; alle 22, Jazz a par­co Nomen­tano con Miss Faro Swing Quar­tet.

Tor­na, infine, il Fes­ti­val Arte­Scien­za 2017 — Inventare il futuro, rasseg­na che pun­ta sull’invenzione come “far­ma­co intel­li­gente”: da ven­erdì 15 a domeni­ca 17 set­tem­bre alle 21, al Teatro Vas­cel­lo, va in sce­na, in pri­ma asso­lu­ta, Cor­pus 2.0 a cura del­la com­pag­nia di dan­za Excur­sus. La poe­sia e la “paro­la poet­i­ca urbana” come stru­men­ti per met­tere in pri­mo piano la per­sona. È questo il filo con­dut­tore del prog­et­to Break Point Poet­ry / Cit­tà Poet­i­ca: l’appuntamento è pre­vis­to per saba­to 16 set­tem­bre dalle 17 alle 19 pres­so il Gia­rdi­no di Largo Alessan­d­ri­na Rav­iz­za. All’interno dell’Auditorium dell’Ara Pacis, il pri­mo dei due incon­tri sci­en­tifi­ci nell’ambito delle Pub­lic Lec­tures - Advances in Math­e­mat­ics and The­o­ret­i­cal Physics. Appun­ta­men­tomer­coledì 20 set­tem­bre alle 18.30, con il fisi­co Luciano Maiani per l’incontro dal tito­lo Par­ti­celle Ele­men­tari: la ricer­ca del­la sem­plic­ità.

È online il sito www.estateromana.comune.roma.it con gli appun­ta­men­ti in pro­gram­ma e sono attivi i canali di comu­ni­cazione sui social net­work, facebook.com/EstateRomanaRomaCapitale e twitter.com/estateromana, instagram.com/estateromana, men­tre #EstateRomana2017 è l’hashtag uffi­ciale del­la rasseg­na. Il pro­gram­ma è in con­tin­uo e costante aggior­na­men­to.

Inoltre, è pos­si­bile con­tattare il numero 060608 atti­vo tut­ti i giorni dalle 9 alle 19 per infor­mazioni e acquis­to dei bigli­et­ti.

L’Estate Romana 2017 è pro­mossa da Roma Cap­i­tale ed è real­iz­za­ta in col­lab­o­razione con SIAE (Soci­età Ital­iana degli Autori e degli Edi­tori) che riconosce par­ti­co­lari agevolazioni sul dirit­to d’autore, gra­zie ad ATAC SpA e Agen­zia per la mobil­ità che for­niscono un sosteg­no alla cam­pagna di comu­ni­cazione e con il con­trib­u­to tec­ni­co di Dimen­sione Suono Roma. Le attiv­ità di comu­ni­cazione sono real­iz­zate gra­zie al sup­por­to di Zètema Prog­et­to Cul­tura.

 

 PROGRAMMA 15 — 21 SETTEMBRE

Estate Romana vuol dire scher­mi all’aperto — I FILM – even­ti live in tut­ta la cit­tà – LA MUSICA —  per­cor­si per sco­prire luoghi meno conosciu­ti del­la cit­tà — I PERCORSI — per­for­mance d’estate all’aperto e al chiu­so — IL TEATRO. Ma l’Estate Romana non è solo spet­ta­co­lo. In pro­gram­ma anche tante man­i­fes­tazioni in cui cin­e­ma, arte, musi­ca, lab­o­ra­tori, teatro e dan­za si incon­tra­no nel­lo stes­so spazio — GLI INCROCI ARTISTICI – ed even­ti in cui si intrec­ciano cul­tura sci­en­tifi­ca ed esper­i­men­ti artis­ti­ci — GLI ESPERIMENTI.

I FILM

Una fines­tra aper­ta sul­la Lagu­na di Venezia. Fino al 20 set­tem­bre, una selezione di sale cin­e­matogra­fiche romane ospi­ta la 23 ima  edi­zione de Il Cin­e­ma attra­ver­so i gran­di fes­ti­val – da Venezia a Roma: una ric­ca vet­ri­na di film del­la 74 ima Mostra d’Arte Cin­e­matografi­ca di Venezia. Da tutte le sezioni del fes­ti­val, i titoli più pres­ti­giosi ed accla­mati in antepri­ma asso­lu­ta in ver­sione orig­i­nale sot­toti­to­lati in ital­iano ed even­ti spe­ciale con la parte­ci­pazione di reg­isti e cast. Tra gli even­ti in pro­gram­ma ques­ta set­ti­mana: ven­erdì 15 set­tem­bre alle 20.30, pres­so il Cin­e­ma Far­nese, proiezione del film L’equilibrio  di Vin­cen­zo Mar­ra che pren­derà parte alla ser­a­ta; sem­pre alle 20.30, pres­so il Cin­e­ma Nuo­vo Sach­er, ver­rà proi­et­ta­to il film Jusqu’à la garde di Xavier Legrand pre­mi­a­to con il Leone d’argento per la Miglior Regia e come Miglior Opera Pri­ma; saba­to 16 alle 20, sem­pre al Cin­e­ma Far­nese, Long­ing (Ga’agua) di Savi Gabi­zon, Pre­mio del Pub­bli­co Bnl; domeni­ca 17 alle 22.30, pres­so il Cin­e­ma Giulio Cesare, proiezione di The Tes­ta­ment (Ha Edut) di Amichai Green­berg. Lunedì 18 doppio appun­ta­men­to con gli “addet­ti ai lavori” al Cin­e­ma Far­nese: alle 19, proiezione e incon­tro con le reg­iste di Lievi­to Madre – Le ragazze del sec­o­lo scor­so di Conci­ta De Gre­go­rio ed Esmer­al­da Cal­abria; alle 20.30, appun­ta­men­to con Mario Ses­ti che pre­sen­ta il film La voce di Fan­tozzi. Mart­edì 19 alle 16.30, pres­so il Cin­e­ma Eden, proiezione di Ex Lib­ris – The New York Pub­lic Library di Fred­er­ick Wise­man, vinci­tore del Pre­mio FIPRESCI;  anco­ra al Far­nese, proiezione alle 20.30, di The Mil­lion­airs di Clau­dio San­ta­maria che a fine proiezione incon­tr­erà il pub­bli­co; alle 22.30, al Giulio Cesare, Nico, 1988 di Susan­na Nic­chiarel­li, Pre­mio Miglior Film ORIZZONTI. Mer­coledì 20 alle 19, even­to spe­ciale di chiusura al Cin­e­ma Far­nese con la proiezione gra­tui­ta (per con­ces­sione dell’ISTITUTO LUCE) de Il ten­ta­to sui­cidio nell’adolescenza di Erman­no Olmi; alle 20, La legge del numero unodi Alessan­dro D’Alatri e, a seguire, Rac­con­tare Venezia di Wilma Labate che incon­tr­erà il pub­bli­co insieme alla  sceneg­giatrice Irene Big­nar­di; alle 21.30, Casa d’altri di Gian­ni Ame­lio e, a seguire, Aqua­gran­da in crescen­do alla pre­sen­za del reg­ista Gio­van­ni Pel­le­gri­ni.

Fino 21 set­tem­bre, tor­na per il sec­on­do anno, al Teatro Tor Bel­la Monaca, la rasseg­na di cin­e­ma Impres­sioni di set­tem­bre. Dall’energia di un nuo­vo inizio e la mal­in­co­nia del­la fine dell’estate che con­trad­dis­tin­guono il mese di set­tem­bre, nasce l’idea di ques­ta rasseg­na che vede tra le sue pro­poste una vas­ta sezione doc­u­men­taris­ti­ca, genere su cui si sta rifon­dan­do una porzione impor­tante del cin­e­ma ital­iano, ma che lan­cia uno sguar­do anche alle arene estive e alle pro­poste dei mesi appe­na trascor­si. In pro­gram­ma per quest’ultima set­ti­mana alle ore 21: ven­erdì 15 set­tem­bre, Good­bye Dar­ling, I’m off to fight /Ciao amore, vado a com­bat­tere), film di Simone Manet­ti che, a seguire, incon­tr­erà il pub­bli­co; saba­to 16, La cor­sa de l’ora, del reg­ista Anto­nio Bel­lia che sarà pre­sente a fine proiezione; domeni­ca 17, Inside Out, film d’animazione Pre­mio Oscar del­la Pixar diret­to da Pete Doc­ter. Lunedì 18, Tru­man – Un vero ami­co è per sem­pre di Cesc Gay; mart­edì 19, Sarà il mio tipo? con la regia di Lucas Bel­vaux; mer­coledì 20, Fishermen’s Con­ver­sa­tions di Chiara Bove Makiedo;giovedì 21, in chiusura, Las­cia stare i san­ti di Gian­fran­co Pan­none.

Dal 21 al 24 set­tem­bre, 8 nazioni coin­volte, 14 artisti, live cin­e­ma per­for­mance, screen­ings e work­shop per un fes­ti­val che riflette lo spir­i­to del­la nos­tra epoca in cui la tec­nolo­gia ha inva­so ogni aspet­to del­la nos­tra vita. Dopo SCREENINGS, pre­view del fes­ti­val che, dal 1° agos­to, era sta­ta trasmes­sa nel foy­er del museo per preparare il pub­bli­co alle per­for­mance dei giorni suc­ces­sivi (fino al 20 set­tem­bre e in repli­ca nell’Auditorium, dal 21 al 24 dalle 19 a mez­zan­otte), tor­na, negli spazi del MACRO – Museo d’arte con­tem­po­ranea Roma, Live Cin­e­ma Fes­ti­val, la man­i­fes­tazione inter­nazionale incen­tra­ta sulle più inno­v­a­tive per­for­mance di spet­ta­coli audio-video dal vivo. Mac­chine, arte e tec­nolo­gia si unis­cono nei 4 giorni del fes­ti­val per dif­fondere nuovi mes­sag­gi e nuove prospet­tive, pro­po­nen­do un nuo­vo immag­i­nario, abbat­ten­do le fron­tiere tra il mez­zo e il con­tenu­to, manipolan­do immag­i­ni e uti­liz­zan­do diverse tec­niche di approc­cio alla creazione del con­tenu­to finale, frut­to dell’improvvisazione e dell’abilità degli artisti. Mer­coledì 20 alle 17, nel­la Sala Cin­e­ma del MACRO si ter­rà la con­feren­za sul­l’Audi­ence Devel­op­ment in cui orga­niz­zazioni e isti­tuzioni di Roma, dialogher­an­no sul con­nu­bio tra spazi cul­tur­ali “isti­tuzion­ali” e pro­gram­mazione cul­tur­ale “non con­ven­zionale”. Ogni ser­a­ta sarà poi ani­ma­ta da live musi­cali: giovedì 21 con inizio alle ore 19, dj-set fusion e sper­i­men­tale di Flavia Laz­zari­ni per l’open­ing par­ty nel­la Macro Hall in col­lab­o­razione con il prog­et­to di musi­ca elet­tron­i­ca più famoso del­la Cap­i­tale,Glam­da, che pros­eguirà a fine ser­a­ta dalle 23 alle 2; dalle 21 alle 22, FUNKI PORCINI, uno dei pio­nieri dell’etichetta bri­tan­ni­ca Nin­ja Tune; dalle 22 alle 22.45, ver­rà pre­sen­ta­to per la pri­ma vol­ta in asso­lu­to in Italia il futur­is­ti­co live show dell’artista ira­ni­ano Ash Koosha. La pro­gram­mazione del Fes­ti­val sarà arric­chi­ta anche dal work­shop gra­tu­ito sul Dig­i­tal Sto­ry­telling che par­tirà il 21 set­tem­bre e dur­erà 4 giorni per 8 ore com­p­lessive (dalle 17 alle 19 in Sala Cin­e­ma).

LA MUSICA

Si con­clude il 17 set­tem­bre il Fes­ti­val Bouganville Celimon­tana che, nell’ambiente uni­co di Vil­la Celimon­tana, di fronte al palaz­zo Mat­tei, per due mesi ha riscalda­to con le sue note jazz l’Estate Romana con sei con­cer­ti ser­ali a set­ti­mana, pun­ti ris­torazione e lounge bar. Tra gli appun­ta­men­ti di ques­ta ulti­ma set­ti­mana, alle 21.30: ven­erdì 15 set­tem­bre, Red Pelli­ni & his Dix­ieland Jazz Band con Red Pelli­ni (sax tenore), Michael Sup­nick (trom­bone), Mau­ro Ver­rone (clar­inet­to), Gian­car­lo Colan­ge­lo (sax bas­so), Luca Filas­tro (pianoforte) e Car­lo Bat­tisti (bat­te­ria); saba­to 16, in onore del cen­te­nario del­la nasci­ta di Dizzy Gille­spie, il Gian­ni Oddi quar­tet avrà come ospite Cic­ci San­tuc­ci; domeni­ca 17, Scoop Jazz Band, grup­po di gior­nal­isti e musicisti uni­ti dal­la pas­sione del jazz, del­la bossa e del blues: Dino Pesole alla chi­tar­ra, edi­to­ri­al­ista del Sole24ore, Anto­nio Troise alle tastiere, edi­to­ri­al­ista di QN e nel mon­do del­la comu­ni­cazione, Romano Petruzzi al sax, con­sulente del lavoro, e Ste­fano Sofi, gior­nal­ista del Mes­sag­gero. Al grup­po orig­i­nario si unis­cono le voci diDonatel­la Cam­bu­li e Mas­si­mo Leoni, gior­nal­ista  di Skytg24. La sezione rit­mi­ca si poten­zia con l’in­gres­so di Antonel­lo Man­go al bas­so e Gui­do Cas­cone alla bat­te­ria. Infine, nel­la band, il sas­so­fon­ista Sebas­tiano For­ti e alla trom­ba Ste­fano Abi­tante. Non solo jazz, blues e bossa nel reper­to­rio del­la  band, ma anche incur­sioni nel rhythm and blues e riv­is­i­tazioni di alcu­ni gran­di suc­ces­si del­la musi­ca rock.

L’Auditorium Par­co del­la Musi­ca ospi­ta, dal 19 al 22 set­tem­bre, la XX edi­zione di Una striscia di ter­ra fecon­da, fes­ti­val fran­co-ital­iano ideato e diret­to daArmand Meignan e Pao­lo Dami­ani: un even­to fonda­to sul­l’in­con­tro e lo scam­bio ris­chioso e cre­ati­vo tra i solisti dei due Pae­si. Diver­si gli incon­tri fran­co-ital­iani e le pro­duzioni orig­i­nali pen­sate apposi­ta­mente per ques­ta ven­tes­i­ma edi­zione: mart­edì 19, con­fer­i­men­to del Pre­mio SIAE ad Alessan­dro Lan­zoni e i con­cer­ti PURPLE WHALE Inspired by Jimi Hen­drix e ONJ (Orchestre Nation­al de Jazz) direc­tion OLIVIER BENOIT PARIS-ROMA; mer­coledì 20, due pro­duzioni orig­i­nali: Res­i­den­za d’Artista 2016 e TABLE con Maria Pia De Vito (voce, elet­tron­i­ca), Michele Rab­bia (per­cus­sioni, elet­tron­i­ca) e  Benoit Del­becq (pianoforte); giovedì 21, REQUIEM con Dominique Pifare­ly (vio­li­no, elet­tron­i­ca), Daniele Roc­ca­to (con­tra­b­bas­so, elet­tron­i­ca), Michele Rab­bia (per­cus­sioni, elet­tron­i­ca) e con la parte­ci­pazione di Roc­co Castel­lano e Mau­ro Tedesco al con­tra­b­bas­so; a seguire, con­cer­to di Pao­lo Fre­su e Gian­lu­ca Petrel­la.

 Un ric­co cal­en­dario di con­cer­ti di musi­ca clas­si­ca (e non) per i Con­cer­ti del Tem­pi­et­to – Fes­ti­val Musi­cale delle Nazioni all’interno del­la rasseg­na Not­ti romane al Teatro Mar­cel­lo: fino al 26 set­tem­bre, uno spet­ta­co­lo ogni sera alle 20.30 pre­ce­du­to alle 19.45 da una breve visi­ta gui­da­ta nell’area stori­co-arche­o­log­i­ca del Teatro Mar­cel­lo, del Por­ti­co di Ottavia, del­la Tri­buna Campitel­li con vista sul Tem­pio di Apol­lo Sosiano. Una serie di ser­ate in col­lab­o­razione con l’Asso­ci­azione PIANOFRIENDS di Milano: ven­erdì 15 set­tem­bre, con­cer­to del­la pianista Francesca Di Molfet­ta che eseguirà musiche di Bach, Beethoven, Chopin, Scar­lat­ti, Liszt e Rach­mani­nov; saba­to 16, melodie di Chopin e Liszt ese­gui­te al pianoforte da Xing Chang; domeni­ca 17, Ric­car­do Zan­giro­la­mi pro­por­rà al pianoforte musiche di Brahms, Liszt, Rach­mani­nov e Liszt; lunedì 18, il pianista Gae­tano Ciraulo eseguirà brani di Bach, Beethoven, Liszt, Rav­el e Chopin; mart­edì 19, con­cer­to su melodie di Enes­cu, Liszt, Chopin, Prokofiev e Fau­ré ese­gui­te al pianoforte da Ste­fan Macov­ei. Mer­coledì 20, con­cer­to del­la pianista Gabriel­la Ciof­fi che eseguirà musiche di Beethoven, Liszt, Brahms e Prokofiev; giovedì 21, Clau­dio Bonechi si esi­birà al pianoforte su melodie di Mozart, Beethoven e Schu­mann. 

IL TEATRO

Guardare il nos­tro tem­po attra­ver­so il teatro con la rasseg­na teatrale Offic­i­na Estate. Un ric­co cartel­lone di spet­ta­coli, che vedrà la sua con­clu­sione il 17 set­tem­bre, seg­na­to da un sguar­do pris­mati­co: dal­la poe­sia al fem­mini­cidio, dalle tem­atiche ambi­en­tali ai fenomeni migra­tori. Pres­so la Piazzetta Rossa di Largo Can­nel­la (Spinace­to) alle ore 21: ven­erdì 15 set­tem­bre, Tuttoteatro.com pre­sen­ta Assen­za, Pre­sen­za, Trasparen­za: con elab­o­razioni da più di 30 con­tribu­ti sonori di artisti che han­no parte­ci­pa­to ai dieci anni del Pre­mio Tuttoteatro.com Dante Cap­pel­let­ti, sono state elab­o­rate due diverse opere musi­cali da Anto­nia Gozzi e Mar­tux_M-Mau­r­izio Mar­tu­sciel­lo. Fir­ma lo spazio sceni­co, offren­do al pub­bli­co una rara occa­sione di parte­ci­pazione e respon­s­abil­ità, il mae­stro Mar­cel­lo Sam­bati; saba­to 16, la Scuo­la di Musi­ca Con­so­nanze, pre­sen­ta una ser­a­ta in cui si esi­bi­ran­no in con­cer­to gio­vani band emer­gen­ti.Domeni­ca 17, a chi­ud­ere la ker­messe, The black is the new black: a con­clu­sione del lab­o­ra­to­rio teatrale tenu­to con i ragazzi del Cen­tro Staderi­ni, spet­ta­co­lo per­for­ma­ti­vo con ragazzi africani a cura di Gian­lu­ca Rig­gi con la col­lab­o­razione di Car­lo Gori. È un visione sur­reale dell’ipocrisia che per­vade la soci­età euro­pea nel rap­por­to con le migrazioni, ove assis­ti­amo quo­tid­i­ana­mente alla spo­li­azione del­la loro uman­ità per divenire “pac­chi”, “sac­chi del­la spaz­zatu­ra” da spedire e spostare ver­so nuove des­ti­nazioni.

In chiusura la pro­gram­mazione del 3° Fes­ti­val Inter­nazionale del Cir­co Sociale — Dimond­in­mon. Fino al 17 set­tem­bre, even­ti di stra­da, spet­ta­coli di circo/teatro, lab­o­ra­tori e tan­to altro per i più pic­coli, com­p­rese due set­ti­mane di cam­pus esti­vo per i bam­bi­ni dai 4 ai 12 anni. Un ciclo di even­ti ded­i­cati alle famiglie pres­so il Cen­trale Pren­este Teatro, nel cuore di una delle per­iferie più mul­tiet­niche del­la Cap­i­tale: l’esperienza del Cir­co Sociale si riv­olge soprat­tut­to a bam­bi­ni e ragazzi al fine di pro­muo­vere la conoscen­za rec­i­p­ro­ca e la coe­sione sociale. Fino a ven­erdì 15 set­tem­bre, tut­ti i giorni dal lunedì al ven­erdì dalle 8.00 alle 16.30, il Cam­pus di Cir­co sociale; sem­pre ven­erdì, alle 17.30, la Com­pag­nia We, Oui! Pre­sen­ta lo spet­ta­co­lo Puc­cet­to! (RossO)ded­i­ca­to ai bam­bi­ni dai 4 anni in su; saba­to 16 alle 17.30, Rosa a cura del Teatro C’Art Com­ic Edu­ca­tion riv­olto ai bam­bi­ni dai 5 anni in su; domeni­ca 17 dalle 10 alle 13, Le sto­rie abi­tano nei lib­ri: sto­rie di cir­co e clown per gran­di e pic­ci­ni e Spazio Truc­cam­bim­bi; dalle 10.30 alle 12.30, lab­o­ra­to­rio Cir-clown! —  Gioco­le­ria, pic­cole acrobazie teatrali, equi­lib­ris­mi  e il lab­o­ra­to­rio Slap­sticks! gio­care a far­si male… per fin­ta!; alle 12, spet­ta­co­lo di artisti di stra­da dal tito­lo CLOWNIRISTAN a cura dell’Asso­ci­azione Movi­men­to Comi­co. Alle 17.30, infine, la Com­pag­nia Tau pre­sen­ta lo spet­ta­co­lo Tombe’… dans les bois ded­i­ca­to ai bam­bi­ni dai 3 anni in su.     

Fino al 23 set­tem­bre, tor­na sul pal­co di Vil­la Mer­cede il Roma Fringe Fes­ti­val: 50 com­pag­nie dall’Italia e dal mon­do, per oltre 150 appun­ta­men­ti tra prime ital­iane e inter­nazion­ali. Gli spet­ta­coli in pro­gram­ma ques­ta set­ti­mana sono: ven­erdì 15 set­tem­bre alle 19.30, H (pal­co A) di Vania Castel­franchi, Mat­teo Paino e Clau­dia Mar­si­co e SISTER(s) – mirag­gio su stra­da qualunque (pal­co C) di Andrea Del­lai con la regia di Tom­ma­so Franchin; alle 21, S Y R I U S(pal­co A) di Romana Tes­tasec­ca / Karen Killeen con la regia di Karen Killeen, Opera Pan­i­ca (pal­co B) di Ale­jan­dro Jodor­owsky, diret­to da Pietro Dat­to­la, e Goose (pal­co C) de La Cav­al­cade En Scene con la regia di Ladis­la­ja Pietrangeli; alle 22.30, A Sci­uqué (pal­co A), scrit­to e diret­to da Ivano Pic­cial­lo, e The Con­duc­tor (pal­co C) di Mark Walling­ton e Jared McNeill che ne fir­ma anche la regia. Saba­to 16, ad aprire la ser­a­ta, a par­tire dalle 19.30, i tre spet­ta­coli più votati del­la set­ti­mana e, alle 22.30, il reg­ista di Lo chia­ma­vano Jeeg Robot, Gabriele Mainet­ti, pre­sen­terà i suoi cor­tome­trag­gi più pre­miati con ospi­ti a sor­pre­sa (Pal­co A), e, sem­pre alle 22.30, sul Pal­co B i live di Spaghet­ti Unplugged in una spe­ciale “trasfer­ta Fringe”. Domeni­ca 17 alle 19.30, Io amo il mio lavoro (pal­co A), di Mar­i­an­na Gio­con­da Rotel­la con la regia di Tom­ma­so Mas­si­mo Rotel­la, Anche voi siete qui per… (pal­co B) di Ange­lo Caller­ame con la regia di Rober­to Cal­abrese, e Il Gigante Ego­ista (pal­co C) dei Cat­tivi Maestri con la regia di Anto­nio Tan­cre­di; alle 21, shhh non lo dire a nes­suno (pal­co A), di Ludovi­ca Bei, Alfredi­no (pal­co B), di Fabio Ban­fo e Ser­e­na Piaz­za, e Ci chia­marono tut­ti Alda (pal­co C) di Fabio Appeti­to con la regia di Mar­co Guadag­no; alle 22.30, Voglio vedere una bale­na (pal­co C) scrit­to e diret­to da Gio­van­ni Avo­lio. Lunedì 18 alle 19.30, shhh non lo dire a nes­suno (pal­co B) e Voglio vedere una bale­na (pal­co C); alle 21, Anche voi siete qui per… (pal­co A), Ci chia­marono tut­ti Alda (pal­co B) e Alfredi­no (pal­co C); alle 22.30, Il Gigante Ego­ista (pal­co A) e Io amo il mio lavoro (pal­co C). Mart­edì 19 alle 19.30, Io amo il mio lavoro (pal­co A), Anche voi siete qui per… (pal­co B) e Il Gigante Ego­ista (pal­co C); alle 21, shhh non lo dire a nes­suno (pal­co A), Alfredi­no (pal­co B) e Ci chia­marono tut­ti Alda (pal­co C); alle 22.30, Voglio vedere una bale­na (pal­co C). mer­coledì 20, ser­a­ta ded­i­ca­ta ai semi­fi­nal­isti; giovedì 21 alle 19.30, ser­a­ta in cui andran­no in sce­na gli spet­ta­coli final­isti del Roma Fringe Fes­ti­val.

In parten­za il 18 set­tem­bre il Prog­et­to Lun­ga Vita: man­i­fes­tazione che fino al 24 set­tem­bre vedrà susseguir­si ogni giorno per oltre quat­tordi­ci ore con­sec­u­tive, pres­so il Teatro Mar­coni di Roma, spet­ta­coli teatrali, proiezioni, ret­ro­spet­tive, bal­let­ti, espo­sizioni artis­tiche, per­for­mance, meet­ing, res­i­den­ze e work­shop. Lunedì 18 set­tem­bre alle 19.30, La figu­ra del can­tas­to­rie nel­la sto­ria dell’Occidente: conferenza/concerto a cura di Daniele Muti­no; alle 21, in Are­na, con­cer­to dell’Alfio Anti­co Trio; in con­tem­po­ranea, all’interno del teatro, Ver­sus Dante | ver­sione 2.0, disce­sa nel­la Com­me­dia dan­tesca con i pre­miati nel Fes­ti­val Dan­tesco diret­ti da Pao­lo Pasqui­ni e Agnese Ciaf­fei. Mart­edì 19 alle 19, in Are­na, Shake­speare. La lin­gua dei sog­ni: incon­tro con Nadia Bal­di e Clau­dio Di Pal­ma; alle 20, Donne no di Sara Vale­rio e Anna Maria Talone (con il patrocinio del MagFest Italia, in repli­ca fino al 23); alle 21, in Are­na, Shake­spea Re di Napoli, com­pos­to e diret­to da Rug­gero Cap­puc­cio (in repli­ca mer­coledì 20 alle 21); in con­tem­po­ranea nel teatro, Francesco Mon­ta­nari inL’im­por­tan­za di leg­gere i clas­si­ci di Ita­lo Calvi­no con l’accompagnamento dell’Orches­tra Sin­fon­i­ca dei Quartieri Spag­no­li di Napoli e a cura di Davide Sac­co. Mer­coledì 20 alle 17.30, Il Cig­no di Avon, dibat­ti­to con il Prof. Rai­mon­do Guar­i­no e il M° Tato Rus­so nell’ambito del prog­et­to Shake­speare Lab; alle 19, Titu Andron­icu. Sa Mudadu­ra, ideato e diret­to da Daniele Monachel­la; alle 21, in teatro, Buon­giorno a te Mac­beth, scrit­to e diret­to da Davide Sac­co; alle 22.30, Che si dice sul­l’amore?, concerto/spettacolo con Giuseppe Mof­fa, Anto­nio Pas­cale, Prim­i­ano Di Biase e Simone Talone. Giovedì 21 alle 17.30, Open­class Work­shop Mimo, Maschera e Movi­men­to diret­to da Michele Mon­et­ta e Lina Sal­va­tore; a seguire, pre­sen­tazione del libro Mimo e Maschera (Dino Audi­no Edi­tore) a cui pren­der­an­no parte gli autori Mon­et­ta e Roc­ca; alle 21, spet­ta­co­lo Il bacia­mano di Man­lio San­tanel­li, diret­to da Gio­van­ni Espos­i­to; alla stes­sa ora, Scil­la taglia i capel­li a Niso, di e con Eva Grieco con musiche dal vivo di Loren­zo Lemme e Alessan­dro Cic­carel­li; a seguire, Ad sidera — ver­so le stelle: per­for­mance di e con Ashai Lom­bar­do Arop.

Dal 20 fino al 30 set­tem­bre si riaprono le porte del Teatro di Doc­u­men­ti per Atto-Ri-Trat­to, rasseg­na di teatro e arti visive nel cuore del quartiere Tes­tac­cio. Il prog­et­to vuol essere un omag­gio al genio di Luciano Dami­ani, lo “scenografo riv­o­luzionario”, a dieci anni dal­la sua scom­parsa. Tut­ti i giorni dalle 17.30 alle 21.30, sarà pos­si­bile vis­itare la mostra Atto-Ri-Trat­to, con i bozzetti di scene e cos­tu­mi che illus­tra­no l’in­tero proces­so artis­ti­co di Dami­ani dagli esor­di come scenografo cos­tu­mista fino alla creazione del Teatro di Doc­u­men­ti; alle 20 il pub­bli­co potrà pren­dere parte a una Visi­ta-Spet­ta­co­lo Teatral­Mu­si­caleaccom­pa­g­nati da attori, can­tan­ti e musicisti che daran­no voce e vita ai volti dis­eg­nati. Dalle 18.30 alle 19.30, ver­ran­no offer­ti Mini­Lab teatrali aper­ti non solo ai pro­fes­sion­isti ma a tut­ti col­oro vogliano met­ter­si alla pro­va con la recitazione. Dalle 17.30 alle 21.30, Ritrat­ti e Fotori­trat­ti su pra­to fior­i­to: ad accogliere il pub­bli­co, all’ester­no del teatro, i vis­i­ta­tori tro­ver­an­no due artisti dai quali sarà pos­si­bile far­si immor­ta­lare in un ritrat­to anche in cos­tume. Giovedì 21, dalle 17.30 alle 18.30, il pri­mo dei quat­tro Lab­o­ra­tori teatrali per bam­bi­ni che pren­dono spun­to da una favola in musi­ca, L’amore delle tre melarance, a par­tire dai bozzetti di Dami­ani prog­et­tati per quest’­opera.

Fino al 30 set­tem­bre, pres­so l’Anfiteatro Colosseo di Pietrala­ta di Via Lui­gi Bombic­ci, tor­na per il ses­to anno con­sec­u­ti­vo Agorà – Teatro e Musi­ca alle radi­ci. La rasseg­na si pone l’obiettivo di pro­muo­vere il teatro come stru­men­to di conoscen­za, impeg­no sociale e inte­grazione. Un insieme di spet­ta­coli, even­ti e pro­poste artis­tiche all’in­seg­na del­l’e­s­plo­razione e del­la ricer­ca che si inserisce nel ter­ri­to­rio e lo rende parte inte­grante del­lo spet­ta­co­lo stes­so.Saba­to 16 set­tem­bre si parte alle ore 19 con Clown­droid a cura di Movi­men­to Comi­co con la regia di Anna Rizzi: even­to comi­co ed eccen­tri­co con per­son­ag­gi vivace­mente grotteschi ispi­rati ai clown di Felli­ni che trasformer­an­no gli spazi in quadri viven­ti incon­sueti e sur­re­ali; alle 20, ROMA POPOLARE itin­er­ari di altro tur­is­mo, a cura di Tiziana Scroc­ca con la col­lab­o­razione di Maria Chiara Rus­so, Jes­si­ca Bertag­ni, Con­sue­lo Casu Di Gae­tano e Dani­lo Tur­na­turi: spazio alle sto­rie nar­rate e tes­ti­mo­ni­anze di vita, passeg­gian­do tra i cor­tili dove si rac­con­ta agli spet­ta­tori, tra pas­sato e pre­sente, tra memo­ria let­ter­aria e spac­cati di vita, una Roma inedi­ta, quel­la popo­lare; alle 20.30, va in sce­na lo spet­ta­co­lo Zit 2.0 – La vendet­ta di Chiara Casari­co e Tiziana Scroc­ca. Domeni­ca 17 dalle 18 alle 20 il pub­bli­co potrà pren­dere parte a lab­o­ra­tori cre­ativi: Can­ti di lot­ta e di pas­sione a cura di Chiara Casari­co (Coro Pet­tirossi da Com­bat­ti­men­to, San Loren­zo, alle 18), Danze popo­lari inter­nazion­ali

a cura di Lucrezia Lo Bian­co (Folk Ate­lier di Reg­gio Emil­ia, alle 19) e Per­for­mance Teatro “Don Chis­ciotte” a cura di Tiziana Scroc­ca (Lab­o­ra­to­rio teatrale Arteatran­do dell’Associazione dei gen­i­tori, Scuo­la San Cle­to, alle 20); alle 21, il rap­por­to tra gli indi­vidui e la cit­tà — spazio fisi­co urbano degli incon­tri urbani — viene affronta­to con lo spet­ta­co­lo Cit­tà invis­i­bili, ispi­ra­to al cap­ola­voro di Ita­lo Calvi­no e ripreso Argillateatri — The way to the Indies.

I PERCORSI

Parte saba­to 16 set­tem­bre I Nasoni rac­con­tano — La sto­ria ha il naso lun­go: prog­et­to di nar­razione per­for­ma­ti­va del quartiere di Cen­to­celle, che sfrut­ta ideal­mente il pun­to di vista e la dis­po­sizione urbana dei “nasoni”, note fontane di acqua pota­bile gra­tui­ta carat­ter­is­tiche del­la cit­tà e dif­fuse in tut­to il ter­ri­to­rio urbano.  Un ciclo di passeg­giate per­for­ma­tive tra le fontanelle delle vie e le piazze del quartiere dis­tribuite negli ulti­mi due week­end di set­tem­bre (16 e 17 set­tem­bre e 23 e 24 set­tem­bre) con orario di inizio alle 21.00 (il ritro­vo per gli spet­ta­tori è pre­vis­to per le ore 20.30 a Piaz­za San Felice). Gli spet­ta­tori, gui­dati di vol­ta in vol­ta da attori, com­in­cer­an­no a sco­prire i Nasoni del per­cor­so e, a ogni fer­ma­ta del viag­gio, potran­no fare un incon­tro con la sto­ria. Aned­doti, sto­rie, poe­sie, musi­ca per rac­con­tare un quartiere che ha fat­to la sto­ria di Roma.

Fino al 24 set­tem­bre, l’Atelier Mon­tez aderisce all’Estate Romana con Pietralarte, trasfor­man­do Via di Pietrala­ta in una vera e pro­pria opera d’arte dif­fusa. Vari i per-cor­si pre­visti dal­la man­i­fes­tazione: iI per-cor­so GIALLO – Art-street Pietrala­ta, ded­i­ca­to alle arti visive (in chiusura domeni­ca 17 set­tem­bre); il per-cor­so ROSSO, ded­i­ca­to al Rit­u­al artis­ti­co e all’arte-narrazione che prevede, saba­to 16 set­tem­bre alle 22,  lo spet­ta­co­lo dal tito­lo Abbrac­cia­mi nei sog­ni conHele­na Vele­na, Vitaldix T Rose, Anto­nio Sac­coc­cio, Giuseppe Savi­no e Michele Toz­zuoli (l’azione seguirà il suo itin­er­ario par­tendo dal­l’Ate­lier Mon­tez per arrivare al par­co del­l’Aqua Vir­go con ingres­so da via dei Mon­ti di Pietrala­ta); il per-cor­so BLU – Sulle orme di Pasoli­ni cura­to dal­l’artista e attore Alessio De Caprio, ded­i­ca­to a Pier Pao­lo Pasoli­ni, appun­to, intel­let­tuale ital­iano che ha vis­su­to parte del­la sua vita nel quartiere Pietrala­ta. Appun­ta­men­to davan­ti l’Ate­lier Mon­tez alle ore 18 tut­ti i giovedì fino al 21 set­tem­bre con De Caprio che reciterà per i passeg­geri del 211, rie­vo­can­do luoghi e per­son­ag­gi descrit­ti nei testi e nelle let­tere pri­vate di Pasoli­ni. Il per-cor­so ARANCIONE – Pietralarte il Film rap­p­re­sen­ta il docu-film su Pietralarte: una troupe cin­e­matografi­ca per­cor­rerà gli altri per­cor­si di Pietralarte doc­u­men­tan­do le azioni degli artisti ed il coin­vol­gi­men­to dei vis­i­ta­tori; con la regia di Giò Mon­tez, terza ses­sione di riprese dall’1 al 17 set­tem­bre. Il per-cor­so VIOLA – Giochi­amo con l’Arte, infine, è ded­i­ca­to a  famiglie e bam­bi­ni che saran­no introdot­ti al mon­do del­l’arte tramite l’ap­proc­cio del­l’arteter­apia: appun­ta­men­to tut­ti i mart­edì fino al 21 set­tem­bre alle 17.30.

Set­tem­bre è (E)state al Forte. Tut­ti i ven­erdì, fino al 29 set­tem­bre, un ciclo di vis­ite gui­date, con incon­tro alle ore 17.30, all’interno del Forte Bravet­ta, uno dei for­ti del Cam­po Trin­cer­a­to di Roma real­iz­za­to a fine ‘800, sit­u­a­to all’interno dell’omonimo par­co e, più in gen­erale, nel più ampio con­testo nat­u­ral­is­ti­co del­la Ris­er­va Nat­u­rale delle Valle dei Casali, a cav­al­lo tra XI e XII Munici­pio. Uti­liz­za­to come depos­i­to mil­itare all’inizio del ‘900, il forte rap­p­re­sen­ta un luo­go di memo­ria per le dram­matiche vicende legate alla resisten­za romana che qui si sono svolte. L’iniziativa si inserisce nelle attiv­ità che da tem­po l’Asso­ci­azione Prog­et­to For­ti por­ta avan­ti nel ten­ta­ti­vo di portare alla luce l’importante pat­ri­mo­nio architet­ton­i­co for­ti­fi­ca­to del­la cit­tà e pro­muoverne la val­oriz­zazione gra­zie a una diver­si­fi­cazione dell’offerta cul­tur­ale che ne prevede un grad­uale rein­ser­i­men­to all’interno del con­testo urbano e dei servizi offer­ti alla cit­tad­i­nan­za.

Anco­ra Radio San Loren­zo: prog­et­to ded­i­ca­to alla trasfor­mazione urbana e cul­tur­ale del quartiere, attra­ver­so il rac­con­to del pre­sente e del pas­sato, immag­i­nan­do gli svilup­pi futuri e ospi­ta­to, fino al 30 set­tem­bre, all’Ex Dogana e nelle piazze e luoghi sim­bo­lo di San Loren­zo. Su www.radiosanlorenzo.itcon­tin­u­ano le dirette stream­ing degli even­ti musi­cali all’Ex Dogana; dal­lo Sca­lo Est, ven­erdì 15 set­tem­bre da mez­zan­otte alle 6 del mat­ti­no, ci si potrà sin­toniz­zare per Jonas Kopp; saba­to 16, invece, sarà la vol­ta di Adam X.

INCROCI ARTISTICI

In chiusura la quin­ta edi­zione del­la rasseg­na mul­ti­dis­ci­pli­nare per la cura dell’anima, Sguar­di Oltre 2.0. Il quartiere nel­la per­ife­ria romana di Set­te­cami­ni ospi­ta, fino al 17 set­tem­bre, sette gior­nate in cui, dal mat­ti­no alla sera, una ric­ca pro­gram­mazione di even­ti nei quali il pub­bli­co è parte fon­dante dell’atto per­for­ma­ti­vo. Tra gli even­ti in pro­gram­ma: ven­erdì 15 set­tem­bre alle 17.30, pres­so il Par­co Insieme, con­ver­sazioni in instant stream­ing Sguar­di Oltre da Set­te­cami­ni, Roma, a cura del blog­ger Simone Paci­ni. Alle 21, Come si rac­con­ta un quartiere: Le strade che cir­con­dano la cit­tà di Dite, ovvero le bor­gate di Pasoli­ni, spet­ta­co­lo di prosa e musi­ca di Mau­tu­ta Teatro con inter­ven­ti musi­cali di Rober­to Cae­tani. Saba­to 16 alle 17, read­ing poet­i­co dal tito­lo L’anima del Luo­go con gli attori Glo­ria Sapio e Mau­r­izio Repet­to; alle 18.30, Set­te­cami­ni in musi­ca: con­cer­to dei pro­fes­sion­isti del­la scuo­la Anton Rubin­stein con il chi­tar­rista jazz Mar­co Paoluc­ci; alle 21.30, in pri­ma romana, I luoghi e la vita: Emi­granti Esprèss, dal­la trasmis­sione omon­i­ma per Radio 2, spet­ta­co­lo di e con Mario Per­rot­ta. Domeni­ca 17 alle 12, Rac­con­tare con le mani: Le avven­ture di Pic­co­lo Gial­lo e Pic­co­lo Blu, spet­ta­co­lo di Teatro di Figu­ra del­laCom­pag­nia Karibù; alle 17, Set­te­cami­ni in musi­ca con il con­cer­to de I Pic­coli Musicisti del­la Rubin­stein; alle 19, Rac­con­tare dan­zan­do: Cam­mi­na­men­ti conAndrea Gal­lo Rosso e Ramona di Ser­afi­no: spet­ta­co­lo di dan­za site spe­cif­ic con la parte­ci­pazione degli allievi del lab­o­ra­to­rio Post­Pro­duzione #LAB; alle 21, pre­sen­tazione dell’opera Set­te­cami­ni Tout Court — fram­men­ti del­la per­ife­ria romana di Vale­rio Saba­ti­ni e Andrea Cauduro; a seguire Danc­ing Swing Par­ty, dj set a cura di DJ Arpad.

Si con­clude il 17 set­tem­bre anche la pri­ma edi­zione di Aniene Fes­ti­val, rasseg­na sulle rive del fiume Aniene ded­i­ca­ta all’espressione cre­ati­va dif­fusa: 19 giorni di even­ti adat­ti al pub­bli­co di tutte le età, aper­to tut­ti i giorni, dalle 18 fino alla mez­zan­otte, carat­ter­iz­za­to da cinque aree tem­atiche che ne han­no defini­to la pro­pos­ta artis­ti­ca: Com­e­dy Night, Con­cer­ti in pista, Pic­co­lo Cin­e­ma, Let­teral­Mente e Balera Swing. Tra gli even­ti in pro­gram­ma ques­ta set­ti­mana: ven­erdì 15 alle 22, con­cer­to dei Vee­ble­fet­zer; saba­to 16 alle 21 proiezione di Orec­chie, scrit­to e diret­to da Alessan­dro Arona­dio che sarà pre­sente durante la ser­a­ta con alcu­ni dei pro­tag­o­nisti del film; domeni­ca 17 alle 19.30, a chiusura del­la ker­messe, Fab­rizio Natal­i­ni par­lerà di Ennio Fla­iano e del­la “sua” Roma e, a seguire, ci sarà la pre­mi­azione del con­cor­so let­ter­ario Ennio Fla­iano a Roma; alle 22, Jazz a par­co Nomen­tano con Miss Faro Swing Quar­tet.

Il 21 e 22 set­tem­bre in sce­na la ses­ta edi­zione di Corviale Urban LAB pres­so la Gal­le­ria Il Mitreo ai pie­di del “Ser­pen­tone” di Corviale: uno spet­ta­co­lo mul­ti­p­lo con decine di spet­ta­coli e per­for­mance, mostre videomap­ping e street art. Giovedì 21 dalle 21, si susseguiran­no vari spet­ta­coli e per­fo­mance: ad aprire, il Sog­no del­la Crisalide, prog­et­to musi­cale noto per aver inciso un bra­no ded­i­ca­to a Ste­fano Cuc­chi; seguono Leo Fol­go­ri, in cop­pia con il read­ing del­lo scrit­tore Luca Manoni, i read­ing teatrali dei fenomeni poet­i­ci del momen­to Gio Evan e Ivan Talari­co e gli istri­on­i­ci e irriv­er­en­ti Slavi Bravis­sime Per­sone, con un live spe­ciale in atte­sa dell’uscita ad otto­bre del loro album per Beta Pro­duzioni. A con­clu­sione, Jam ses­sion finale.

Dopo 10 anni, fino al 24 set­tem­bre, tor­na Tor Tre Teste Pop-olare, una delle arene più amate dagli abi­tan­ti di Roma Est (e non solo). Una rasseg­na che tiene alti i ves­sil­li del­la tradizione e che prende for­ma dalle musiche e dal teatro popo­lare. Impor­tan­ti artisti si altern­er­an­no sul pal­co dell’Arena Palatuc­ci; di segui­to una selezione degli even­ti in pro­gram­ma alle ore 21: ven­erdì 15 set­tem­bre, La foto del Cara­biniere (la sto­ria di Sal­vo D’Acquisto e di mio padre di e con Clau­dio Boc­cac­ci­ni; saba­to 16, Milani&DeSantis Show di e con Francesca Milani & Dani­lo De San­tis; domeni­ca 17, S’amavaNo scrit­to, diret­to e inter­pre­ta­to da Enri­co Maria Fal­coni. Lunedì 18, Killers con Dario Bian­cone e Fab­rizio Catar­ci; mart­edì 19, Marocchi­nate con Ariele Vin­cen­ti, di Simone Cristic­chi e Ariele Vin­cen­ti con la regia di Nico­la Pis­toia; mer­coledì 20, La mia don­na è dif­fer­ente di e con Nino Taran­to; giovedì 21, 80 Voglia di Cabaret con Fab­rizio Gae­tani.

Dal 15 al 24 set­tem­bre, riparte l’Aper­ossa Romana, Fes­ti­val itin­er­ante di cin­e­ma, musi­ca e memo­ria con­di­visa. Sei even­ti gra­tu­iti all’insegna del­la memo­ria e del­la con­tem­po­raneità che ani­mer­an­no le strade dei quartieri Ostiense, San Pao­lo e Tes­tac­cio con un inter­es­sante pro­gram­ma di con­cer­ti jazz, vis­ite gui­date e proiezioni cin­e­matogra­fiche all’aperto. Sei even­ti in tre luoghi sim­bo­lo di altret­tan­ti quartieri stori­ci: Cen­trale Mon­temar­ti­ni (Ostiense – 15 e 16 set­tem­bre), Par­co Schus­ter (San Pao­lo – 21 e 22 set­tem­bre), MACRO (Tes­tac­cio – 23 e 24 set­tem­bre). Ogni vol­ta ver­rà pro­pos­to uno spet­ta­co­lo musi­cale, un doc­u­men­tario ded­i­ca­to alla pri­ma edi­zione dell’Estate Romana (1977), un walk­a­bout per le vie del quartiere (a cura di Urban Expe­ri­ence) alla scop­er­ta del­la sua sto­ria e un film ital­iano d’autore, scel­to tra quel­li che han­no parte­ci­pa­to a fes­ti­val e mostre, nazion­ali o inter­nazion­ali. Inoltre, in ogni quartiere ver­rà proi­et­ta­to un doc­u­men­tario orig­i­nale che ne cel­e­bra la memo­ria, real­iz­za­to per l’occasione dall’AAMOD – Archiv­io Audio­vi­si­vo del Movi­men­to Operaio e Demo­c­ra­ti­co con mate­ri­ale d’archivio. Ven­erdì 15 set­tem­bre, a Cen­trale Mon­temar­ti­ni, alle 18, per Walk­a­bout: con­ver­sazioni noma­di ed esplo­razioni parte­ci­pate a cura di Urban Expe­ri­ence, Il cratere dei Mer­cati Gen­er­ali; alle 20, Emil­iano Torquati e Greg Hutchin­son live e, a seguire, la musi­ca incon­tra le immag­i­ni con  Roma ’77 di Emanuele Redon­di (in repli­ca, saba­to 16 e giovedì 21); alle 21, proiezione del doc­u­men­tario Kowal­sky di Pao­lo Di Nico­la e, a seguire, Sole cuore amore di Daniele Vic­ari. Saba­to 16 alle 18, per Walk­a­bout, Vuoti di sen­so e sen­so dei nuovi: nel­la nomans­land del­la riva ostiense; alle 20, con­cer­to per organet­to di Alessan­dro D’Alessandro; alle 21, repli­ca di Kowal­sky di Pao­lo Di Nico­la e, a seguire, Roma Ter­mi­ni di Bar­tolomeo Pam­paloni. Giovedì 21, pre­so il Par­co Schus­ter, alle 18, per Walk­a­bout, Ver­so la gar­ba­ta Gar­batel­la; alle 20, Emil­iano Torquati live; alle 21, San Pao­lo di Pino Bertuc­cie, a seguire, L’Im­per­a­tore di Roma di Nico D’A­lessan­dria.

Fino al 24 set­tem­bre, teatro, cin­e­ma, lib­ri, musi­ca, gior­nal­is­mo d’inchiesta e fumet­ti ani­mano il Gia­rdi­no del­la Mag­no­lia del­la Casa Inter­nazionale delle Donne, trasfor­man­do­lo in una piaz­za aper­ta a tutte e a tut­ti, con la man­i­fes­tazione La Casa (S)piazza. Ven­erdì 15 set­tem­bre alle 21, DILEMMI – soluzioni impos­si­bili per ani­me sen­si­bili, un prog­et­to delle NoChoise con Fed­er­i­ca Tuzi (voce nar­rante) e Mer­el Van Dijk (voce e chi­tar­ra, pianola, pc); saba­to 16 dalle 16 alle 19, work­shop gra­tu­ito dal tito­lo Essere Ella: la sto­ria e le carat­ter­is­tiche del Jazz vocale par­tendo dal tes­ta­men­to musi­cale del­la grande Ella Fitzger­ald a cura di Susan­na Sti­vali, can­tante, com­positrice e docente pres­so il Con­ser­va­to­rio di Pescara dove è tito­lare di cat­te­dra in can­to jazz. Mart­edì 19 dalle 17 alle 20, un altro work­shop gra­tu­ito, Il fas­ci­no del­la scien­za, a cura di Flavia Zuc­co, pres­i­dente dell’Asso­ci­azione Donne e Scien­za; giovedì 21 dalle 17 alle 20, anco­ra un work­shop gra­tu­ito dal tito­lo La moder­nità di Jane Austen cura di Anna­maria Crispino (diret­tore di Leggen­daria) e Alessan­dra Pigliaru(gior­nal­ista e pres­i­dente del­la Soci­età ital­iana delle Let­ter­ate).

Il Teatro Bib­liote­ca Quar­tic­ci­o­lo, diret­to da Veron­i­ca Cru­ciani, riprende la pro­gram­mazione, fino al 27 set­tem­bre, con un’anteprima di sta­gione den­sa di spet­ta­coli, cin­e­ma, con­cer­ti. Ques­ta pri­ma parte è ded­i­ca­ta alla rasseg­na ASSOCIAZIONI IN COMUNE che vede pro­tag­o­niste le Asso­ci­azioni del Munici­pio V ed è des­ti­na­ta ai ragazzi, alle loro famiglie e agli inseg­nan­ti. Ven­erdì 15 set­tem­bre alle 21, Mag­ni­tu­do Nove pre­sen­ta Un cot­tage tut­to per sé di e conNatalia Mag­ni con la regia di Sonia Bar­badoro; saba­to 16 alle 21, proiezione con ingres­so gra­tu­ito di Gan­cio Swing, doc­u­men­tario estrat­to da Pug­ni e Social­is­mo, sto­ria popo­lare del­la boxe a Cuba, di Chiara Gre­goris e Giu­ni Lig­a­bue (seguirà dibat­ti­to); domeni­ca 17 alle 18, 39 scali­ni di John Buchan da un adat­ta­men­to di Patrick Bar­low con Alessan­dro Di Som­ma, Diego Migeni, Yas­er Mohamed e Mar­co Zor­dan, con la regia di Leonar­do But­ta­roni. Mart­edì 19 alle 21, il coro fem­minile LE COEUR pre­sen­ta Can­ti dal Mon­do, ideato e con­dot­to da Daniela De Ange­lis e, a seguire, lab­o­ra­to­rio auto­gesti­to di canto/teatro del Lab­o­ra­to­rio Sociale 100 Celle che gestisce i locali del­l’ex Casale Falchet­ti dal tito­lo Il sog­no di Cesare, ideato e con­dot­to da Cesare Oli­va; mer­coledì 20 alle 21, spet­ta­co­lo Le cit­tà invis­i­bili, con Alessan­dro Van­ti­ni, Alessan­dro Auli­ci­no, Anna Maria Spal­loni  e Brunel­la Petri­ni, con la regia di Ivan Vin­cen­zo Cozzi.

Fes­teggia i suoi pri­mi 17 anni il fes­ti­val mul­ti­dis­ci­pli­nare Attra­ver­sa­men­ti Mul­ti­pli, a Largo Spar­ta­co dal 16 al 30 set­tem­bre. Uno sguar­do par­ti­co­lare per le nuove cre­ativ­ità, le loca­tion incon­suete, la val­oriz­zazione dei lin­guag­gi artis­ti­ci con­tem­po­ranei, la mul­ti­dis­ci­pli­na­r­i­età, l’attenzione per lo spet­ta­tore per un’edizione che vede, quest’anno, lo “spazio” come tema cen­trale. “Spazio” inte­so nel suo sen­so più ampio: non solo come coor­di­nate spaziali, ma come luo­go di vita e di relazioni per un fes­ti­val che inda­ga la relazione tra le arti per­for­ma­tive con­tem­po­ra­nee e gli spazi pub­bli­ci attra­ver­so spet­ta­coli e per­for­mance site spe­cif­ic in luoghi urbani e non con­ven­zion­ali. Si com­in­cia saba­to 16 alle 17.30 con lo spet­ta­co­lo site spe­cif­ic (per un solo spet­ta­tore alla vol­ta) dal tito­lo Demoni – fram­men­ti _ FRAMMENTO #1 Mar­i­ja a cura del Prog­et­to Demoni; alle 19, spet­ta­co­lo di cir­co con­tem­po­ra­neo di Andrea Fide­lio dal tito­lo On Air; alle 21, show­case del nuo­vo album dei Pug­ni in tas­ca dal tito­lo O Bal­lano Tut­ti O Non Bal­la Nes­suno (durante il live incur­sioni del Rapper/DjMoe­bius Ohba, Vit­to­rio Ger­vasi al sax, Giulio Pec­ci alla chi­tar­ra e altre a sor­pre­sa). Domeni­ca 17 alle 20, Demoni – fram­men­ti _FRAMMENTO #3 STAVROGIN, spet­ta­co­lo site spe­cif­ic per 10 spet­ta­tori alla vol­ta; alle 21, Noy­au, per­for­mance site spe­cif­ic di Daria Gre­co; alle 21.30, per­for­mance del Bal­let­to Civile dal tito­lo Mar­lene.

La pro­mozione del­la let­tura e del­la cul­tura, fino al 30 set­tem­bre, è al cen­tro dell’Estate Romana 2017 in Bib­liote­ca in cui lib­ri, note, con­veg­ni, arte e proiezioni tra gli scaf­fali delle bib­lioteche ani­mer­an­no la cal­da estate romana. Da ven­erdì 15 set­tem­bre fino al 31 otto­bre, sarà pos­si­bile vis­itare, dalle 9.30 alle 20, nel­la Casa del­la Memo­ria e del­la Sto­ria, la mostra di Pasquale Liguori dal tito­lo Bor­gate, a cura di Daniele Zed­da: un viag­gio nelle bor­gate sti­mo­la­to dal deside­rio di esplo­rare una Roma aut­en­ti­ca, non appariscente. Le fotografie esposte pro­pon­gono una vedu­ta con­tem­po­ranea delle aree cit­ta­dine dove in epoca fascista ven­nero isti­tu­ite le 12 storiche bor­gate. Saba­to 16 dalle 10 alle 16.30, pres­so la Bib­liote­ca Villi­no Corsi­ni di Vil­la Doria Pam­philj, si ter­rà il con­veg­no Spazio vis­su­to e spazio cre­ati­vo. La dram­mat­er­apia inte­gra­ta per i lega­mi di comu­nità: gior­na­ta ded­i­ca­ta allo stu­dio, al con­fron­to, alla ricer­ca che vede coin­volti i Docen­ti di Scuo­LAReTÈ ed espo­nen­ti del mon­do dell’arte, del­la psi­colo­gia, dell’educazione, del­la med­i­c­i­na, dell’architettura. Domeni­ca 17 alle 11, sem­pre nel­la Bib­liote­ca Villi­no Corsi­ni di Vil­la Doria Pam­philj, per Cin­e­ma tra gli scaf­fali, nell’ambito del­la rasseg­na 50… ma non li dimostra, mat­inée ded­i­cate ai film che nel 2017 com­pi­ono 50 anni, proiezione de A cias­cuno il suo di Elio Petri (la proiezione sarà pre­ce­du­ta da una breve intro­duzione).

GLI ESPERIMENTI

La poe­sia e la “paro­la poet­i­ca urbana” come stru­men­ti per met­tere in pri­mo piano la per­sona, sen­za dis­tinzioni di ses­so, nazion­al­ità o reli­gione: poe­sia e parole poet­iche urbane del­la cit­tà, nel­la cit­tà stes­sa. È questo il filo con­dut­tore del prog­et­to Break Point Poet­ry / Cit­tà Poet­i­ca, a cura di Patrizia Chi­anese. Attra­ver­so un con­test parte­ci­pa­ti­vo che, dal 1° luglio, ha riscos­so un grande suc­ces­so in Rete, sono state rac­colte cir­ca 200 poe­sie che, oltre ad apparire sul sito dell’associazione Roma Cen­tro Mostre ed essere al cen­tro di una pub­bli­cazione pre­vista per il 2018, ver­ran­no lette dal vivo dagli stes­si scrit­tori. Appun­ta­men­to saba­to 16 set­tem­bre dalle 17 alle 19 pres­so il Gia­rdi­no di Largo Alessan­d­ri­na Rav­iz­za.

Pres­so l’Auditorium dell’Ara Pacis, il pri­mo dei due incon­tri sci­en­tifi­ci nell’ambito delle Pub­lic Lec­tures - Advances in Math­e­mat­ics and The­o­ret­i­cal Physics. Lo scopo delle con­feren­ze è pre­sentare, gra­zie agli inter­ven­ti di ricer­ca­tori di fama inter­nazionale, i più recen­ti pro­gres­si del­la ricer­ca in matem­at­i­ca e in fisi­ca teor­i­ca e le loro inter­con­nes­sioni. Appun­ta­men­to mer­coledì 20 set­tem­bre alle 18.30, con il fisi­co Luciano Maiani per l’incontro dal tito­lo Par­ti­celle Ele­men­tari: la ricer­ca del­la sem­plic­ità: La ricer­ca dei cos­tituen­ti ulti­mi del­la mate­ria, le “Par­ti­celle Ele­men­tari”, ha affas­ci­na­to l’uomo fin dai pri­mi pas­si del pen­siero sci­en­tifi­co. La scien­za mod­er­na, nel Nove­cen­to, ha com­pi­u­to pro­gres­si stra­or­di­nari sco­pren­do un nuo­vo liv­el­lo del mon­do reale, oltre l’atomo e il nucleo atom­i­co: i quark, entrati ormai nel lin­guag­gio di ogni giorno e nell’immaginario col­let­ti­vo. La scop­er­ta del “bosone di Hig­gs” ha sanci­to il suc­ces­so di una descrizione del­la realtà fisi­ca basa­ta su ele­men­ti di sem­plic­ità impens­abili solo cinquant’anni fa. Lun­go questo per­cor­so, si sco­prono affasci­nan­ti relazioni tra la fisi­ca del Micro­cos­mo e le strut­ture su grande scala che si sono for­mate, nel­l’U­ni­ver­so, a par­tire dal Big Bang iniziale. Ci sono anco­ra impor­tan­ti mis­teri, tra questi, la pos­si­bile esisten­za di nuove par­ti­celle che potreb­bero essere la chi­ave del­la mate­ria non lumi­nosa che gravi­ta intorno alle Galassie e rende con­to di più del 90% del­la mate­ria esistente nell’Universo. Per chiarire i mis­teri, sono allo stu­dio nuove mac­chine con energie supe­ri­ori di un ordine di grandez­za all’energia del­la macchi­na del CERN.

Tor­na il Fes­ti­val Arte­Scien­za 2017 — Inventare il futuro, rasseg­na che, fino al 22 set­tem­bre, pun­ta sull’invenzione come “far­ma­co intel­li­gente”, val­oriz­zan­do ambi­en­ti nei vari spazi del­la cit­tà, fra sce­nari incon­sueti e inno­vazioni artis­tiche, e ospi­tan­do artisti e per­son­al­ità del­la cul­tura musi­cale inter­nazionale. Da ven­erdì 15 a domeni­ca 17 set­tem­bre alle 21, al Teatro Vas­cel­lo, va in sce­na, in pri­ma asso­lu­ta, Cor­pus 2.0: una ricer­ca sul cor­po come mez­zo espres­si­vo fra musi­ca, dan­za e vir­tu­al set che vede con­frontar­si la com­pag­nia di dan­za Excur­sus con la musi­ca di Michelan­ge­lo Lupone, le core­ografie e la regia diRicky Bonavi­ta e la scenografia inter­at­ti­va dell’artista Licia Gal­izia.

Saba­to 16 set­tem­bre alle 19.30 a Vil­la Tor­lonia, l’ottavo appun­ta­men­to con le escur­sioni nat­u­ral­is­tiche ser­ali di Ani­mal Star… Ani­mali sot­to le Stelle di Roma. Fino al 30 set­tem­bre, in com­pag­nia di esper­ti ricer­ca­tori e medi­a­tori, gra­zie a tec­niche e stru­men­tazioni sci­en­ti­fiche, gran­di e pic­coli potran­no met­ter­si alla pro­va nel ril­e­vare i suoni, le trac­ce e le immag­i­ni degli ani­mali not­turni che popolano le tante ville storiche romane. Un modo uni­co e appas­sio­n­ante per sco­prire la Cit­tà Eter­na sot­to una veste del tut­to nuo­va.

INFO PER IL PUBBLICO

 

Web www.estateromana.comune.roma.it

Tel 060608 (tut­ti i giorni ore 9–19)

Face­book  www.facebook.com/EstateRomanaRomaCapitale

Twit­ter twitter.com/estateromana

Insta­gram Instagram.com/estateromana

#estateromana2017

Related Images: