Gaza, Paravia a Meloni: “Grazie per salvataggio famiglia di una giovane paziente”

Gaza, Paravia a Meloni: “Grazie per salvataggio famiglia di una giovane paziente”

21/05/2024 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 334 volte!

La onlus A.N.G.E.L.S. – Asso­ci­azione Nazionale Gio­vani Energie Latri­ci di Sol­i­da­ri­età ha ringrazi­a­to il pres­i­dente del Con­siglio Gior­gia Mel­oni per il sal­vatag­gio del­la famiglia di Inti­s­ar, una paziente di Gaza che nel 2009, all’età di 5 anni, era sta­ta dichiara­ta inguari­bile per un grave epa­to­blas­toma al fega­to. La sto­ria del­la pic­co­la Inti­s­ar (che in arabo sig­nifi­ca “Vit­to­ria”) è com­movente ma per for­tu­na a lieto fine. Gra­zie alla onlus e all’intervento riso­lu­ti­vo dell’allora min­istro degli Esteri Fran­co Frat­ti­ni, la pic­co­la oltrepassò Erez e fu trasporta­ta in Italia, con volo di Sta­to, per rice­vere un trapianto di fega­to pres­so l’Ospedale Pedi­atri­co Bam­bi­no Gesù a Roma. In segui­to Inti­s­ar ha avu­to una recidi­va di can­cro ed ulte­ri­ori tre inter­ven­ti chirur­gi­ci in Italia, riso­lu­tivi per la sua salute. Oggi ha 19 anni e gra­zie al gov­er­no ital­iano e alla onlus A.N.G.E.L.S. vive a Roma con sua madre e i suoi fratel­li e sorelle. Par­la tre lingue e vuole iscriver­si a Scien­ze Politiche.

“Esprim­i­amo pro­fon­da grat­i­tu­dine al pres­i­dente Mel­oni per il prezioso aiu­to offer­to nel recente sal­vatag­gio del­la famiglia prove­niente da Gaza. La sua pronta e deter­mi­na­ta azione ha per­me­s­so di garan­tire la sicurez­za e il benessere di per­sone in grave peri­co­lo, dimostran­do la sua sen­si­bil­ità uman­i­taria e il suo impeg­no nel col­lab­o­rare con il ter­zo set­tore” – ha com­men­ta­to la vicepres­i­dente e por­tav­oce del­la onlus Benedet­ta Par­avia. “L’intervento del suo gov­er­no, attra­ver­so l’Unità di Crisi del­la Far­nesina ed i Con­so­lati d’Italia a Gerusalemme e al Cairo, ha dimostra­to un forte sosteg­no ai val­ori fon­da­men­tali del­la sol­i­da­ri­età e del rispet­to per la vita umana. Questo gesto non solo ha fat­to la dif­feren­za per la famiglia coin­vol­ta e per tut­ti noi volon­tari di A.N.G.E.L.S. ma ha anche raf­forza­to i lega­mi di ami­cizia tra i nos­tri popoli”.

“Ringrazi­amo inoltre – ha con­tin­u­a­to Par­avia – le autorità israeliane che han­no per­me­s­so l’esodo del­la famiglia attra­ver­so il via lib­era del Cogat, la Comu­nità ebraica romana e gli ami­ci del­la onlus, la Sen­a­trice Anna Cinzia Bon­frisco, Fabio Mas­si­mo Castal­do e Ric­car­do Paci­fi­ci, che da quan­do rico­pri­va il ruo­lo di pres­i­dente del­la Comu­nità Ebraica di Roma, ha sem­pre dimostra­to sen­si­bil­ità ver­so tutte le famiglie dei bam­bi­ni palesti­ne­si che abbi­amo sal­va­to in questi anni. Nei giorni scor­si – ha con­clu­so Par­avia – abbi­amo atti­va­to la pro­ce­du­ra per garan­tire lo sta­tus di rifu­giati politi­ci alla famiglia e sti­amo aspet­tan­do fiduciosi l’arrivo da Gaza di un altro paziente, il dici­as­set­tenne Muath, anche lui sopravvis­su­to, fino­ra, al can­cro e alla guer­ra”.

La onlus A.N.G.E.L.S. è nata nel 2008 ed è sta­ta pre­sen­ta­ta a Palaz­zo Chi­gi durante una con­feren­za stam­pa nel­la quale, tra i min­istri rela­tori, era pre­sente anche l’onorevole Gior­gia Mel­oni, che al tem­po rico­pri­va la car­i­ca di min­istro del­la Gioven­tù. La onlus si riferisce agli obi­et­tivi di tutela del­la Con­ven­zione Inter­nazionale sui Dirit­ti per l’Infanzia, ed è ded­i­ca­ta alla memo­ria di tutte le gio­vani vit­time del­la guer­ra. La sua nasci­ta s’inquadra nel decen­nio 2001–2010 isti­tu­ito dalle Nazioni Unite per favorire la cul­tura del­la non vio­len­za e del­la pace a tutela dei minori (per info https://www.loveA.N.G.E.L.S..it/index.php). Artista, pro­dut­trice, con­sulente e filantropa, Benedet­ta Par­avia dal 2002 ha con­tribuito a solid­i­fi­care il ponte tra Medio Ori­ente ed Europa attra­ver­so la cul­tura, la for­mazione uni­ver­si­taria, le can­zoni, i lib­ri, i pro­gram­mi tele­vi­sivi e cross medi­ali al fem­minile, le sfi­late, le mostre d’arte e la sol­i­da­ri­età. E’ sta­ta defini­ta dal­la stam­pa ara­ba “fat­tore chi­ave del Rinasci­men­to Glob­ale Arabo”. Col­lab­o­ra come gior­nal­ista con La Repub­bli­ca, RepTV, il Borgh­ese e Gli Ital­iani. Gra­zie al suo lavoro di con­sulente e medi­a­tore cul­tur­ale il prossi­mo anno avrà luo­go la pri­ma col­lab­o­razione uffi­ciale di un museo ital­iano con un museo degli Emi­rati Ara­bi Uni­ti e nel 2026 la pri­ma mostra uffi­ciale di un museo ital­iano, il Mann di Napoli, in Abu Dhabi. Con il suo prog­et­to artis­ti­co-cul­tur­ale-uman­i­tario “Women in love” con­tro il crim­ine delle Muti­lazioni Gen­i­tali Fem­minili, fa oper­are gra­tuita­mente le donne muti­late che risiedono in Italia.

Related Images: