REGIONE LAZIO, NASCE IL NUOVO POLO DEL CINEMA E DELL’AUDIOVISIVO

12/04/2024 0 Di Simone Bartoli

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 224 volte!

Inau­gu­ra­ta la sede del­la strut­tura, uno spazio aper­to sul­la cit­tà, in Via Pari­gi 11. Pre­sen­tate anche le strate­gie e le attiv­ità per il tri­en­nio 2024/2026

“Lazio ter­ra di cin­e­ma”. Dopo la nasci­ta del por­tale regionale ded­i­ca­to all’universo cin­e­matografi­co (avvenu­ta nel 2022), da oggi il brand diven­ta anche una realtà fisi­ca, con l’inaugurazione del Nuo­vo Polo del Cin­e­ma e dell’Audiovisivo.

La strut­tura, ospi­ta­ta all’interno del­la sede romana del­la Regione Lazio di via Pari­gi 11, è sta­ta inau­gu­ra­ta il giorno 10 aprile dal Pres­i­dente del­la Regione Lazio, Francesco Roc­ca, e da Loren­za Lei, respon­s­abile del­la strut­tura Cin­e­ma e Audio­vi­si­vo. L’evento ha vis­to un’ampia parte­ci­pazione delle diverse cat­e­gorie pro­tag­o­niste del com­par­to, e soprat­tut­to ha rap­p­re­sen­ta­to l’occasione per illus­trare anche le strate­gie e le attiv­ità del­la Regione per il tri­en­nio 2024/2026.

Il Lazio ha una tradizione stor­i­ca nel cin­e­ma. La fil­iera del set­tore cin­e­matografi­co e audio­vi­si­vo risul­ta la sec­on­da indus­tria del­la regione, oltre a rap­p­re­sentare una delle prin­ci­pali realtà ital­iane.

Il set­tore cin­e­matografi­co e audio­vi­si­vo rap­p­re­sen­ta per la Regione Lazio uno dei prin­ci­pali fat­tori di cresci­ta eco­nom­i­ca, occu­pazionale, cul­tur­ale e tec­no­log­i­ca e uno stru­men­to di pro­mozione e affer­mazione del ter­ri­to­rio sul­la sce­na inter­nazionale.

La Regione per il 2024 si è dota­ta di un Piano strate­gi­co tri­en­nale 2024/2026 per sostenere l’intera fil­iera indus­tri­ale, dal­la scrit­tura fino all’uscita in sala delle opere.

Tra le final­ità prin­ci­pali c’è quel­la di ori­entare l’azione di inves­ti­men­to ver­so il cri­te­rio del­la qual­ità e lo svilup­po in chi­ave inter­nazionale, in stret­ta sin­er­gia con gli obi­et­tivi nazion­ali del Min­is­tero Direzione Cin­e­ma e di Cinecit­tà.

In questo con­testo di dinam­i­co muta­men­to e di sfide attuali e future, si inserisce il nuo­vo Polo, uno spazio aper­to sul­la cit­tà e sul ter­ri­to­rio regionale.

Oltre ad essere un luo­go di incon­tro e di pro­poste di sin­ergie pos­si­bili, attra­ver­so attiv­ità di net­work tra tut­ti gli stake­hold­ers, la nuo­va sede è pen­sa­ta anche per ospitare con­gres­si ed even­ti, attiv­ità di tutor­ag­gio, inser­i­men­to occu­pazionale e sosteg­no alle imp­rese.

In par­ti­co­lare, tra le varie attiv­ità, si prevede di real­iz­zare:

  • Sportel­lo impre­sa: obi­et­ti­vo del quale è l’aumento del­la parte­ci­pazione agli avvisi e alle diverse oppor­tu­nità pro­mosse dal­la Regione Lazio, attra­ver­so let­ture critiche degli avvisi e ses­sioni di appro­fondi­men­to sulle loro carat­ter­is­tiche;
  • Inno­va­tion Day: even­to ded­i­ca­to all’esplorazione dei trend di svilup­po del set­tore attra­ver­so il coin­vol­gi­men­to di alcu­ni esper­ti nazion­ali e inter­nazion­ali con talk e incon­tri di net­work­ing;
  • Star­tup­per Acad­e­my Cin­e­ma: per­cor­so di acqui­sizione delle com­pe­ten­ze impren­di­to­ri­ali riv­olto agli stu­den­ti delle scuole supe­ri­ori, delle accad­e­mie e delle uni­ver­sità;
  • Cor­si di for­mazione: in col­lab­o­razione con Roma Lazio Film Com­mis­sion, sarà orga­niz­za­to un pro­gram­ma di cor­si di for­mazione gra­tu­iti ded­i­cati all’apprendimento delle com­pe­ten­ze cin­e­matogra­fiche più richi­este dal set­tore.

Par­ti­co­lar­mente sod­dis­fat­to il Pres­i­dente Francesco Roc­ca, per aver rag­giun­to un obi­et­ti­vo pre­fis­so.

«Sono molto orgoglioso del­la nasci­ta del nuo­vo Polo del cin­e­ma e dell’audiovisivo del­la Regione Lazio, uno spazio che si apre al ter­ri­to­rio con uno sportel­lo atti­vo per incon­tri, for­mazione, ori­en­ta­men­to tec­ni­co agli avvisi pub­bli­ci. Par­liamo di uno dei com­par­ti prin­ci­pali di questo ter­ri­to­rio, per quan­to riguar­da cresci­ta eco­nom­i­ca, occu­pazionale, cul­tur­ale e tec­no­log­i­ca che ren­dono Roma e il Lazio sem­pre più pre­sen­ti su scala inter­nazionale. Un set­tore che, oltre a rap­p­re­sentare un’in­dus­tria di asso­lu­to rilie­vo per la nos­tra Regione, cos­ti­tu­isce un pat­ri­mo­nio artis­ti­co e cul­tur­ale che appar­tiene a tut­ti. Alle strate­gie si aggiunge la bellez­za del­la nos­tra regione. Roma è cer­ta­mente un luo­go uni­co, ma abbi­amo la for­tu­na di avere i ter­ri­tori bel­lis­si­mi delle province che offrono sce­nari mer­av­igliosi dal mare alla mon­tagna, ai laghi ai castel­li e tut­to questo rende sem­pre di più il Lazio come ter­ra di cin­e­ma», ha dichiara­to.

«La nasci­ta del Polo del cin­e­ma e dell’audiovisivo rap­p­re­sen­ta un momen­to impor­tante nel­la strate­gia piani­fi­ca­ta per l’intero com­par­to del­la Regione Lazio. Ci siamo pre­fis­sati obi­et­tivi come il sosteg­no alle attiv­ità cin­e­matogra­fiche e audio­vi­sive, in par­ti­co­lar modo alla pro­duzione e alla dis­tribuzione, ma anche il sosteg­no agli autori già affer­mati e ai gio­vani autori emer­gen­ti. Abbi­amo poi l’obiettivo di favorire l’internazionalizzazione delle imp­rese, di coin­vol­gere pro­duzioni nazion­ali ed estere e di garan­tire una dis­tribuzione qual­i­fi­ca­ta dell’esercizio cin­e­matografi­co, spe­cial­mente nei con­testi dove ques­ta viene tal­vol­ta a man­care. Obi­et­tivi impor­tan­ti, rag­giun­gen­do i quali, si può conc­re­ta­mente con­tribuire alla for­mazione di un “Brand Lazio”», ha spie­ga­to Loren­za Lei.

Numerose le Isti­tuzioni, pro­dut­tori, dis­trib­u­tori, reg­isti ed artisti pre­sen­ti che han­no parte­ci­pa­to con molto inter­esse alla pre­sen­tazione delle nuove ed inno­v­a­tive strate­gie del nuo­vo Polo del cin­e­ma e dell’audiovisivo.

 

 

Related Images: