Marino: il 23 settembre Emanuela Napoli presenta Fluide Alchimie 

Marino: il 23 settembre Emanuela Napoli presenta Fluide Alchimie 

15/09/2023 0 Di Francesca Marrucci

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 247 volte!

Marino: mercoledì 23 settembre Emanuela Napoli presenta il suo libro ‘Fluide Alchimie’ 

Si ter­rà mer­coledì 23 set­tem­bre alle ore 17.00 pres­so il Museo Civi­co ‘Umber­to Mas­troian­ni’ di Mari­no, la pre­sen­tazione del libro di Emanuela Napoli ‘Flu­ide Alchimie — poe­sie e altri scrit­ti’

L’Autrice illus­tr­erà il libro e le sto­rie in esso descritte in una con­ver­sazione con Francesca Mar­ruc­ci, Diret­trice Edi­to­ri­ale delle tes­tate Pun­to a Capo, inter­val­la­ta dalle let­ture di Francesca Spu­rio, attrice e volto noto nei Castel­li Romani non solo per il suo lavoro in teatro e in tv, ma anche per­ché ha vis­su­to a Mari­no per molti anni.

Il libro è una rac­col­ta di poe­sie e fav­ole che par­lano di donne, di noi, di tut­ti, delle sor­p­rese che la vita ci ris­er­va e su come le affron­ti­amo e cosa ci las­ciano den­tro e fuori. 

Un viag­gio scan­di­to da parole, emozioni, atti­mi che l’Autrice così definisce: “Le poe­sie nascono per­ché è una loro esi­gen­za piut­tosto che una mia neces­sità, esse vivono indipen­den­te­mente da me e dal­la mia tes­ta, mi soprav­vivono nel­l’or­dine delle idee e mi trascen­dono nel cam­po dei sen­ti­men­ti. Loro san­no dove andare a col­lo­car­si su un foglio, esse for­mano un sen­so e si nutrono delle mie emozioni cre­an­do uno spun­to per ren­der­si man­i­feste.

Amo la poe­sia, che nasce come un abbaglio, come una fola­ta di ven­to improvvisa, è un atti­mo eter­no dove tut­ta me stes­sa si con­cen­tra e diviene essen­za pura, sin­te­si allo sta­to sub­li­ma­to di poche ener­giche ver­i­tiere rime che sono in me sen­za che io stes­sa lo sap­pia.

La poe­sia è sem­pre in aggua­to den­tro di me pronta ad uscire al momen­to oppor­tuno quan­do mi serve chiarez­za, quan­do non riesco ad esprimere un con­cet­to che mi tor­men­ta da giorni, lei è già lì pri­ma anco­ra che nel­la mia tes­ta l’idea si for­mi e pren­da vita in un ragion­a­men­to. La poe­sia mi giunge da un tem­po dimen­ti­ca­to del­la memo­ria che mi ha pre­ce­du­ta e che mi coglie nel­l’at­ti­mo stes­so che ne per­cepis­co il richi­amo ances­trale.

Chi è Emanuela Napoli?

Nasce nel 1964 a Roma, dove fre­quen­ta il V Liceo Artis­ti­co Statale e suc­ces­si­va­mente con­segue il diplo­ma in Scul­tura all’Accademia di Belle Arti.

Dal 1987, per cir­ca un anno, col­lab­o­ra come vignettista per la tes­ta­ta gior­nal­is­ti­ca Rinasci­ta.

Nel 1989 dopo aver segui­to un cor­so di Com­put­er Graph­ic, com­in­cia a lavo­rare come grafi­ca edi­to­ri­ale e pub­blic­i­taria pres­so vari stu­di grafi­ci.

Dal 1991 per oltre per quindi­ci anni, col­la­bor­erà atti­va­mente con la casa d’aste CHRISTIE’S curan­do l’impaginazione grafi­ca dei cat­a­loghi pub­bli­cati in Italia.

Nel 1997 si trasferisce a Mari­no, lavo­ran­do tra Roma e i Castel­li Romani, e sem­pre nel 1997 inizia a lavo­rare come Art Direc­tor per l’AIDOS (Asso­ci­azione Ital­iana Donne per lo Svilup­po) curan­do prog­et­tazione e real­iz­zazione grafi­ca di una riv­ista peri­od­i­ca e di numerose pub­bli­cazioni del­la FAO, seguen­do diver­si prog­et­ti des­ti­nati ai Pae­si in via di svilup­po.

Nel 2000 si appas­siona come ricer­ca­trice e stu­diosa del­la cul­tura Maya, favoren­do la dif­fu­sione in Italia del “Dream­spell”, Sin­cronario Galat­ti­co delle 13 Lune di 28 giorni, lavoro basato sul­lo stu­dio del­la Legge del Tem­po, ideato e real­iz­za­to dal­lo scrit­tore e artista statu­nitense José Arguelles (1939–2011).

Nel 2002 intraprende un per­cor­so tri­en­nale di for­mazione in Dan­zaMovi­menoTer­apia Relazionale, in col­lab­o­razione con l’Università di Tor Ver­ga­ta a Roma, parte­ci­pan­do a vari stage for­ma­tivi sia in Italia che all’estero.  

Oggi lavo­ra come docente di Scuo­la Sec­on­daria di Pri­mo Gra­do inseg­nan­do la mate­ria di Arte e Immag­ine.

L’ingresso è libero fino ad esauri­men­to posti.

Related Images: