Tarquinia, VT. Grande successo manifestazione cittadina per l’Ospedale. PCI: non potevamo non esserci, abbiamo voluto esserci!

Tarquinia, VT. Grande successo manifestazione cittadina per l’Ospedale. PCI: non potevamo non esserci, abbiamo voluto esserci!

27/03/2023 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1166 volte!

Con­cen­tra­men­to. a Tar­quinia, nel­la piaz­za del Comune, in procin­to di diventare cor­teo


A Tar­quinia, saba­to si è svol­ta una grande man­i­fes­tazione in dife­sa dell’ospedale. Sono state già annun­ci­ate altre inizia­tive e pro­poste coc­n­rete per far tornare il noso­comio cit­tadi­no all’eccellenza. “È solo l’inizio – ha annun­ci­a­to Emanuela Fanel­li, pro­motrice del movi­men­to cit­tadi­no – porter­e­mo delle pro­poste ai tavoli isti­tuzion­ali”. Lo scon­cer­to e quin­di l’organizzazione in rispos­ta di proteste e prossime pro­poste è sta­to lo sman­tel­la­men­to di orto­pe­dia, l’ospedale fiore all’occhiello per Tar­quinia e per tut­to il com­pren­so­rio langue da anni nel silen­zio asso­lu­to delle isti­tuzioni e a farne le spese i cit­ta­di­ni con tante espe­rien­ze tristi ed incon­cepi­bili al di là delle pro­fes­sion­al­ità esisten­ti anco­ra oggi all’interno dell’ospedale. A pren­dere la paro­la in piaz­za Emanuela Fanel­li, pro­motrice del movi­men­to cit­tadi­no, Mar­ca e Maria Rita Gior­go­lo. Emanuela Fanel­li in aper­tu­ra del­la man­i­fes­tazione ha sot­to­lin­eato il suc­ces­so del movi­men­to spon­ta­neo di cit­ta­di­ni nato soltan­to il 14 mar­zo, evi­den­za che la prob­lem­at­i­ca è assai sen­ti­ta e c’è la volon­tà di non mol­lare. A dare voce alle istanze del movi­men­to la prof Gior­go­lo: “È così che il repar­to di orto­pe­dia, fino a poco tem­po fa fiore all’occhiello del nos­tro ospedale, è pas­sato in poco tem­po da un organ­i­co di cinque orto­pe­di­ci ad un solo orto­pe­di­co. I cit­ta­di­ni non sono esper­ti ma neanche stu­pi­di! È facile capire che, con un solo orto­pe­di­co in organ­i­co, non si pos­sono coprire tut­ti i turni delle 24 ore e i fes­tivi”.

La tes­ta del cor­teo, a Tar­quinia, è giun­ta pres­so l’ospedale


Di tut­to questo ascolta­to in piaz­za sono sta­ti veri pro­tag­o­nisti i cit­ta­di­ni, che, non era­no cer­ta­mente sen­za altre opin­ioni, a com­in­cia­re da quelle politiche. Ma, per scelta, han­no volu­to tut­ti su una piattafor­ma non a caso chia­ma­ta “Per l’ospedale di Tar­quinia, art. 32”, che, ricor­diamo­lo è quel­lo che sta­bilisce la san­ità pub­bli­ca, uni­ver­sale e gra­tui­ta nel nos­tro Paese, per­chè tut­ti sono sta­ti ben accetti e nes­suno può avere l’alibi di pot­er stru­men­tal­iz­zare un chi ha gov­er­na­to pri­ma, con­tro un chi ha gov­er­na­to dopo… Colpi­va molto la pre­sen­za non solo di ex ammin­is­tra­tori, e di un valente ex sin­da­co comu­nista, ma soprat­tut­to quel­la di ex infer­mieri e medici oggi in pen­sione. Pro­prio lì a difend­ere un bene che è di tut­ti e tale deve rimanere. Per i comu­nisti, sia locali che region­ali con una del­egazione uffi­ciale che si inseri­ta nel cor­teo ed ha mar­ci­a­to coi cit­ta­di­ni da piaz­za del Comune fino all’Ospedale, Lui­gi Caria, respon­s­abile del­la Fed­er­azione di Viter­bo, e Lore­to De Ange­lis respon­s­abile san­ità del PCI Lazio, han­no dichiara­to ai respon­s­abili del Comi­ta­to: “che i comu­nisti di Tar­quinia e del lazio sono a sosteg­no di ques­ta lot­ta. Che sono a dis­po­sizione, vis­to il tavo­lo tec­ni­co che si sta approntan­do, per fornire ogni sup­por­to per le politiche san­i­tarie riguar­do la sal­va­guardia dell’Ospedale. Che davvero, non pote­vano non essere qui pre­sen­ti a mar­cia­re coi cit­ta­di­ni oggi. Per­chè? Per­chè la san­ità sec­on­do il det­ta­to cos­ti­tuzionale come enun­cia l’articolo 32 è pro­prio l’essenza di quan­to noi comu­nisti abbi­amo scel­to e che con­fer­mi­amo come pro­gram­ma, come val­ore, e come dirit­to di tut­ti cit­ta­di­ni”. Dal PCI di Tar­quinia, Viter­bo e del Lazio saran­no segui­te le mobil­i­tazioni e le inizia­tive di pro­pos­ta e con­fron­to che seguiran­no a ques­ta gior­na­ta di lot­ta cit­tad­i­na, per ora, sen­za eguali nel resto del­la regione.

La spillet­ta stam­pa­ta dal Comi­ta­to cit­tadi­no, che con­tiene la planime­tria del­l’Ospedale e il richi­amo all’art. 32 del­la Cos­ti­tuzione


Lui­gi Caria, respon­s­abile PCI Viter­bo

Related Images: