Catania, Rea: “È di nuovo casa degli orrori: esposto in procura nel silenzio istituzioni”

Catania, Rea: “È di nuovo casa degli orrori: esposto in procura nel silenzio istituzioni”

28/02/2023 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 561 volte!

“Siamo inor­ridi­ti e indig­nati per quan­to starebbe nuo­va­mente acca­den­do nel­la “casa degli orrori” a Cata­nia, da dove ci giun­gono seg­nalazioni in mer­i­to al famiger­a­to immo­bile fini­to già nelle cronache medi­atiche degli scor­si mesi, quan­do dalle autorità com­pe­ten­ti furono ritrovate car­casse di gat­ti e sal­vati alcu­ni feli­ni. Una situ­azione di una grav­ità inau­di­ta che oggi, gra­zie al nos­tro par­ti­to, tor­na sot­to i fari medi­ati­ci con con­torni inqui­etan­ti e allar­man­ti. Nelle scorse ore abbi­amo rice­vu­to immag­i­ni del­l’in­ter­no del­l’ap­par­ta­men­to dove sono sta­ti rin­venu­ti 3 gat­ti vivi ed alcune car­casse in sta­to di decom­po­sizione: la casa, per­al­tro , è in con­dizioni igien­i­co san­i­tarie che destano allarme anche per l’odore nau­se­abon­do che fil­tra all’ester­no e starebbe cagio­nan­do dan­ni e crit­ic­ità ai locali com­mer­ciali lim­itrofi. Per ques­ta ragione, ci chiedi­amo per­ché gli enti com­pe­ten­ti, ivi inclusi ASL e Comune di Cata­nia, dopo l’in­ter­ven­to dei mesi pas­sati e le ulte­ri­ori numerose seg­nalazioni, non abbiano, a dis­tan­za di un anno, anco­ra oper­a­to per il com­ple­to ripristi­no del­lo sta­to dei luoghi e per la defin­i­ti­va tutela dei feli­ni all’interno dell’immobile. Un immo­bil­is­mo illogi­co e un silen­zio tombale sul­la vicen­da, inter­rot­to però dal nos­tro par­ti­to che ora pre­tende un inter­ven­to imme­di­a­to da parte del munici­pio catanese e del­la azien­da san­i­taria che devono met­tere fine a questo scem­pio, sul quale nel frat­tem­po Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista ha deciso di pre­sentare un espos­to alla procu­ra del­la Repub­bli­ca”.

Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to politi­co, Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.

Related Images: