ROMA, MATTEONI: “BENE CIS. ORA TAVOLO SU SCUOLE BISOGNOSE DI INTERVENTO”

ROMA, MATTEONI: “BENE CIS. ORA TAVOLO SU SCUOLE BISOGNOSE DI INTERVENTO”

07/07/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 820 volte!

“Accol­go con sod­dis­fazione la fir­ma del Con­trat­to Isti­tuzionale di Svilup­po (CIS) Roma, sot­to­scrit­to da Campi­doglio, Pres­i­den­za del Con­siglio dei min­istri-Min­istro per il Sud e la Coe­sione Ter­ri­to­ri­ale, Min­is­tero dell’Economia e delle Finanze, Min­is­tero del­la Tran­sizione Eco­log­i­ca, Min­is­tero dell’Istruzione, Regione Lazio e Agen­zia Nazionale per l’Attrazione e lo Svilup­po d’Impresa S.p.A. Si trat­ta di un doc­u­men­to molto impor­tante, che mira in prim­is alla riqual­i­fi­cazione ener­get­i­ca e alla imple­men­tazione del­la sicurez­za di numerosi isti­tu­ti sco­las­ti­ci del­la Cap­i­tale, conce­den­do al con­tem­po un po’ di ossigeno a tutte quelle aziende che si aggiu­dicher­an­no le gare di prog­et­tazione degli inter­ven­ti e di appal­to dei lavori. Sti­amo par­lan­do infat­ti di oltre 200 tra nidi, scuole dell’infanzia, ele­men­tari e medie di Roma che nel­la pri­ma fase saran­no ogget­to di riqual­i­fi­cazione, per un inves­ti­men­to com­p­lessi­vo di cir­ca 400 mil­ioni di euro, sen­za con­sid­er­are che nuove risorse o economie di gara potreb­bero aprire una ulte­ri­ore fase, che riguarderebbe altre 96 strut­ture. Un con­testo ril­e­vante che richiede rigi­di con­trol­li, rapid­ità di azione e mon­i­tor­ag­gio con­tin­uo. Per ques­ta ragione, reputi­amo fon­da­men­tale la cos­ti­tuzione di un tavo­lo di con­cer­tazione, com­pos­to dagli enti fir­matari del Cis, dalle realtà rap­p­re­sen­tan­ti del mon­do dell’impresa e dell’edilizia, e dalle asso­ci­azioni del mon­do sco­las­ti­co, affinché si indi­viduino innanz­i­tut­to tutte quelle strut­ture mag­gior­mente bisog­nose di inter­ven­to, attra­ver­so una map­patu­ra pre­cisa e conc­re­ta; inoltre, il tavo­lo isti­tuzionale sarà impor­tante al fine di conoscere lo sta­to degli inter­ven­ti, l’utilizzo gli inves­ti­men­ti pre­visti e, soprat­tut­to, il rispet­to del crono­pro­gram­ma dei lavori e di tut­ti i rel­a­tivi adem­pi­men­ti buro­crati­co-ammin­is­tra­tivi. Il sot­to­scrit­to, tra i prin­ci­pali play­er nel­la riqual­i­fi­cazione immo­bil­iare ed ener­get­i­ca e por­ta­tore delle istanze di numerosi impren­di­tori di Roma e del Lazio, è a com­ple­ta dis­po­sizione per la pro­mozione di questo tavolo”.
Così, in una nota, Mar­co Mat­teoni, rap­p­re­sen­tante datori di lavoro del Con­siglio gen­erale del­la Cas­sa Edile di Roma, ex pres­i­dente del­la Con­far­ti­giana­to Edilizia di Roma e del Lazio, nonché tra i prin­ci­pali play­er nel­la riqual­i­fi­cazione immo­bil­iare ed energetica.