A MARINO: VUOI ANDARE IN BICICLETTA? TROPPI PERICOLI.. STAI A CASA O COMPRATI UN SUV

A MARINO: VUOI ANDARE IN BICICLETTA? TROPPI PERICOLI.. STAI A CASA O COMPRATI UN SUV

05/07/2022 1 Di Movimento 5 Stelle Marino

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1823 volte!

Nell’anno 2021 ave­va­mo piani­fi­ca­to, finanzi­a­to ed avvi­a­to la real­iz­zazione a via Mameli del­la pri­ma pista cicla­bile nel ter­ri­to­rio mari­nese, un trat­to che, da iniziale prog­et­tazione, attra­ver­so viale del­la Repub­bli­ca e via dei Mille si sarebbe dovu­to col­le­gare all’Appia Anti­ca ed al Par­co del­la Pace, per poi aggan­cia­r­si alla nuo­va pista (da noi già prog­et­ta­ta e finanzi­a­ta) di via Appia Nuo­va Vec­chia sede e rag­giun­gere il par­co Sassone.

Un dis­eg­no che si inquadra­va nel più ampio prog­et­to delle Biovie e del­la Bicipoli­tana dei Castel­li Romani, uno sguar­do al futuro (che, a dire il vero, è già realtà da decen­ni in tante altre par­ti d’Italia e del mon­do..): un “futuro” fat­to di mobil­ità sosteni­bile e nuove oppor­tu­nità turistiche.

Ma la nuo­va ammin­is­trazione Cec­chi ha det­to che il prog­et­to va tron­ca­to: scrive infat­ti l’assessore di com­pe­ten­za che non han­no inten­zione di pros­eguire i lavori in quan­to l’attraversamento del pas­sag­gio fer­roviario, dell’Appia Anti­ca e dell’Appia Nuo­va sono di “evi­dente peri­colosità”.

Siamo sicuri che l’assessore avrà imme­di­ata­mente infor­ma­to l’ANAS del­la peri­colosità dell’attraversamento dell’Appia Nuo­va, in modo da inter­dir­lo a non veden­ti (rimuoven­do gli attuali apposi­ti dis­pos­i­tivi acus­ti­ci), a mamme con passeg­gi­ni, a osti­nati ciclisti, monopat­ti­ni e ragazzi che quo­tid­i­ana­mente van­no al par­co o a pren­dere l’autobus per andare a scuola..

L’ “evi­dente peri­colosità”, poi, dell’attraversamento dell’Appia Anti­ca e del pas­sag­gio fer­roviario porter­an­no sicu­ra­mente l’assessore anche a riflet­tere su mis­ure da pren­dere per quel trat­to di viale del­la Repub­bli­ca.. mag­a­ri con una pru­dente chiusura che risolverebbe anche il prob­le­ma delle code al semaforo e delle mac­chine che riman­gono incas­trate tra le sbarre del pas­sag­gio a livello…

E noi che ave­va­mo pen­sato, con questo prog­et­to e la col­lab­o­razione dell’ANAS, anche di miglio­rare la sicurez­za di tut­to il trat­to ma di fronte a questi nuovi com­pe­ten­ti dob­bi­amo alzare le mani..

Non c’è che dire: l’amministrazione Cec­chi è un pas­so avanti!