Roma/Abbazia Fossanova (Priverno). 21 e 22 maggio Per Alberto, per la Francigena, per il Cammino

Roma/Abbazia Fossanova (Priverno). 21 e 22 maggio Per Alberto, per la Francigena, per il Cammino

13/05/2022 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3348 volte!

Alber­to Alber­ti, ideatore, fonda­tore e gui­da del­la riscop­er­ta del­la Via Francigena


“Per Alber­to Alber­ti, pel­le­gri­no Pre­cur­sore colto e appas­sion­a­to del­la Via Fran­ci­ge­na in Italia e in Europa”, è il mot­to delle due gior­nate, 21 e 22 mag­gio, che il Grup­po dei Dod­i­ci, ha orga­niz­za­to per ricor­dare la figu­ra di Alber­to Alber­ti, pres­i­dente e fonda­tore del Grup­po dei Dod­i­ci, scom­par­so il 26 Dicem­bre 2021. La sua attiv­ità è lega­ta in maniera insep­a­ra­bile alla via Fran­ci­ge­na , soprat­tut­to nel recu­pero del­la memo­ria e del­la sto­ria del Cam­mi­no da Roma ver­so Gerusalemme. Le gior­nate sono ded­i­cate alla sua ered­ità e alle prospet­tive del­la Via Fran­ci­ge­na. Alber­to Alber­ti ha una lun­ga sto­ria di appas­sion­a­ta attiv­ità di stu­dioso e pre­cur­sore del­la via Fran­ci­ge­na, già negli anni 90 ha ripro­pos­to la Fran­ci­ge­na del nord sec­on­do l’itin­er­ario di Sigeri­co. Su questo ha scrit­to un libro-gui­da in col­lab­o­razione con altri cam­mi­na­tori seg­nan­do le varie tappe, dopo la ric­og­nizione del cam­mi­no e la ricer­ca dei sen­tieri stori­ci, in preparazione del Giu­bileo del Duemila.

Alber­to Alber­ti durante un cammino


Suc­ces­si­va­mente si é ded­i­ca­to alla Fran­ci­ge­na del Sud e ha cre­ato l’as­so­ci­azione “Il grup­po dei Dod­i­ci”, asso­ci­a­ta alla AEVF (asso­ci­azione euro­pea delle vie fran­ci­ge­na) che ha lo scopo di trac­cia­re, pro­muo­vere e val­oriz­zare il cam­mi­no da Roma a S. Maria di Leu­ca . La via Fran­ci­ge­na nel Sud e’ sta­ta riconosci­u­ta nel 2019 Cam­mi­no Cul­tur­ale Europeo dal Con­siglio d’Eu­ropa. Instan­ca­bile è sta­ta la sua pro­mozione all’estero del­la via Fran­ci­ge­na, parte­ci­pan­do a innu­merevoli attiv­ità e Con­feren­ze Inter­nazion­ali. Da ricor­dare la grande cam­mi­na­ta che ha orga­niz­za­to, in col­lab­o­razione con altre Asso­ci­azioni straniere, dal­la Norve­g­ia a Roma “Pil­grim­sCross­ing­Bor­der”, con­clusasi nel­la sala del­la Pro­to­mote­ca al Campi­doglio. Le gior­nate a lui ded­i­cate sono divise in due fasi: la pri­ma a Roma con un Con­veg­no che si ter­rà alla Sala Con­feren­ze del­la Basil­i­ca San­ti Apos­toli di Roma, con il tito­lo “Alber­to Alber­ti, Il Ricor­do, l’Eredita’ e le Prospet­tive” con un breve Video intro­dut­ti­vo su Alber­to Alber­ti . con inter­ven­ti di per­son­al­ità isti­tuzion­ali , tra le quali : Francesco Rutel­li , l’ Asses­sore al Tur­is­mo Regione Lazio Valenti­na Cor­ra­do, l’On. Sil­via Cos­ta e il pres­i­dente dell’ Asso­ci­azione Euro­pea Vie Fran­ci­gene Mas­si­mo Tedeschi, di ami­ci ital­iani ed europei. Chi­ud­erà la gior­na­ta l’esecuzione dell’Inno “ O Roma Nobilis”, appun­ta­men­to alle ore 10,00 a via del Vac­caro, 9.

Alber­to Alber­ti, spie­ga e si esi­bisce in musi­ca anti­ca durante la sos­ta di un cammino


La sec­on­da gior­na­ta si spos­ta a Priver­no e a Fos­sano­va, con una cam­mi­na­ta dal cen­tro del paese fino all’Abbazia di Fos­sano­va, luo­go sim­bol­i­co dis­tante 100 Km da Roma, dove all’arrivo ver­rà inau­gu­ra­ta una Tar­ga in memo­ria di Alber­to Alber­ti , offer­ta dall’Aevf e dal­la Regione Lazio, con il patrocinio e la mes­sa in opera del Comune di Priver­no. Appun­ta­men­to a Priver­no alle ore 10,00 in Piaz­za Gio­van­ni XIII. “ Alber­to ha fonda­to la nos­tra asso­ci­azione e ha dato un con­trib­u­to fon­da­men­tale per la real­iz­zazione e la pro­mozione del­la via Fran­ci­ge­na nel Sud, — ci dice Gian­car­lo Forte attuale pres­i­dente del Grup­po dei Dod­i­ci -. Il suo spir­i­to e la sua eccezionale vital­ità ci ha coin­volto, oggi il Grup­po Dei Dod­i­ci gra­zie ad Alber­to , è una realtà affer­ma­ta e vitale. Con queste due gior­nate che gli abbi­amo ded­i­ca­to , vogliamo sot­to­lin­eare che il suo inseg­na­men­to ci guiderà per far crescere sem­pre di più la Cul­tura del Cam­mi­no Pel­le­gri­no e del­la Via Francigena”.