Livorno. PCI, Concluso Congresso nazionale. Mauro Alboresi confermato Segretario; Ugo Moro Tesoriere. 31 eletti nel Comitato Centrale dal Lazio

Livorno. PCI, Concluso Congresso nazionale. Mauro Alboresi confermato Segretario; Ugo Moro Tesoriere. 31 eletti nel Comitato Centrale dal Lazio

29/03/2022 1 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4169 volte!

Parte del­la sala Teatro 4 Mori di Livorno, coi del­e­gati al Con­gres­so nazionale del PCI


Livorno. Si è Con­clu­so il sec­on­do #Con­gres­so #nazionale del Par­ti­to Comu­nista Ital­iano. Elet­ti, ricon­fer­mati, tra scros­cianti applausi e inni #comu­nisti (Inter­nazionale e Bandiera Rossa) il #Seg­re­tario nazionale Mau­ro #Albore­si e il #Tesoriere nazionale Ugo #Moro Con­fer­ma­ta la lin­ea polit­i­ca a fian­co dei lavo­ra­tori, delle donne e dei gio­vani. In ques­ta fase il #PCI con­fer­ma il no alla guer­ra, il no alla NATO e il no a ques­ta UE. Ricer­ca l’u­nità dei comu­nisti e delle forze ant­i­cap­i­tal­iste. Nelle con­clu­sioni, Mau­ro Albore­si ha det­to: “Il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano è una impor­tante realtà. C’è spazio per il Par­ti­to per la capac­ità di anal­isi e di pro­pos­ta di cui siamo por­ta­tori. A liv­el­lo nazionale, lo ha det­to il Con­gres­so a Livorno. Abbi­amo svolto 63 con­gres­si provin­ciali e 20 con­gres­si region­ali. Questo vuol dire varie cose: che siamo una pre­sen­za non episod­i­ca e non lim­i­tati ad alcune aree del Paese. Siamo quin­di con­sapevoli di pun­ti di forza e di debolez­za cir­ca la nos­tra orga­niz­zazione e pro­pos­ta, ma anche di pos­si­bil­ità di cresci­ta. La realtà che ci cir­con­da è com­p­lessa, e in ver­ità pre­oc­cu­pa. Non per caso la paro­la chi­ave di ques­ta situ­azione è “crisi”. Ricostru­ire il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano sig­nifi­ca dare rispos­ta a ques­ta crisi: che è crisi di civiltà, crisi eco­nom­i­ca e finanziaria, crisi sociale, crisi morale e crisi polit­i­ca. Il nos­tro com­pi­to, il nos­tro agire questo fa: svolge anal­isi del­la realtà e pro­pone delle risposte. In questo sen­so pos­si­amo dire che siamo in pochi a far­lo e che forse con la com­pletez­za che mos­tri­amo nel far­lo forse siamo gli uni­ci. Ques­ta guer­ra, ad esem­pio – con­tin­ua il seg­re­tario nazionale – ci investe in una situ­azione dram­mat­i­ca, che può diventare più dete­ri­o­ra­ta e pre­cip­itare. Noi vedi­amo che la ges­tione dell’informazione, dei mass media cir­ca la guer­ra, han­no scel­to – i mag­giori e la stra­grande mag­gio­ran­za – di essere espres­sione dei poteri for­ti. Oscu­rare le orig­i­ni, nascon­dere l’accerchiamento che la NATO in quan­to brac­cio arma­to di ques­ta polit­i­ca, sta operan­do da trent’anni, è figlia del pen­siero uni­co. Sti­amo viven­do dal dopo 2008, una crisi strut­turale. Di tut­ta la pro­pos­ta capitalistica.

Pres­i­den­za sec­on­do con­gres­so nazionale PCI a Livorno


Ed ora che si vor­rà pro­porre il rien­tro dai presti­ti, come faran­no pae­si come il nos­tro, e soprat­tut­to noi, a resti­tuire in un anno il 60% del deb­ito accu­mu­la­to? Ed è un obbli­go che a breve sarà sul tavo­lo e sul­la pelle dei cit­ta­di­ni e dei lavo­ra­tori. Ma se la situ­azione è ques­ta, non occor­rono cor­rezioni. Occore un riv­ol­gi­men­to. Occorre un cam­bio di soci­età. Un cam­bio di sis­tema. E l’unica via è dare vita ad una soci­età social­ista. L’unità dei comu­nisti va perse­gui­ta e sal­va­guar­da­ta non per titoli, ma per l’individuazione di una cul­tura affine. Così l’unità del­la sin­is­tra, di cui noi siamo con­vin­ti pro­mo­tori, non può con­sumar­si in un sogget­to indis­tin­to e ripro­pos­to ogni vol­ta, o – elet­toral­mente – in una lista indis­tin­ta. No van­no garan­tite, pro­poste, prat­i­cate, risposte uni­tarie di rispet­to delle iden­tità. Infat­ti noi pro­poni­amo come azione la log­i­ca “Fron­tista” per­ché è quel­la capace di met­tere forze alter­na­tive unite nel medes­i­mo obbi­et­ti­vo.”. Numerosi e di qual­ità anche gli inter­ven­ti: sia degli invi­tati che del­la quar­an­ti­na di del­e­gati inter­venu­ti nel dibat­ti­to. Gli elet­ti del Lazio: Com­po­men­ti Comi­ta­to Cen­trale, Lucia Addario, Maria Celi­na Angeli­ni, Benedet­to Anghet­ti, Mau­r­izio Aver­sa, Bruno Bar­bona, Luca Bat­tisti, Lui­gi Caria, Edoar­do Castel­luc­ci, Mar­co Chi­ap­pi­ni, Cristi­na Cir­il­lo, Leni­no De Ange­lis, Oreste Del­la Pos­ta, Anna Maria Di San­to, Dion­isi Ange­lo, Pietro Fer­one, Fer­ro Adele, Giampà Gian­lu­ca, Alex Hobel, Anto­nio Mas­trangeli, Eros Mat­ti­oli, Ugo Moro, Nor­ber­to Natali, Ornel­la Pan­fili, Sonia Peco­ril­li, Vir­gilio Seu, Andrea Sonaglioni, Bruno Steri, Wal­ter Tuc­ci, Rober­to Val­loc­chia; Com­po­nen­ti Com­mis­sione Nazionale di Garanzia, Mari­na Roton­do, Francesca Turco.