MINACCE NO VAX AI MEDICI: LA FIMMG LAZIO FA UN ESPOSTO IN PROCURA

MINACCE NO VAX AI MEDICI: LA FIMMG LAZIO FA UN ESPOSTO IN PROCURA

27/01/2022 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4566 volte!

MINACCE NO VAX AI MEDICI: Fimmg Lazio  esposto alla Procura della Repubblica contro la marea montate di  pressioni e coercizioni,  intervengano le istruzioni

Pre­sen­ta­to un espos­to alla Procu­ra del­la Repub­bli­ca da parte dei Seg­re­tari Fim­mg di Roma, Pier Lui­gi Bar­to­let­ti e del Lazio Gian­ni Cir­il­li, con­tro la marea mon­tante di  coer­cizioni e intim­i­dazioni da parte di pazi­en­ti no vax nei con­fron­ti dei medici di famiglia del­la Regione.

All’o­rig­ine del­lo scon­tro, sem­pre più sopra le righe,  che spes­so finisce in atti intim­ida­tori, la  richi­es­ta al medico di pre­scri­vere il vac­ci­no (cosa per­al­tro impos­si­bile) o cer­ti­fi­care l’e­sen­zione su patolo­gie fuori dalle linee min­is­te­ri­ali  o di assumer­si la respon­s­abil­ità diret­ta e per­son­ale per quan­to riguar­da even­tu­ali effet­ti avver­si, per­cor­si impos­si­bili e fuori legge, con richi­este che ven­gono avan­zate in modo intim­ida­to­rio anche attra­ver­so atti di avvo­cati, mail per­en­to­rie, mes­sag­gi ripetu­ti e incalzan­ti di sms e what­sapp, tele­fonate ripetute, e non ultime, incur­sioni negli stu­di con parole grosse e insul­ti, un mix che sta cre­an­do ten­sioni negli stu­di dei medici ormai provati da due anni di pres­sione pan­dem­i­ca. “Una situ­azione insosteni­bile che arri­va fino a deter­minare l’in­ter­ruzione di un pub­bli­co servizio.”

Ha dichiara­to Gio­van­ni Cir­il­li Seg­re­tario del­la Fim­mg Lazio: “Con pazi­en­ti in atte­sa di cure nei nos­tri stu­di che restano coin­volti in episo­di che spes­so rasen­tano la rissa”.

“Il nos­tro espos­to in procu­ra “ ha com­men­ta­to Pier lui­gi Bar­to­let­ti seg­re­tario provin­ciale del­la Fim­mg Roma  “denun­cia  una situ­azione che negli ulti­mi giorni è cresci­u­ta a dis­misura e non più accetta­bile. Occorre uno stop deciso e chiedi­amo l’intervento delle isti­tuzioni, a tutela non solo dei medici, molto provati in questo peri­o­do, ma di quei cit­ta­di­ni che neces­si­tano vera­mente di cure e che trovano medici dis­trat­ti da tali atteggia­men­ti, e non par­liamo solo dei medici di famiglia, ma di tut­ti i medici che oper­a­no  in strut­ture ambu­la­to­ri­ali ospedali e pron­to soccorso.“

Tante le richi­este di aiu­to che in questi giorni sono arrivate all’indirizzo del­la Fed­er­azione laziale, da medici di tut­ta Italia, da medici che chiedono di lavo­rare in scien­za e coscien­za e per far­lo chiedono una seren­ità ora­mai  smarrita.

“Solo la seren­ità clin­i­ca dei medici potrà garan­tire un adegua­ta pro­tezione san­i­taria per i pazi­en­ti” dichiara l’Avv. Olin­do Caz­zol­la di Roma che ha cura­to per con­to del­la Fim­mg Lazio l’esposto in procu­ra. I seg­re­tari Bar­to­let­ti e Cir­il­li, si legge nell’esposto, si met­ter­an­no  a dis­po­sizione per essere ascoltati dal­la Procu­ra in mer­i­to alla questione.