A Giulianello è tempo di raccolta delle erbe spontanee

A Giulianello è tempo di raccolta delle erbe spontanee

04/04/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3740 volte!

Domeni­ca 9 Aprile, passeg­gia­ta gui­da­ta ed infor­ma­ta a cura di esper­ti nelle cam­pagne giu­liane­si per conoscere e riconoscere queste erbe e i moltepli­ci impieghi che se ne fan­no in cuci­na e in cam­po alimur­gi­co, cos­meti­co, salutis­ti­co. Ritro­vo alle ore 8:30 a piaz­za Umber­to I. Pran­zo al sac­co, abbiglia­men­to como­do.

Domeni­ca 9 Aprile, a Giu­lianel­lo, ‘Erbe spon­ta­nee: tem­po di rac­col­ta’. Lun­go il per­cor­so del­la via Fran­ci­ge­na del Sud, tra il Lago di Giu­lianel­lo e gli ulti­mi lem­bi del­la cam­pagna romana, si andrà alla loro scop­er­ta, per conoscerne anche l’impiego in cam­po alimur­gi­co, cos­meti­co, salutis­ti­co, sot­to la gui­da esper­ta delle erboriste Anja Lati­ni e Ambra Cen­tra e del rac­cogli­tore Iseno Tam­burlani.

La passeg­gia­ta inizierà alle 8:30 con ritro­vo a piaz­za Umber­to I. Si per­cor­reran­no cir­ca 8 Km, per­ciò si con­siglia un abbiglia­men­to como­do e scarpe da trekking. È pos­si­bile portare con sé il pran­zo al sac­co. Per chi non volesse tornare a pie­di sarà disponi­bile una vet­tura dalle 12:00 alle 13:00 e dopo le 15:30. Per mag­giori infor­mazioni con­tattare: 3391835787, 3466160704, 3276963201.

Cico­ria, cico­ri­one, ramanuc­ci e … almeno una deci­na le specie di erbe spon­ta­nee che crescono e si rac­col­go­no nei campi giu­liane­si. Ma non tut­ti ne conoscono e riconoscono le vari­età, igno­ran­done le innu­merevoli pro­pri­età, i moltepli­ci uti­lizzi in cuci­na, per quelle com­mestibili, e gli altret­tan­ti nei set­tori medico e med­icale, i tem­pi e le modal­ità di coltura.

Ecco per­ché, in coin­ci­den­za dell’inizio del peri­o­do di rac­col­ta, si tiene annual­mente almeno una gior­na­ta di for­mazione ed infor­mazione ded­i­ca­ta alla conoscen­za di quelle che un tem­po era­no con­sid­er­ate erbe eduli o malerbe, che nascono da sé. L’evento ha ottenu­to anche il patrocinio del­la FEI — Fed­er­azione Erboristi Ital­iani.

L’organizzazione è cura­ta da sem­pre dal­la Comu­nità del Cibo «Le Cico­ri­are» e dal­la Con­dot­ta Slow Food Cori – Giu­lianel­lo «Raf­faele Mar­che­t­ti», impeg­nate nel­la val­oriz­zazione di queste erbe, tra­man­dan­done la memo­ria di antichi usi ali­men­ta­ri e tradizioni agri­cole, e riscat­tan­dole da quel­la nomea neg­a­ti­va di erbe cat­tive, com­petitri­ci e fonte di prob­le­mi per le col­ture erbacee.

Quest’anno c’è un part­ner in più, l’Asso­ci­azione cul­tur­ale Tut­tisu­pert­er­ra, che opera nel tur­is­mo ali­menta­re, pro­po­nen­do sog­giorni in zona coni­u­gati ad un’alimentazione veg­ana e veg­e­tar­i­ana, forte­mente lega­ta al ter­ri­to­rio, col sup­por­to del­la chef Lucia Mil­lone, e cor­si di auto­pro­duzione di prodot­ti erboris­ti­ci e cos­meti­ci, tenu­ti da erboristi lau­re­ati e iscrit­ti alla FEI.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR

Related Images: