Giornate FAI di Primavera: 1600 visitatori a Cori nel fine settimana

Giornate FAI di Primavera: 1600 visitatori a Cori nel fine settimana

27/03/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2421 volte!

Il pat­ri­mo­nio stori­co e artis­ti­co del­la Cit­tà d’Arte e la sua offer­ta cul­tur­ale si con­fer­mano tra i più inter­es­san­ti del­la provin­cia di Latina.

Il pat­ri­mo­nio stori­co e artis­ti­co di Cori e la sua offer­ta cul­tur­ale si con­fer­mano tra i più inter­es­san­ti del­la provin­cia di Lati­na. Nelle due Gior­nate FAI di Pri­mav­era, saba­to 25 e domeni­ca 26 Mar­zo, sono sta­ti reg­is­trati 1600 vis­i­ta­tori sui luoghi priv­i­le­giati selezionati dal Fon­do per l’Ambiente Ital­iano: il Com­p­lesso Mon­u­men­tale di Sant’Oliva (Chiesa, Chiostro e Con­ven­to, oggi sede del Museo del­la Cit­tà e del Ter­ri­to­rio) e i due mon­u­men­ti nazion­ali, Tem­pio di Ercole e Ora­to­rio dell’Annunziata.

In pro­gram­ma c’erano anche passeg­giate arche­o­logiche all’interno delle mura polig­o­nali tra gli altri siti più impor­tan­ti del paese. Da Piaz­za del­la Croce si è risal­i­ti ver­so l’area del foro (attuale via delle Colonne) e il Tem­pio dei Dioscuri, pas­san­do dal­la Chiesa di San­ta Maria del­la Pietà, per poi scen­dere fino al Ponte del­la Cate­na, attra­ver­san­do il Poz­zo Dori­co e le Sip­por­ti­ca. Aper­ta per l’occasione la Chiesa di San Sal­va­tore.

È la sec­on­da vol­ta che la cit­tà di Cori viene inseri­ta dal FAI nel suo even­to nazionale, giun­to quest’anno alla 25^ edi­zione. La macchi­na orga­niz­za­ti­va ha impeg­na­to una plu­ral­ità di sogget­ti: la Del­egazione FAI Gae­ta-Lati­na; l’Ammin­is­trazione comu­nale; la Direzione sci­en­tifi­ca del Museo di Cori; la Pro Loco Cori; la Direzione del Polo Muse­ale del Lazio; la Direzione dell’Annunziata; le asso­ci­azioni Arca­dia, Pro­tezione Civile di Cori, Sbandier­a­tori Leone Ram­pante e Tres Lusores.

Gli stu­den­ti del Liceo Meuc­ci di April­ia e del Liceo Artis­ti­co di Lati­na, adeguata­mente preparati nelle scorse set­ti­mane dagli esper­ti del­l’Ar­ca­dia, han­no guida­to le vis­ite da per­fet­ti Apprendisti Ciceroni. A dis­po­sizione dei tur­isti sono state pre­dis­poste appo­site navette. Per loro sono sta­ti preparati otti­mi menu tur­is­ti­ci a base di tipic­ità enogas­tro­nomiche del ter­ri­to­rio pres­so la Trat­to­ria da Metar­do, il Ris­torante da Chec­co, il Ris­torante Zampi e il Ris­torante Sette Cami­ni.

Mar­co Castaldi

Addet­to Stam­pa & OLMR