Finanziato il “Gal Monti Lepini”.  Il Piano d’Azione Locale supera la selezione del bando regionale

Finanziato il “Gal Monti Lepini”. Il Piano d’Azione Locale supera la selezione del bando regionale

31/10/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2427 volte!

cartina_gal-montilepiniFinanzi­a­to il “Gal Mon­ti Lepini”

Il Piano d’Azione Locale supera la selezione del ban­do regionale

La Regione Lazio ha pub­bli­ca­to la grad­u­a­to­ria del­la selezione delle  pro­poste di PSL  pre­dis­poste nel rispet­to delle dis­po­sizioni con­tenute nel ban­do del­la Misura 19 del Pro­gram­ma Leader Piano di Svilup­po Rurale del Lazio 2014/2020 .

Nel­la grad­u­a­to­ria dei prog­et­ti ammes­si rien­tra Il Piano di svilup­po del  “Gal dei Mon­ti Lep­i­ni” che supera la selezione pre­vista dal ban­do regionale in coeren­za con quan­to rap­p­re­sen­ta­to dal prog­et­to presentato.

Si trat­ta di un risul­ta­to molto impor­tante per il ter­ri­to­rio inter­provin­ciale di Lati­na, Frosi­none e Roma e per i 18 comu­ni soci del Gal che si sono impeg­nati insieme ai pri­vati e agli altri Enti Pub­bli­ci a con­sol­i­dare una visione sis­tem­i­ca del com­pren­so­rio dei Lepini .

logo_gal-montilepiniCon il Piano di svilup­po Locale approva­to s’in­tende svilup­pare una strate­gia sin­er­gi­ca incen­tra­ta sul­la speci­ficità tur­is­ti­ca dei Mon­ti Lep­i­ni attra­ver­so la val­oriz­zazione delle fil­iere dei prodot­ti locali (prodot­ti agroal­i­men­ta­ri di pre­gio, tradizioni enogas­tro­nomiche e ris­torazione) e la mes­sa in rete del ric­co pat­ri­mo­nio cul­tur­ale, artis­ti­co ed arche­o­logi­co del territorio. 

In ques­ta direzione si vogliono svol­gere le seguen­ti azioni prioritarie:

  • creazione di col­lega­men­ti vir­tu­ali tra le diverse aree del ter­ri­to­rio attra­ver­so la definizione di itin­er­ari e tem­a­tis­mi che val­orizzi­no i luoghi di mag­gior inter­esse, i prodot­ti e le tradizioni enogas­tro­nomiche e miglior­i­no i servizi dell’accoglienza; 
  • nasci­ta di nuove inizia­tive, nuovi prodot­ti e servizi che diano sup­por­to alla strate­gia dell’accoglienza perse­gui­ta con il PSL (info, trasporti, preno­tazioni, guide, …); 
  • svilup­po di inter­azioni tra i pro­dut­tori agri­coli del com­pren­so­rio e gli oper­a­tori dei servizi di trasfor­mazione, com­mer­cial­iz­zazione e ris­torazione per il sosteg­no del mer­ca­to inter­no ed ester­no dei prodot­ti locali; 
  • accor­ci­a­men­to delle fil­iere agroal­i­men­ta­ri in relazione all’opportunità di riv­i­tal­iz­zare i mer­cati locali in fun­zione dei mag­giori flus­si turistici; 
  • favorire la cresci­ta di servizi di ricettiv­ità dif­fusa nelle aziende agri­t­ur­is­tiche in chi­ave mul­ti­fun­zionale e sec­on­do cri­teri e pre­sup­posti di col­lega­men­to delle strut­ture alla pre­sen­za di itin­er­ari tematici.

Il Gal dei Mon­ti Lep­i­ni avvierà da subito le pro­ce­dure pre­viste dal Pro­gram­ma Leader per impeg­nare in tem­pi rapi­di la dotazione finanziaria di sei mil­ioni di Euro di spe­sa pub­bli­ca attra­ver­so una cap­il­lare azione di comu­ni­cazione e attra­ver­so la tem­pes­ti­va pub­bli­cazione dei ban­di a favore degli oper­a­tori  pri­vati e degli Enti locali.

Il Pres­i­dente del­la Com­pag­nia dei Lep­i­ni Quiri­no Brig­an­ti, che ha coor­di­na­to tut­ta la fase pre­lim­inare del­la cos­ti­tuzione del Gal dei Lep­i­ni, dichiara: ”Il riconosci­men­to del­la bon­tà del nos­tro prog­et­to, con il supera­men­to del­la selezione pre­vista dal Ban­do regionale, apre una fase nuo­va per la pro­mozione e val­oriz­zazione del nos­tro ter­ri­to­rio. Quan­to con­tenu­to nel Piano d’Azione Locale rap­p­re­sen­ta una val­i­da strate­gia per avviare inizia­tive di svilup­po ter­ri­to­ri­ale volte a val­oriz­zare le fil­iere agroal­i­men­ta­ri ed enogas­tro­nomiche tipiche e l’ingente pat­ri­mo­nio dei beni cul­tur­ali dei Lepini”. 

Il Pres­i­dente del Gal Mon­ti Lep­i­ni Tom­ma­so Con­ti, attuale Sin­da­co di Cori, affer­ma: “L’ap­provazione del Gal Mon­ti Lep­i­ni è un grande risul­ta­to per tut­to il ter­ri­to­rio e pre­mia il lavoro di con­cer­tazione corale pub­bli­co-pri­va­ta. Un’ occa­sione per val­oriz­zare e pro­muo­vere, attra­ver­so le azioni con­tenute nel PSL, il ter­ri­to­rio e le sue risorse agro-ali­men­ta­ri e cul­tur­ali. Accogliamo con sod­dis­fazione ques­ta nuo­va sfi­da e da domani sare­mo pron­ti per dare avvio alle pro­ce­dure per l’at­ti­vazione dei con­tenu­ti del Piano di Svilup­po Locale”.

Gal Mon­ti Lep­i­ni, l’e­len­co dei comu­ni soci

I comu­ni com­pre­si nel com­pren­so­rio dei Mon­ti Lep­i­ni che han­no ader­i­to all’iniziativa di svilup­po locale di tipo parte­ci­pa­ti­vo (SLTP) sono i seguen­ti: Amaseno (FR), Arte­na (RM), Bassiano (LT), Carpine­to Romano (RM), Cori (LT), Gav­i­g­nano (RM), Giu­liano di Roma (FR), Gor­ga (RM), Maen­za (LT), Nor­ma (LT), Patri­ca (FR), Priver­no (LT), Roc­ca Mas­si­ma (LT), Roccagor­ga (LT), Seg­ni (RM), Ser­mon­e­ta (LT), Sezze (LT), Vil­la S. Ste­fano (FR).