L’azzardo non è un gioco: a Cori l’incontro di sensibilizzazione sul tema del gioco d’azzardo patologico

L’azzardo non è un gioco: a Cori l’incontro di sensibilizzazione sul tema del gioco d’azzardo patologico

03/09/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3449 volte!

A con­clu­sione del prog­et­to dis­tret­tuale sul GAP, mer­coledì 7 Set­tem­bre, alle ore 18:00, pres­so la sala con­feren­ze del Museo del­la Cit­tà e del Ter­ri­to­rio di Cori, si ter­rà il tavo­lo tem­ati­co aper­to alla cit­tad­i­nan­za con inter­ven­ti di alcu­ni esper­ti del set­tore. 

A con­clu­sione del prog­et­to dis­tret­tuale ASL 1 Lati­na sul con­trasto al gio­co d’azzardo pato­logi­co (GAP) è sta­to orga­niz­za­to a Cori l’incon­tro ‘L’azzardo non è un gio­co’, che si ter­rà il 7 set­tem­bre, alle ore 18:00, pres­so la sala con­feren­ze del Museo del­la Cit­tà e del Ter­ri­to­rio. Sarà un’occasione di sen­si­bi­liz­zazione e per conoscere, insieme ad esper­ti del set­tore, il fenom­e­no e i pos­si­bili inter­ven­ti da attuare. Tut­ta la cit­tad­i­nan­za è invi­ta­ta a parte­ci­pare.

Oggi tut­ti pos­sono gio­care, da soli e con facil­ità; van­no per la mag­giore giochi dal­la vinci­ta imme­di­a­ta (grat­ta e vin­ci, videopok­er, lot­terie istan­ta­nee) e quel­li online in cui si è nel com­ple­to anon­i­ma­to e la car­ta di cred­i­to limi­ta la con­sapev­olez­za del denaro per­so. In tem­pi di crisi poi si dif­fonde l’illusione di pot­er “vin­cere facile” e cam­biar vita. Ecco per­ché è aumen­ta­to il numero di col­oro che svilup­pano un dis­tur­bo da gio­co d’azzardo, anche fra gio­vani e gio­vanis­si­mi.

Nei Comu­ni April­ia, Cis­ter­na e Cori, fin dal­lo scor­so Otto­bre, con il con­trib­u­to del­la Regione Lazio sono sta­ti atti­vati gli sportel­li dis­tret­tuali di infor­mazione ed ascolto per il con­trasto del gio­co d’azzardo pato­logi­co, gesti­ti dagli Asses­so­rati alle Politiche Sociali e dai Servizi Sociali, in col­lab­o­razione con il Grup­po Logos Onlus. In base alla legge regionale n. 5/2013,  gli sportel­li GAP accol­go­no i gio­ca­tori d’azzardo pato­logi­ci in cer­ca di aiu­to e i loro famil­iari; li ori­en­tano ai servizi socio san­i­tari pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio e real­iz­zano attiv­ità di pre­ven­zione.

Al tavo­lo tem­ati­co saran­no pre­sen­ti i Sin­daci di Cori, Cis­ter­na e Roc­ca Mas­si­ma: Tom­ma­so Con­ti, Eleono­ra Del­la Pen­na ed Ange­lo Tomei. Inter­ver­ran­no: Ste­fa­nia Piraz­zo, Pres­i­dente del Grup­po Logos Saler­no; Giuseppe Lam­ber­ti, Pres­i­dente dell’Associazione Famiglie in Gio­co Saler­no; i mem­bri delle comu­nità mul­ti­fa­mil­iari Famiglie in Gio­co.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR

Related Images: